MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
21 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
28 giorni
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
16 apr
Prossimo evento tra
42 giorni
G
GP di Spagna
29 apr
Prossimo evento tra
55 giorni
G
GP di Francia
13 mag
Prossimo evento tra
69 giorni
G
GP d'Italia
27 mag
Prossimo evento tra
83 giorni
G
GP della Catalogna
03 giu
Prossimo evento tra
90 giorni
G
GP di Germania
17 giu
Prossimo evento tra
104 giorni
G
GP d'Olanda
24 giu
Prossimo evento tra
111 giorni
G
GP di Finlandia
08 lug
Prossimo evento tra
125 giorni
G
GP d'Austria
12 ago
Prossimo evento tra
160 giorni
G
GP di Gran Bretagna
26 ago
Prossimo evento tra
174 giorni
G
GP di Aragon
09 set
Prossimo evento tra
188 giorni
G
GP di San Marino
16 set
Prossimo evento tra
195 giorni
G
GP del Giappone
30 set
Prossimo evento tra
209 giorni
G
GP della Tailandia
07 ott
Prossimo evento tra
216 giorni
G
GP d'Australia
21 ott
Prossimo evento tra
230 giorni
G
GP di Malesia
28 ott
Prossimo evento tra
237 giorni
G
GP di Valencia
11 nov
Prossimo evento tra
251 giorni

Ciabatti: "Ducati è la miglior scelta per Dovizioso"

Il direttore sportivo della Ducati, Paolo Ciabatti, ha dichiarato che le parti si sono avvicinate per il rinnovo di Andrea Dovizioso e ritiene che questa sia la miglior opzione per il forlivese.

Ciabatti: "Ducati è la miglior scelta per Dovizioso"

Il vice-campione del mondo delle ultime tre stagioni, Andrea Dovizioso, è stato l'avversario più temibile di Marc Marquez. Un fatto reso in parte possibile anche dal suo abbinamento con la Ducati.

Il contratto del forlivese scadrà al termine del 2020 e al momento c'è ancora un alone di dubbio sul rinnovo, perché le trattative proseguono, ma non è ancora stato raggiunto un accordo.

Paolo Ciabatti, direttore sportivo di Ducati Corse, ritiene che il particolare periodo che stiamo attraversando, a seguito della pandemia del COVID-19, abbia cambiato lo scenario e portato il pilota italiano a riflettere sulla sua scelta.

"Penso che un periodo così lungo senza Gran Premi, con l'obbligo per tutti noi, Dovi compreso, di rimanere a casa, possa portare a una serie di riflessioni su molti aspetti, anche sul futuro" ha detto Ciabatti in un'intervista concessa a Moto.it. "Se la stagione fosse iniziata normalmente ed avessimo ottenuto i risultati che spero, la situazione sarebbe più semplice al momento. Questa situazione invece espone i piloti ad una serie di riflessioni che probabilmente non avrebbero avuto in un periodo normale".

Il timore della Ducati è che i disaccordi dello scorso anno hanno scosso la squadra al suo interno possano aver influenzato il pilota forlivese a pensare ad un cambio di marchio se la situazione non migliorerà.

"I momenti difficili dell'anno scorso hanno lasciato delle scorie che sono state rimosse. Ci sono delle regioni legate alla nostra storia con Andrea che mi fanno pensare che possiamo continuare insieme. So bene che nel 2019 ci sono stati dei momenti difficili tra noi, ma li abbiamo superati ed abbiamo ottenuto ottimi risultati proprio in quel momento critico".

Leggi anche:

"Nella vita ci sono delle incomprensioni e degli scontri: l’unico modo di andare avanti, passata l’emozione del momento che ti fa fare e dire cose che non avresti voluto dire, è sederti a un tavolo e chiarire i punti di vista, affrontare le situazioni per le quali si è entrati in contrasto per sgombrare il campo dai dubbi o, eventualmente, confermare che non ci sono le condizioni per andare avanti. Bisogna valutare la situazione in generale, capire anche che in un matrimonio che va avanti da 8 anni, ci possano essere dei momenti di tensione, che poi nascono dalla stessa volontà: vincere, ottenere certi risultati. La frustrazione nasce dallo stesso obiettivo, quello di voler fare meglio e di più. Lo spirito che anima Ducati e Andrea è lo stesso".

Problema risolto per il 2020

Secondo il direttore sportivo per la Ducati, la trattativa è entrata in una fase decisiva, dopo che le due parti hanno trovato un accordo per l'ingaggio del 2020.

"La situazione è fluida: abbiamo sistemato in qualche modo il problema legato al 2020 e adesso stiamo facendo una serie di considerazione sui prossimi due anni".

Tuttavia, la questione finanziaria rimane un elemento importante nella trattativa, anche se per Ciabatti prevale la qualità del progetto Ducati, in un momento in cui la realtà economica si è capovolta per tutti.

"Noi siamo la migliore scelta per Andrea dal punto di vista della competitività, e lui lo è per Ducati per lo stesso motivo, al di là dell’età che avanza: so che è preparatissimo e continua ad allenarsi con il massimo impegno. Tutto questo mi fa pensare che non ci siano motivi particolari per non trovare un accordo ragionevole che tenga conto da una parte delle esigenze del pilota e dall’altra quelle dell’azienda in un periodo economico piuttosto critico".

