Leclerc: "La crescita della Ferrari non è del tutto una sorpresa"

Charles Leclerc non è sorpreso dal recupero fatto dalla Ferrari quest'anno, dopo la disastrosa stagione che la Rossa ha vissuto nel 2020.

Leclerc: "La crescita della Ferrari non è del tutto una sorpresa"

La squadra di Maranello ha vissuto una delle peggiori stagioni della sua storia lo scorso anno, chiudendo al sesto posto nella classifica costruttori, il suo peggior risultato dal 1980 ad oggi.

Nonostante lo sviluppo del telaio sia limitato dai regolamenti in questa stagione, la Ferrari è una delle squadre che sono migliorate maggiormente, con la conquista di tre piazzamenti a podio, ma soprattutto con Leclerc che è arrivato davvero ad un passo dalla vittoria nel Gran Premio di Gran Bretagna del mese scorso.

Tuttavia, avendo visto l'impegno che è stato messo in fabbrica ed in pista, il pilota monegasco non si è detto troppo sorpreso di questa svolta del Cavallino.

"E' meglio del previsto", ha detto quando gli è stato chiesto di fare un bilancio della stagione della Ferrari finora. "Penso che però ci sia tanto lavoro dietro a questa crescita. Posso vederlo ogni volta che vado a Maranello e qui in pista. Quindi non è del tutto una sorpresa".

"Ovviamente, c'è stata una grande crescita rispetto all'anno scorso. Questo è bello da vedere e dimostra anche che stiamo lavorando nel modo giusto. Ma la strada è ancora lunga, perché il nostro obiettivo è quello di tornare in vetta".

"Quindi sì, non ci stiamo concentrando tanto sulle aspettative, quando sul lavoro da fare a Maranello e in pista, cercando di massimizzare tutto, per tornare dove vogliamo essere il prima possibile", ha aggiunto.

Leggi anche:

Leclerc poi ha aggiunto che l'arrivo di Carlos Sainz come compagno di squadra è stato positivo sia per lui che per la squadra, perché ha portato nuovo entusiasmo e voglia di tornare a vincere.

"Mi sto godendo questa stagione. Non è una fase facile per la squadre. Stiamo cercando di ricostruire le basi per tornare al top il prima possibile. Questo poi è il mio primo anno con Carlos come compagno di squadra".

"Sta andando bene, molto bene. Ci stiamo spingendo a fare meglio a vicenda. Lui è un tipo molto competitivo e questo è fantastico per me".

"E sì, come squadra stiamo lavorando molto bene. Stiamo cercando di utilizzare quest'anno per acquisire esperienza ed essere più pronti possibile il prossimo anno, che sarà un anno molto importante. Senza dimenticare ovviamente questa stagione, nella quale cercheremo di massimizzare i nostri risultati".

condivisioni
commenti
F1: il GP di San Paolo può slittare di una settimana?

Articolo precedente

F1: il GP di San Paolo può slittare di una settimana?

Prossimo Articolo

Gasly, AlphaTauri o Red Bull?: "Avrò risposte nella pausa estiva"

Gasly, AlphaTauri o Red Bull?: "Avrò risposte nella pausa estiva"
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021