Ferrari in galleria del vento: 5% di ricerca in meno nel semestre

Ecco la tabella aggiornata per il secondo semestre del lavoro al CFD e in galleria del vento che viene concesso alle squadre di F1 in funzione della loro posizione nel mondiale Costruttori. La graduatoria viene rivista ogni sei mesi e la Ferrari, che più è cresciuta in termini di punti, è quella che più viene penalizzata propria nella fase più delicata nella definizione delle monoposto 2022. Scopriamo come cambiano i valori in campo.

Ferrari in galleria del vento: 5% di ricerca in meno nel semestre

La squadre di F1 hanno ammesso di essere tutte (o quasi) interamente impegnate sul progetto della monoposto 2022 che rappresenta un grosso taglio con le regole attuali e che, quindi, richiede la massima disponibilità di risorse tecniche e umane nello sviluppo del nuovo progetto.

Può essere interessante, allora, andare a verificare come le norme FIA impongano importanti variazioni nei tempi di utilizzo delle gallerie del vento che cambiano in funzione della classifica nel mondiale Costruttori.

La Federazione Internazionale per cercare una perequazione fra i team con maggiori risorse (economiche e tecniche) l’anno scorso aveva deciso di introdurre nel 2021 dei limiti nella ricerca aerodinamica (tanto al CFD che al wind tunnel) nella speranza di ridurre le differenze in uno degli aspetti più importanti nella ricerca delle prestazioni.

I top team sono stati penalizzati, mentre gli ultimi della griglia hanno avuto delle facilitazioni. La scala dei valori considera come punto di partenza quello del quinto classificato nella graduatoria a squadre: quanti stanno al di sopra devono rinunciare del 2,5% del tempo in galleria per posizione nel mondiale, rispetto al 100% riconosciuto a chi è quinto, mentre si aggiunge un 2,5% di ricerca in più per ciascuna posizione a chi è nella seconda fascia della classifica.

L’handicap aero viene modificato ogni sei mesi, per cui non deve stupire se nella tabella sotto la Mercedes abbia recuperato qualche ora di galleria ai danni della Red Bull, visto che il team di Milton Keynes era al comando del Costruttori allo scadere del 31 giugno, visto che la lista precedente era stata redatta in funzione della graduatoria 2020.

E non deve sorprendere, quindi, se sia la Ferrari a pagare il prezzo più alto dal momento che la Scuderia è il team che più è cresciuta rispetto allo scorso anno (+83 punti): gli aerodinamici di Maranello, infatti, devono comprimere del 5% il lavoro al CFD e in galleria del vento: si valuta in 12 ore in meno di utilizzo del wind tunnel rispetto alle 246 di inizio anno, mentre squadre come Aston Martin e Alpine Renault potranno beneficiare di un +5% frutto di un avvio di 2021 più stentato del previsto che le ha fatte scivolare più indietro delle previsioni.

McLaren e Alfa Romeo, invece, sono le uniche che restano in linea con i dati del primo semestre. La domanda da porsi è se questi scostamenti avranno degli effetti sui progetti delle F1 2022? Molto dipenderà come la squadre sapranno ottimizzare l’organizzazione del reparto aerodinamico. L’attività dovrà essere più efficiente: la ricerca verrà sempre più affidata al reparto CFD, mentre il ruolo del wind tunnel sarà più utile nella validazione delle soluzioni da portare in macchina.

La pandemia del COVID-19 e l’introduzione del Budget cap stanno imprimendo ai team di F1 nuovi modelli di organizzazione che potrebbero condizionare il lavoro degli staff tecnici e, quindi, le prestazioni delle monoposto. La partita, dunque, diventa sempre più complicata…

Team 1 semestre 2 semestre Variazione
Mercedes 90% 92,50% +2,50%
Red Bull 92,50% 90% -2,50%
McLaren 95% 95% 0,00%
Aston Martin 97,50% 102,50% +5,00%
Alpine Renault 100% 105% +5,00%
Ferrari 103% 97,50% -5,50%
AlphaTauri 105% 100% -5,00%
Alfa Romeo 107,50% 107,50% 0,00%
Haas 110% 112,50% +2,50%
Williams 112,50% 110% -2,50%
condivisioni
commenti
Schumacher: "Il giorno della gara a Spa sarà emozionante"
Articolo precedente

Schumacher: "Il giorno della gara a Spa sarà emozionante"

Prossimo Articolo

La F1 annuncia la quarta stagione di "Drive to Survive"

La F1 annuncia la quarta stagione di "Drive to Survive"
Carica commenti
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021