“Lucky”: la docuserie su Bernie Ecclestone come non l’avete mai visto prima

Recensione: nuova docuserie in otto parti che verrà lanciata questo mese sulle piattaforme di streaming

“Lucky”: la docuserie su Bernie Ecclestone come non l’avete mai visto prima
Carica lettore audio

Con tutto il clamore suscitato da un certo film di Netflix che è arrivato sugli schermi di recente, le docuserie sono molto in voga al momento. È quindi opportuno che l'ultima proposta dello scrittore e produttore di "Senna", vincitore del BAFTA, Manish Pandey, arrivi a Natale su Discovery+ e altre piattaforme internazionali.

Dopo aver dominato la F1 per oltre 40 anni, Bernie Ecclestone è stato messo da parte nel 2017 quando Liberty Media ha imposto la sua proprietà sullo sport. Ma ora Ecclestone, 92 anni, vuole dire la sua. Come unico protagonista di questa nuova docuserie in otto parti, scritta e diretta da Pandey, Ecclestone racconta la sua storia dal 1950 fino al fatidico giorno del 2017, quando Chase Carey, amministratore delegato della F1 appena insediato da Liberty, gli ha dato il benservito dopo oltre 35 anni di attività.

Gli episodi sono incredibilmente ricchi di archivio, con filmati spettacolari dal 1950 in poi, compreso il primo Gran Premio a Silverstone, dove Ecclestone era presente. Come frontman della Formula 1, Ecclestone era un uomo di poche parole, ma qui è in prima linea e sembra a suo agio nel raccontare la propria storia, con intuizioni a volte esilaranti e altre volte estremamente tristi.

I primi episodi, che coprono gli anni '50, '60 e '70, presentano inevitabilmente molti incidenti mortali di piloti. L’inadeguata sicurezza delle auto e delle piste agli albori della Formula 1 è tristemente nota, mentre passano i decenni e si perdono altri grandi nomi: Hawthorn, Collins, Rindt, Cevert, Villeneuve. Ecclestone ha fatto la sua parte nel promuovere la sicurezza, in particolare quando ha assunto il controllo dello sport negli anni '80, insediando il Prof. Sid Watkins come supervisore medico della F1 e dandogli potere.

Ecclestone dà il meglio di sé quando descrive le trattative a porte chiuse, che erano il suo mestiere. Poiché è quasi impossibile illustrare questi aneddoti con l'archivio, i produttori hanno trovato una soluzione elegante con un'animazione in stile fumetto che sembra smielata, ma in realtà funziona bene. Detto questo, il ricercatore d'archivio ha giocato d'astuzia e ci sono filmati reali di promotori di gare che consegnano mazzette di denaro a Ecclestone, che le sistema ordinatamente nella sua valigetta e le ringrazia per la loro attività. Ci sono anche filmati meravigliosamente suggestivi del commercio di auto di seconda mano sui marciapiedi di Warren Street a Londra, dove Ecclestone si è fatto le ossa come commerciante.

Ma la serie deve contenere il più grande acquisto di archivi video di Formula 1 della storia e, oltre all'azione di gara, ci sono alcune perle, come abbiamo visto in Senna. Jean-Marie Balestre, il presidente della FIA degli anni '80, con cui Ecclestone ha lottato per il controllo della Formula 1 e che ha avuto un ruolo da protagonista in "Senna", è di nuovo ritratto come un pomposo buffone, a cui Ecclestone fa il filo in alcune scene di squisito umorismo e goffaggine.

I produttori si sono posti una bella sfida facendo di Ecclestone il narratore principale della serie; la storia è vista interamente attraverso i suoi occhi. Altri personaggi di spicco della storia di questo sport parlano, ma solo in frammenti di interviste contemporanee; figure come Graham Hill e Colin Chapman sono state immortalate nel loro tempo.

Ma funziona. Per gli elementi principali della narrazione, Ecclestone è collocato in un ambiente luminoso e completamente bianco, guarda dritto in camera, il suo volto è illuminato in modo che tutti i contorni scoscesi siano visibili. Non potendo nascondersi, il suo volto racconta una storia parallela: c'è emozione, un po' di rammarico, molto umorismo e momenti ironici di liquidazione dei conti. Negli ultimi tempi Ecclestone è balzato agli onori della cronaca per motivi sbagliati, con dichiarazioni controverse su Putin e Saddam Hussein. Ma questo esercizio non è un'operazione da prima pagina: si tratta chiaramente di un'eredità per il giovane figlio Ace, che ha 89 anni in meno di Ecclestone e che difficilmente conoscerà la storia di suo padre nei dettagli dalle sue stesse labbra. In questo modo, anche noi potremo vederla.

Molti biografi e registi hanno voluto raccontare la storia di Bernie. Pandey si è trovato nel posto giusto al momento giusto con l'idea giusta e Bernie si è aperto in un modo difficile da immaginare per chiunque abbia lavorato con lui in F1.

Naturalmente, come per l'altra docuserie molto chiacchierata in circolazione al momento, qui abbiamo solo la parte del protagonista principale della storia, ma per chiunque sia interessato alla F1, a come sia diventata un business da 2 miliardi di sterline l'anno e uno degli sport più grandi del mondo, questa serie colmerà molte lacune.

Lucky – Dove guardarlo da dicembre 2022

Warner Brothers Discovery per la Gran Bretagna
Viaplay per la Scandinavia, la Polonia, i paesi Baltici e i Paesi Bassi
DAZN per il Giappone, la Spagna, la Germania, l’Austria e la Svizzera
ESPN LATAM per il Sudamerica

Per le altre zone:  Facebook/LuckyTVSeries

condivisioni
commenti

F1 | Alfa Romeo prepara l'addio a Vasseur, prima del sì a Ferrari

F1 | Paraspruzzi inutili? La nuvola d'acqua la crea l'estrattore!