Mick Schumacher con il casco celebrativo dell'esordio di Michael

Mick Schumacher svela il casco celebrativo con cui correrà a Spa-Fancorchamps: si tratta della replica del casco con cui il padre Michael fece il suo esordio in Formula 1 esattamente 30 anni fa proprio sul tracciato belga.

Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team
Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team
1/8

Foto di: Haas F1 Team

Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team
Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team
2/8

Foto di: Haas F1 Team

Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team
Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team
3/8

Foto di: Haas F1 Team

Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team
Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team
4/8

Foto di: Haas F1 Team

Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team
Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team
5/8

Foto di: Haas F1 Team

Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team
Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team
6/8

Foto di: Haas F1 Team

Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team
Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team
7/8

Foto di: Haas F1 Team

Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team
Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team
8/8

Foto di: Haas F1 Team

Mick Schumacher, nel nome del padre. O, per meglio dire, nel casco del padre. Il giovane pilota tedesco del team Haas F1 si è presentato a Spa-Francorchamps, sede del Gran Premio del Belgio di Formula 1 che segna l'avvio della seconda parte del Mondiale 2021, con un nuovo casco.

Si tratta di un elmetto celebrativo che ha il preciso intento di ricordare il 30esimo anniversario dell'esordio di papà Michael in Formula 1, che accadde nel 1991 proprio a Spa Francorchamps.

Michael Schumacher, 30 anni fa, fu chiamato dalla Jordan per sostituire Bertrand Gachot e lo fece stupendo tutti. Settimo in qualifica con una grande prestazione, quinto alla prima curva per poi essere costretto al ritiro al termine del primo giro.

Quella è stata la prima goccia che ha poi scatenato il maremoto Schumacher, divenuto sino a oggi il pilota - assieme a Lewis Hamilton - ad aver vinto più titoli iridati Piloti di Formula 1.

 

Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team

Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team

Photo by: Haas F1 Team

Mick Schumacher, a 30 anni dal quel fine settimana che segnò l'inizio dell'epopea di Michael, ha deciso di presentarsi a Spa con un casco dagli stesi colori di quello usato dal padre proprio al Gran Premio del Belgio del 1991.

Il disegno, dunque, ricalca perfettamente quello di Michael, il primo usato in Formula 1. La bandiera tedesca che parte dalla zona laterale e si completa in quella posteriore, con il nero, il rosso e il giallo che formano il vessillo teutonico.

Mentoniera bianca e calottina azzurra, inframezzate appunto dalla bandiera tedesca e dalla banda bianca in cui trovano posto gli sponsor. Accanto alla mentoniera c'è il nome M.Schumacher, che andava bene al padre così com'è perfetto per Mick, avendo la stessa iniziale del nome del papà.

"Ho scelto questo casco non solo per la storia di mio padre, ma anche perché ho fatto alcune belle gare qui", ha detto Mick. "Ho centrato la mia prima pole e la mia prima vittoria in Formula 3 nel 2018, che è diventata la prima di una bella serie. Dunque mi piace molto la pista".

"Sono molto contento di essere tornato, è vicino a casa, ci sono tanti fan che mi supportano da anni ed è davvero un grande posto", ha concluso il pilota tedesco della Haas.

 

Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team

Casco celebrativo di Mick Schumacher, Haas F1 Team

Photo by: Haas F1 Team

condivisioni
commenti
Sorpresa Mercedes: a Spa con i motori freschi per i team forniti

Articolo precedente

Sorpresa Mercedes: a Spa con i motori freschi per i team forniti

Prossimo Articolo

F1, Spa, Libere 1: Bottas apre la sfida, Leclerc è quarto

F1, Spa, Libere 1: Bottas apre la sfida, Leclerc è quarto
Carica commenti
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021
Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato" Prime

Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato"

Il Gran Premio della Turchia ha messo alla prova le qualità di guida dei piloti e la loro sensibilità in condizioni di difficile lettura. Lewis Hamilton, tentando l'azzardo, avrebbe optato per le gomme slick al pit-stop, ma dal box hanno preferito andare sul sicuro. C'è un mondiale in palio, ogni punto conta

Formula 1
11 ott 2021
Matra: il sogno francese di emergere in Formula 1 Prime

Matra: il sogno francese di emergere in Formula 1

La scuderia francese poteva vantare una conoscenza tecnologica derivante dall'aviazione, ma le problematiche del glorioso V12, e la sfortuna che ha spesso accompagnato i piloti, hanno posto fine in anticipo all'avventura del team in F1.

Formula 1
10 ott 2021