Aragon, Libere 1: Dovizioso guida un grande poker Ducati, Rossi è settimo

condivisioni
commenti
Aragon, Libere 1: Dovizioso guida un grande poker Ducati, Rossi è settimo
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
21 set 2018, 08:59

Le Desmosedici GP hanno monopolizzato le prime quattro posizioni con il forlivese davanti a Petrucci, Miller e Lorenzo. Vinales è il primo degli inseguitori, mentre il "Dottore" paga nove decimi. Tra di loro c'è Marquez con gomma usata.

Uno dei leitmotiv che abbiamo sentito di più dopo la pausa estiva della MotoGP è quello che dice che ormai non ci sono più piste ostiche per la Ducati. Se ci fosse stato ancora qualche dubbio in questo senso, sembra essere stato sfatato proprio questa mattina, nella prima sessione di prove libere del GP di Aragon.

Le Desmosedici GP si sono rese protagoniste di una vera e propria prova di forza, monopolizzando addirittura le prime quattro posizioni con le due moto del team ufficiale e con le due del Pramac Racing. Tra le altre cose, è interessante notare che tutti i primi quattro hanno ottenuto le loro prestazioni con la gomma dura al posteriore.

Il più veloce alla fine è stato Andrea Dovizioso, che con il suo 1'48"020 è già sceso sotto al record in gara del Motorland Aragon. Una prestazione davvero interessante se si considera che è arrivata dopo appena 45 minuti di prove. Alle sue spalle però è stato molto veloce anche Danilo Petrucci, distanziato di 190 millesimi con la GP18 con i colori Pramac.

Anche la GP17 però è parsa particolarmente a proprio agio, perché in terza posizione troviamo Jack Miller, staccato di 524 millesimi, che precede la seconda Desmosedici GP ufficiale di Jorge Lorenzo per appena 17 millesimi. Va aggiunto comunque che questi quattro sono tra i piloti che avevano effettuato i test ad Aragon subito dopo il weekend di Silverstone.

Stesso discorso che vale anche per le due Yamaha ufficiali, che hanno occupato la quinta e la settima posizione rispettivamente con Maverick Vinales e Valentino Rossi. Entrambi i piloti della Casa di Iwata hanno però evidenziato un consumo piuttosto anomalo degli pneumatici, beccando sette e nove decimi dal miglior tempo di "Desmodovi".

Considerato che è il solo dei big a non essere sceso in pista due settimane fa, deve comunque preoccupare la concorrenza il sesto tempo di Marc Marquez. Anche se ha pagato poco meno di otto decimi, il leader del Mondiale è l'unico ad aver portato le stesse gomme fino alla fine del turno tra i piloti che abbiamo già citato, quindi le prestazioni della sua Honda paiono piuttosto interessanti.

Continuando a scorrere la cassifica, l'ultimo ad aver pagato meno di un secondo è Johann Zarco, ottavo con la Yamaha Tech 3 davanti alla Honda LCR di Cal Crutchlow ed alle due Suzuki di Andrea Iannone e di Alex Rins. Pure le GSX-RR erano presenti ai test di due settimane fa, ma non hanno iniziato con lo stesso sprint, pagando oltre un secondo rispetto alla vetta.

Seguono poi i due fratelli Espargaro, con la KTM di Pol che ha avuto la meglio sull'Aprilia di Aleix per poco più di un decimo, mentre continua a faticare davvero tanto Dani Pedrosa: lo spagnolo è solamente 18esimo a poco meno di due secondi con la sua Honda della HRC. 22esima posizione invece per la RC213V con i colori della Marc VDS affidata a Franco Morbidelli.

Molto staccato l'esordiente Jordi Torres, che in questo fine settimana ha rilevato il posto di Christophe Ponsson sulla seconda Ducati dell'Avintia Racing. E' vero che il pilota spagnolo ha chiuso a 4"8 da Dovizioso, ma ha sicuramente confermato di essere un pilota di livello superiore rispetto al francese, che nella FP1 di Misano ne aveva beccati oltre sette. Nel box Avintia bisogna poi segnalare anche i problemi tecnici che nel finale hanno costretto Xavier Simeon a parcheggiare in fondo al rettilineo dopo una grande fumata bianca.

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Speed Trap
1 4 Italy Andrea Dovizioso Ducati 19 1'48.020     169.235 336
2 9 Italy Danilo Petrucci Ducati 18 1'48.210 0.190 0.190 168.938 337
3 43 Australia Jack Miller Ducati 19 1'48.734 0.714 0.524 168.124 329
4 99 Spain Jorge Lorenzo Ducati 17 1'48.751 0.731 0.017 168.097 336
5 25 Spain Maverick Viñales Yamaha 17 1'48.803 0.783 0.052 168.017 334
6 93 Spain Marc Márquez Alenta Honda 19 1'48.804 0.784 0.001 168.015 336
7 46 Italy Valentino Rossi Yamaha 19 1'48.958 0.938 0.154 167.778 332
8 5 France Johann Zarco Yamaha 16 1'49.003 0.983 0.045 167.709 333
9 35 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 17 1'49.128 1.108 0.125 167.517 340
10 29 Italy Andrea Iannone Suzuki 20 1'49.241 1.221 0.113 167.343 334
11 42 Spain Alex Rins Suzuki 20 1'49.439 1.419 0.198 167.041 333
12 44 Spain Pol Espargaro KTM 17 1'49.526 1.506 0.087 166.908 335
13 41 Spain Aleix Espargaro Aprilia 18 1'49.637 1.617 0.111 166.739 333
14 19 Spain Alvaro Bautista Ducati 19 1'49.639 1.619 0.002 166.736 336
15 17 Czech Republic Karel Abraham Ducati 17 1'49.648 1.628 0.009 166.722 334
16 45 United Kingdom Scott Redding Aprilia 16 1'49.780 1.760 0.132 166.522 328
17 38 United Kingdom Bradley Smith KTM 16 1'49.900 1.880 0.120 166.340 330
18 26 Spain Daniel Pedrosa Honda 19 1'49.944 1.924 0.044 166.273 338
19 30 Japan Takaaki Nakagami Honda 18 1'50.070 2.050 0.126 166.083 327
20 12 Switzerland Thomas Lüthi Honda 18 1'50.219 2.199 0.149 165.858 328
21 10 Belgium Xavier Simeon Ducati 15 1'50.314 2.294 0.095 165.716 325
22 21 Italy Franco Morbidelli Honda 17 1'50.377 2.357 0.063 165.621 331
23 55 Malaysia Hafizh Syahrin Yamaha 14 1'50.694 2.674 0.317 165.147 329
24 81 Spain Jordi Torres Ducati 18 1'52.823 4.803 2.129 162.030 332
Prossimo articolo MotoGP
Miller replica alle accuse di Ponsson: "Ha fatto passare me e Crutchlow come gli s*****i della situazione"

Articolo precedente

Miller replica alle accuse di Ponsson: "Ha fatto passare me e Crutchlow come gli s*****i della situazione"

Prossimo Articolo

Aragon, Libere 2: Marquez risponde alle Ducati, le Yamaha beccano 1"

Aragon, Libere 2: Marquez risponde alle Ducati, le Yamaha beccano 1"
Carica commenti