Todt alla Gazzetta: "Avrò nostalgia quando Hamilton batterà i record di Schumi"

condivisioni
commenti
Todt alla Gazzetta:
Redazione
Di: Redazione
02 gen 2019, 10:26

ll presidente FIA con Cremonesi e Valenti della Gazzetta ha ricordato che domani Michael compirà i 50 anni: "E' un amico: abbiamo vissuto un ciclo di vittorie straordinarie". "Mi ha difeso quando mi volevano cacciare nel 1996". "Vedrò ancora tanti GP insieme a lui".

Michael Schumacher compirà domani 50 anni. E la Gazzetta dello Sport ha sentito Jean Todt, presidente della FIA, per celebrare il compleanno del tedesco sette volte campione del mondo. Il manager francese è stato team principal della Ferrari dal 1993 al 2007 e ha vissuto con Schumy la magica epopea di una striscia di successi straordinari con cinque titoli piloti e sei Costruttori.

Domani sarà il compleanno di Michael: cosa rimane di lui in questa F1?
“Mah, la vita è fatta di capitoli e questo discorso vale anche per la F1. Michael con la Ferrari ha realizzato qualcosa di incredibile. Così come oggi stanno facendo la Mercedes e Hamilton. Tanto di cappello perché non è facile dominare come hanno fatto loro sino a ora”.

Qual è il ricordo più bello con Schumi?
“Facile, il GP del Giappone nel 2000, quando abbiamo riportato a Maranello un campionato che mancava dal 1979 con Scheckter. Già salendo sul podio di Suzuka dissi a Michael: ‘Abbiamo compiuto la nostra missione, la nostra vita sportiva d’ora in poi non sarà più la stessa”.

Ha gestito il primo ritiro di Michael alla fine del 2006…
“Si sono scritte e dette un sacco di stupidaggini. Come quella che io lo volessi tenere e che Montezemolo puntasse invece su Raikkonen. Nulla di vero. Michael voleva smettere forse per dare spazio a Felipe Massa, di cui aveva fiducia e per il quale nutriva una grande simpatia. Disse che non voleva più sentire addosso tutta quella pressione, di vivere tutti quegli impegni. E solo allora abbiamo chiamato Kimi”.

“A Schumacher offrimmo un contratto da consulente per sfruttare nome ed esperienza, anche se non aveva mostrato una grande passione per questa posizione. Poi, dopo l’incidente di Massa a Budapest nel 2009, quando ero ormai andato via dalla Ferrari, so che Montezemolo gli offrì di tornare. Lui era pronto, ma si era fatto male in moto e non era in grado di guidare una F1, così non aveva potuto accettare”.

Michael Schumacher, Mercedes AMG F1

Michael Schumacher, Mercedes AMG F1

Photo by: Sutton Images

Quando il pilota è diventato amico?
“I miei rapporti con Michael sono cresciuti nel tempo. All’inizio erano solo professionali ma già nell’estate del 1996 si saldarono: ricordo che nelle prove private di Monza, quando in molti chiedevano la mia testa, disse che se ne sarebbe andato con me. Mi conosceva poco, ma aveva capito che eravamo sulla strada giusta”.

“Poi gli sono stato vicino nei suoi momenti difficile. E ho conosciuto Corinna che, a sua volta, ha creato una eccellente relazione con la mia signora. Abbiamo fatto le vacanze insieme con i figli. È nata un’amicizia totale. Per questa ragione quando ha avuto l’incidente, e noi eravamo a Bali, ho preso il primo aereo e mi sono precipitato a Grenoble. È così che con il passare del tempo mi sono ritagliato un ruolo importante all’interno della sua famiglia”.

Ha visto il GP del Brasile accanto a Michael…
“Questa notizia è stata riportata male. Lo sapete, io sono stato molto discreto sulla sua vita privata. Mi hanno chiesto dove avevo visto quella gara e con naturalezza ho detto a casa di Michael. Con lui ho guardato tanti GP prima e anche dopo l’incidente. Ne abbiamo viste tante di gare insieme e ne vedremo ancora molte”.

Michael percepisce di averla accanto?
“Qui mi fermo”.

Sebastian Vettel, Ferrari, Jean Todt, Pesidente FIA, Mick Schumacher

Sebastian Vettel, Ferrari, Jean Todt, Pesidente FIA, Mick Schumacher

Photo by: FIA

Che ruolo ha avuto nell’ascesa di Mick alla F2?
“Minimo. Ha iniziato a correre nel karting seguito dal padre. Poi si è costruito il suo destino. Non è facile con il cognome che porta. In F3 non era partito bene, ma poi ha una seconda metà stagione eccezionale e ha vinto meritatamente un campionato difficile con una grande concorrenza. Deve andare avanti passo a passo…”.

Un giorno guiderà una Ferrari?
“Gli auguro il successo più grande. Ma poi toccherà a chi lo vuole ingaggiare farci avanti, questo non è più di mia competenza. Per Mick la strada della F1 è ancora lunga, ma ha i numeri per arrivarci”.

Le dispiace che Hamilton possa battere i record di Schumi?
“E’ ovvio che tenga molto ai record di Michael, avendoli conquistati con lui. Ma non siamo proprietari dei primati. Quello che sta facendo Lewis è incredibile. Se succederà sarà senz’altro meritato, anche se io sentirò un po’ di nostalgia”.

Avremo un aggiornamento sulle reali condizioni di Michael?
“Non credo ci sia una ragione per tornare su questo punto. Si sa che ha avuto questo incidente terribile cinque anni fa. Sta lottando e continuerà a farlo. Ha una squadra accanto a lui, la sua famiglia, che è straordinaria. Tutto il resto è privato ed è giusto che resti così”.

Michael Schumacher, Ferrari F2004, festeggia con Ross Brawn e Jean Todt la vittoria del settimo titolo mondiale

Michael Schumacher, Ferrari F2004, festeggia con Ross Brawn e Jean Todt la vittoria del settimo titolo mondiale

Photo by: LAT Images

Prossimo Articolo
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Michael Schumacher Acquista adesso
Autore Redazione