Masi e il crash di Spa alla 24 Ore: "Pista sicura per la F1"

Il direttore di gara della F1 ha ribadito come il tracciato rispetti i requisiti gli standard richiesti dalla FIA ed ha sottolineato come il circuito sia sicuro nonostante il tremendo incidente avvenuto alla 24 Ore di Spa la scorsa settimana.

Masi e il crash di Spa alla 24 Ore: "Pista sicura per la F1"

Lo scorso fine settimana, in occasione della 24 Ore di Spa-Francorchamps, Davide Rigon e Jack Aitken sono stati coinvolti in un violento incidente multiplo avvenuto allo scollinamento dell’Eau Rouge. Entrambi sono stati trasportati in ospedale, ed a riportare conseguenze più serie è stato il pilota di riserva della Williams che ha subìto fratture alla clavicola e ad una vertebra.

Aitken, fortunatamente, è stato dimesso poco dopo ed al pilota britannico è stato consentito il rientro in Inghilterra per continuare il suo recupero.

La dinamica dell’incidente, tuttavia, ha fatto tornare alla memoria quanto accaduto nel 2019 quando nei primi giri della Feature Race di Formula 2 Anthoine Hubert perse la vita dopo essere stato investito da Juan Manuel Correa.

Il crash di domenica ha riacceso il dibattito sulla sicurezza di quella parte del tracciato di Spa. I piloti in avvicinamento, infatti, hanno poco tempo per reagire qualora si dovessero trovare una macchina piantata a centro pista dopo aver colpito le barriere.

Ad esprimere le proprie perplessità in merito è stato Callum Ilott. Il pilota inglese, che partecipava alla 24 Ore, ha scritto su Twitter: “La cosa più importante è aver visto entrambi i piloti fuori dalle proprie vetture. Davide Rigon e Jack Aitken saranno sottoposti a controlli in ospedale e spero che tutto vada bene, ma vorrei anche dire che deve essere apportato un cambiamento in quella curva”.

“Sono sorpreso che nulla sia ancora cambiato. Quando è troppo è troppo”.

Lo scorso mese di ottobre i responsabili del tracciato di Spa hanno annunciato un programma di aggiornamento del circuito pari a 80 milioni di euro che prevedeva l’inserimento di nuove o più ampie vie di fuga in ghiaia in diverse curve, tra cui il Radillon, per soddisfare anche i requisiti della Federazione Motociclistica Internazionale.

Motorsport.com ha chiesto a Michael Masi un commento sulle parole di Ilott, ma il diretto di gara della F1 ha ribadito come il tracciato sia totalmente autorizzato dalla FIA.

“In alcune zone della pista sono stati effettuati dei lavori, ma il circuito di Spa detiente il Grado 1 (la licenza richiesta dalla FIA per poter far correre sul tracciato le monoposto di F1).

“Nel corso degli ultimi anni ci sono stati alcuni cambiamenti e miglioramenti, ma allo stato attuale è un circuito sicuro dal punto di vista della FIA”.

“Nessuno di noi ama vedere incidenti del genere e sono contento che i piloti stiano tutto sommato bene. Ho letto alcune notizie dai media e la cosa importante è che stiano bene. Adesso li aspetta il recupero”.

condivisioni
commenti
F1, Test Pirelli 18": oltre 7 gp per Ferrari, Mercedes e McLaren

Articolo precedente

F1, Test Pirelli 18": oltre 7 gp per Ferrari, Mercedes e McLaren

Prossimo Articolo

Ricciardo esclusivo: "Sarò qui ancora a lungo"

Ricciardo esclusivo: "Sarò qui ancora a lungo"
Carica commenti
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021