"Si parla della peggiore crisi del dopoguerra: è normale che bisogna trovare un accordo sostenibile dal punto di vista economico. Non è l’unico problema da affrontare, ma è un elemento molto importante: è vero che i piloti si sentano valutati da una azienda anche sulla base di quanto gli viene riconosciuto, ma sfortunatamente ci troviamo in una situazione che fa presagire un quadro economico molto complicato per tutti i Paesi, e per l’Italia in particolare".

Paolo Ciabatti, Ducati Corse Sporting Director

Sebbene dopo la probabile partenza di Pol Espargaro, la Casa austriaca non rappresenta un'opzione sufficientemente competitiva per sedurre Dovizioso secondo Ciabatti.

"Ho il massimo rispetto della KTM, ma al momento non credo abbiano una moto che possa consentire a un pilota come Andrea di vincere dei GP e lottare per il mondiale. Questo è un fatto. Credo che il Dovi potrebbe essere molto utile a un progetto del genere per sviluppare la moto e portarla a essere competitiva, ma non penso che il risultato sarebbe ottenibile in tempi relativamente brevi".

"Non credo che un pilota che ha raggiunto i risultati di Andrea e che ha la sua età - non è vecchio, ma non è nemmeno un ragazzino - abbia la motivazione per fare una scelta diversa: vorrebbe dire rinunciare all’obiettivo di lottare per il titolo e per vincere dei GP".

"Se l’obiettivo del pilota è quello che abbiamo noi, ovvero essere competitivo in tutte le gare per impensierire Márquez e tutti gli altri piloti Yamaha e Suzuki, l’unica Casa che ti può offrire un pacchetto complessivo per conquistarlo, è la Ducati" ha concluso.

condivisioni
commenti
Avintia pensa di tenere Zarco nel 2021

Articolo precedente

Avintia pensa di tenere Zarco nel 2021

Prossimo Articolo

MotoGP, Pol Espargaró: "La Honda è la moto che vogliono tutti"

MotoGP, Pol Espargaró: "La Honda è la moto che vogliono tutti"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Andrea Dovizioso
Team Ducati Team
Autore Léna Buffa
Valentino Rossi, quella voglia di stupire ancora a 42 anni Prime

Valentino Rossi, quella voglia di stupire ancora a 42 anni

Nonostante i suoi 42 anni, Valentino Rossi non ne vuole sapere di appendere il casco al chiodo: per continuare a correre in MotoGP ha accettato di passare al Team Petronas, ma con supporto ufficiale Yamaha. Crede ancora in sé stesso ed ha voglia di dimostrare a tutti di poter continuare a lottare con i migliori. Ce la farà a rinascere ancora una volta?

MotoGP
2 mar 2021
Pramac e la vittoria con Ducati solo sfiorata Prime

Pramac e la vittoria con Ducati solo sfiorata

Il Pramac Racing entra nella sua 20esima stagione in MotoGP, la 17esima con Ducati ed insegue ancora la sua prima vittoria con la Casa di Borgo Panigale, pur avendola sfiorata in diverse occasioni. Ripercorriamo insieme tutte le volte che è mancato veramente un soffio.

MotoGP
28 feb 2021
Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati Prime

Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati

Il ritorno di un pilota australiano in sella ad una Ducati ufficiale fa tornare alla memoria un periodo glorioso per la Casa di Borgo Panigale. Miller, però, è un personaggio che potrà aiutare il team a tornare ai vertici.

MotoGP
25 feb 2021
Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test? Prime

Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test?

Dopo un 2020 senza vittorie in MotoGP, la Honda è chiamata assolutamente al riscatto nel 2021, anche se la sua stagione inizierà in salita: Marc Marquez non è ancora pronto, quindi dovrà saltare i test e non si sa ancora quando potrà tornare a correre. Che impatto avrà questo sullo sviluppo della RC213V?

MotoGP
24 feb 2021
Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici Prime

Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici

La crescita di Alex Marquez è stata una delle sorprese della MotoGP 2020 e, uscendo finalmente dall'ombra del fratello Marc, ha dimostrato che alcune persone si sbagliavano. Non che gli importi di questo, come ha spiegato a Lewis Duncan.

MotoGP
21 feb 2021
La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales Prime

La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales

Dopo l'elettrizzante inizio della sua carriera in Yamaha nel 2017, Maverick Vinales ha faticato a trovare la costanza. Molti temono che l'arrivo di Fabio Quartararo possa significare un disastro per lui, ma la partenza di Valentino Rossi potrebbe essere proprio l'impulso di cui ha bisogno.

MotoGP
19 feb 2021
Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte" Prime

Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte"

Intervista esclusiva a Luca Marini, esordiente nel campionato 2021 di MotoGP. Il marchigiano si racconta ai nostri microfoni in vista del primo anno da rookie in sella ad una Ducati del team Esponsorama.

MotoGP
19 feb 2021
KTM: attacco a quattro punte, ma forse manca il "bomber" Prime

KTM: attacco a quattro punte, ma forse manca il "bomber"

La Casa austriaca prova a cambiare filosofia, schierando quelli che ritiene essere due team ufficiali a tutti gli effetti. Dopo le tre vittorie del 2020, le ambizioni sono elevate, ma i quattro piloti ne saranno all'altezza?

MotoGP
15 feb 2021