Gunther Steiner: “La F.1 non teme la concorrenza della F.E”

condivisioni
commenti
Gunther Steiner: “La F.1 non teme la concorrenza della F.E”
Jonathan Noble
Di: Jonathan Noble , Formula 1 Editor
Tradotto da: Chiara Rainis
04 ago 2017, 08:00

Secondo il boss Haas, gli scarsi ricavi e le guerre di potere tra i big dell’automotive renderanno la serie elettrica inoffensiva nei confronti del Circus, che in ogni caso continuerà ad essere il top del motorismo.

Gunther Steiner, Haas F1 Team principal
Gunther Steiner, Haas F1 Team Principal
Fans
Tom Dillmann, Venturi, at the start of the race
Felix Rosenqvist, Mahindra Racing, leads at the start of the race
Stéphane Sarrazin, Techeetah, spins at the start of the race
Audi logo
BMW Logo
Mercedes logo
Porsche logo
Santino Ferrucci , Haas F1 Team VF-17
Santino Ferrucci , Haas F1 Team VF-17

Nonostante la Mercedes abbia appena annunciato l’addio al DTM e la Porsche al WEC Classe LMP1 per convertirsi al "full electric" e andare così ad affiancare le già presenti Audi, Jaguar e Renault e l'attesa BMW, la Formula 1 continuerà ad essere il riferimento assoluto del motorsport.

Lo ha dichiarato convinto a Motorsport.com il team manager della Haas, Gunther Steiner, secondo cui nella categoria ecologica comincerà a breve una vera e propria lotta tra le Case coinvolte. 

“A mio avviso la Formula 1 rimane in un’ottima posizione, rappresentando il riferimento assoluto per le competizioni”, il pensiero del meranese. 

 

“In effetti la Formula E è il trend del momento. Tutti sembrano interessati a far parte del movimento elettrico ed è qualcosa di perfettamente comprensibile, anche per via dei costi ridotti rispetto alle altre categorie, ma quando ci saranno sette o otto grossi brand, non tutti potranno vincere e si creeranno dei dissidi su chi può fare di più o pretende maggior autorità”. 

“Inoltre, non attraendo molti spettatori, non capisco quale potrà essere la fonte di guadagno. È già difficile riuscirci per la massima serie, che è uno sport esistente da tempo e schiera i miglior piloti al mondo”, ha proseguito nella riflessione.

“Anche per questo considero la Formula E solamente un campionato aggiuntivo, non un pericolo. Fosse uno spauracchio ci basterebbe inserire un motore elettrico sulle nostre monoposto avendo la base per farlo e resteremmo sempre la Formula 1”, la conclusione di Steiner.

 

Prossimo articolo Formula E

Su questo articolo

Serie Formula E
Team Haas F1 Team
Autore Jonathan Noble
Tipo di articolo Ultime notizie