Wolff: "I 3 motori 2018? Voluti da chi protesta per ridurre i costi!"

condivisioni
commenti
Wolff: "I 3 motori 2018? Voluti da chi protesta per ridurre i costi!"
Di:
26 nov 2017, 10:37

Il capo Mercedes sbotta dopo le polemiche di Horner sulla riduzione del numero dei motori scatenata da Red Bull e McLaren: "Abbiamo allungato la vita dei V6 in modo da abbassare il costo della fornitura dei team clienti. E ora si lamentano!".

Il motore di Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H
Ron Meadows, Mercedes AMG F1 Team Manager e Toto Wolff, Direttore del Motorsport Mercedes AMG F1
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13
Christian Horner, Team Principal Red Bull Racing
Yusuke Hasegawa, Capo di Honda Motorsport ed Eric Boullier, Racing Director McLaren nella foto del T
Valtteri Bottas, Mercedes-Benz F1 W08
Paddy Lowe, azionista e direttoe tecnico Williams
Paul Monaghan, Chief Engineer, Red Bull Racing, Paddy Lowe, Williams Formula 1 e Nick Chester, Diret

Toto Wolff stronca Christian Horner prima che la polemica sui tre motori prenda ulteriormente banco, visto che c’è la spinta di qualcuno per rompere il vincolo e creare una sorta di liberi tutti. La strategia della Red Bull è chiara: a Milton Keynes temono che la Renault faccia fatica a costruire motori in grado di durare sette GP per cui cercano di far saltare il banco con il supporto della McLaren.

La strategia è chiara, ma Wolff non si lascia affatto impressionare dalla posizione di Horner, perché ci tiene a precisare che se si è scesi a tre motori nel 2018 è solo perché i team clienti, e fra questi c’è la Red Bull, hanno spinto per avere power unit meno costose...
"Qui siamo alla follia – spiega Wolff – delle due ne scelgano una: vogliono una fornitura di motori che costi di meno e poi si lamentano? Sia chiaro che a noi stava bene continuare con quattro power unit per stagione, ma tutti i Costruttori sono stati spinti a ottimizzare il costo della fornitura e per questo siamo arrivati alle tre unità”.

“Ma ricordo a tutti che al tavolo della discussione c’erano anche loro. Per noi Costruttori è un grosso impegno allungare la vita dei motori e adesso che hanno ottenuto il risultato si lamentano?”.

Paddy Lowe, direttore tecnico Williams, supporta la posizione di Wolff, affermando che le polemiche di Red Bull e McLaren sono fuori luogo…

"Ricordo che il costo per allungare la vita delle power unit a sette GP è un onere che viene sostenuto dai Costruttori, mentre noi, come team clienti, avremo il vantaggio di pagare di meno la fornitura disponendo di tre unità e non quattro. E chi ne chiede di più vuole un aumento del prezzo…”.

"Questo è un punto importante da capire. La Formula 1 ha preso una strada giusta che va condivisa".

Ma non tutte le power unit hanno l’affidabilità della Mercedes…
"Non ho familiarità con gli altri motori, ma se oggi prendessi un motore Mercedes e lo utilizzassi a potenza leggermente ridotta, potrei già fare una stagione con tre motori. Sarà la soglia di potenza che si sceglierà a determinare in larga misura la vita del motore".

Mercedes e Ferrari cercheranno di iniziare la stagione con gli stessi cavalli con cui stanno concludendo la stagione 2017. Sarà interessante vedere se riusciranno a fare altrettanto Renault e Honda. E, in questa chiave, diventa facile capire le grandi preoccupazioni di Christian Horner e Eric Boullier…

Ma allora perché non si sono opposti quando è stato deciso di allungare la vita dei motori a una durata che supera quelli della 24 Ore di Le Mans?

Dichiarazioni di Jonathan Noble

Prossimo Articolo
La Force India non cambia nome? Colpa dei "cybersquatter"!

Articolo precedente

La Force India non cambia nome? Colpa dei "cybersquatter"!

Prossimo Articolo

GP di Abu Dhabi: ecco la griglia di partenza definitiva

GP di Abu Dhabi: ecco la griglia di partenza definitiva
Carica commenti