Nasr: "Tornare in Formula 1 è il Piano A, ma ci sono pochi team"

condivisioni
commenti
Nasr:
Adam Cooper
Di: Adam Cooper
Tradotto da: Matteo Nugnes
23 lug 2017, 08:28

L'ex pilota della Sauber Felipe Nasr ha rivelato che tornare in Formula 1 rimane il suo "Piano A", ma ammette che la cosa al momento è complicata per il basso numero di team in griglia.

Felipe Nasr, Sauber F1 Team
Felipe Nasr, Sauber C35
Felipe Nasr, Sauber C35 festeggia il suo nono posto alla fine della gara
Felipe Nasr, Sauber F1 Team
Felipe Nasr, Sauber F1 Team
Felipe Nasr, Sauber F1 Team

Nasr, che per la prima volta ha presenziato ad un GP a Silverstone, insiste di essere aperto a portare la sua carriera in direzioni differenti.

"Sto ancora guardando a tutte le opzioni" ha detto Nasr a Motorsport.com. "La cosa buona è che ho guidato diverse vetture negli ultimi mesi. Sono rimasto in forma ed è sempre bello guidare una vettura da corsa".

"Mi sento ancora in grado di tornare in Formula 1 e sto cercando l'opportunità giusta per il 2018".

"Naturalmente, la Formula 1 è il Piano A, ma ci sono molto piani B. Potrebbero essere la Indycar, la Formula E o il WEC. Sono tutti campionati che hanno attratto la mia attenzione".

"Certamente cercherò di provare tutto quello che posso prima di impegnarmi o di prendere delle decisioni".

Il brasiliano, tuttavia, ha riconosciuto che la mancanza di potenziali aperture nella Formula 1 attuale non aiuta la possibilità di un suo ritorno.

Dall'inizio di questo decennio la Formula 1 ha perso tre squadre (HRT, Caterham e Manor), anche se l'arrivo della Haas ha permesso almeno di mantenere a dieci il numero dei team.

"E' difficile" ha detto Nasr. "Sarebbe bello se ci fossero una o due squadre in più. Non solo per me, ma per qualsiasi pilota che sogna di salire su una Formula 1".

"Ma le cose possono cambiare molto rapidamente e la cosa importante è che sono in forma. Ho fatto tutto per farmi trovare pronto e so che potrei saltare su una vettura in qualsiasi momento e che sarei competitivo".

"Non è facile stare a guardare fuori dalla macchina, ma non ho alcun rimpianto. C'è un tempo per tutto nella vita e la cosa importante è che sono pronto. Presto prenderò una decisione".

Quando gli è stato chiesto se la Indycar possa essere la soluzione giusta, Nasr ha dichiarato: "Ho sempre avuto un occhio sulla Indycar".

"Ci hanno corso molti brasiliani, in particolare Helio Castroneves, che conosco molto bene perché ha corso per la squadra di mio zio ai tempi della Formula 3".

"Vedremo come andranno le cose, ma sicuramente sto tenendo tutte le porte aperte".

Prossimo Articolo
GP Singapore: vicino al rinnovo per rimanere nel calendario di F.1

Articolo precedente

GP Singapore: vicino al rinnovo per rimanere nel calendario di F.1

Prossimo Articolo

La FIA dura sull'olio da bruciare: scattano dei vincoli dal GP d'Italia

La FIA dura sull'olio da bruciare: scattano dei vincoli dal GP d'Italia
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Felipe Nasr
Autore Adam Cooper
Tipo di articolo Ultime notizie