Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia

FE | Mahindra sui problemi in Sudafrica: "Sospensioni poco robuste"

Il Team Principal della Mahindra Formula E, Frederic Bertrand, ha ammesso che diversi fattori hanno causato i problemi alle sospensioni posteriori che hanno poi portato al ritiro del team dall'E-Prix di Città del Capo. Si tratterebbe di un problema di qualità e di validazione, con le specifiche usate in Sudafrica che non si erano rivelate sufficientemente robuste per le caratteristiche del tracciato.

Oliver Rowland, Mahindra Racing, Mahindra M9Electro

Foto di: Alastair Staley / Motorsport Images

Il costruttore indiano è stato costretto a ritirare le vetture Lucas di Grassi e Oliver Rowland in Sudafrica ancor prima della partenza, nonché le vetture Abt di Nico Muller e Kelvin van der Linde, a causa di un problema alla sospensione posteriore.

Il Team Principal Bertrand ha confermato che il problema riguardava un braccio della sospensione posteriore che si era rotto su entrambe le Mahindra e su una delle Abt dopo le FP2, costringendo i team a dover rinunciare all'evento prima dello spegnimento dei semafori.

"È stato un mix di tre cose", ha dichiarato Bertrand a Motorsport.com in vista dell'E-Prix di San Paolo di questo fine settimana.

"Probabilmente le specifiche erano un po' al di sotto di quanto richiesto [in termini di qualità]. La produzione, probabilmente alcune imperfezioni, e in più una pista così impegnativa, sconnessa e veloce, che non dava alcuna possibilità di errore, e questo è anche ciò che ha guidato la scelta".

Forse su alcune piste si potrebbe dire: "Rischiamo e poi vediamo". Ma in questo caso, il livello di rischio era troppo alto, ed è per questo che abbiamo preso la decisione estrema.

"La decisione corretta, non si sa mai quale sarà quella giusta. Penso che sia stata la più ragionevole considerando i diversi parametri, il tipo di pista su cui stavamo correndo e il livello di rischio a cui sarebbero stati esposti i nostri piloti. Non si può giocare con questo aspetto".

Oliver Rowland, Mahindra Racing, Mahindra M9Electro, in the garage

Oliver Rowland, Mahindra Racing, Mahindra M9Electro, in garage

Foto di: Carl Bingham / Motorsport Images

Bertrand ha dichiarato che il problema è stato risolto in modo ragionevolmente semplice e ha richiesto solo due settimane e mezzo per essere implementato, ed è fiducioso la situazione del Sudafrica non avrà un impatto sulle squadre in Brasile questo fine settimana.

"Abbiamo avuto bisogno di ben due settimane e mezzo per svolgere l'intero processo, dalla riproduzione del guasto al momento in cui si identifica la soluzione valida, si verifica che la soluzione sia coerente e sostenibile, e poi si passa alla produzione dei pezzi", ha aggiunto Bertrand.

"È bene o male quello che è successo. Si trattava di un problema piuttosto elementare, probabilmente dovuto a una sottostima nello sviluppo del livello di vincoli e anche nel piano di convalida che avevamo, che non era abbastanza robusto. Sicuramente sono fiducioso [che il problema sia stato risolto] e sicuramente sono contento".

 

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente FE | DS Penske può reggere il duello con Porsche?
Prossimo Articolo FE | San Paolo: Vandoorne batte Da Costa e conquista la pole

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia