Ricciardo non trova le cause della sua crisi in McLaren

L'australiano ha trovato un buon feeling con la McLaren, ma non riesce a estrarre in qualifica tutto il potenziale della MCL35 M, sommando distacchi molto pesanti dal compagno di squadra Lando Norris. Daniel si è impegnato a cambiare lo stile di guida, ma, sebbene registrei dei progressi gara dopo gara, le prestazioni restano deludenti per un pilota del suo livello.

Ricciardo non trova le cause della sua crisi in McLaren

Lando Norris secondo a 48 millesimi dalla pole position, Daniel Ricciardo tredicesimo, incapace di uscire dalla Q2. C’è un abisso fra le due McLaren e se la monoposto di Woking dovesse essere giudicata dalle prestazioni dell’australiano ci sarebbe da mettere le mani nei capelli, altro che terzo posto nel mondiale Costruttori.

Daniel sta attraversando una crisi profonda: finora il team ha sempre cercato di metterlo a suo agio evitando di mettergli un’inutile pressione nella consapevolezza che un pilota del suo calibro prima o poi debba tornare dove tutti si aspettano. Ma l’attesa si allunga e la soluzione dei problemi misteriosi non sembra alla vista.

Ricciardo insiste sul fatto che sta facendo dei progressi per risalire la china con la McLaren, nonostante le frustrazioni inevitabili dopo le deludenti qualifiche per il Gran Premio d'Austria.

" Sento che abbiamo fatto dei progressi rispetto alla scorsa settimana in alcune aree e, se non guardassi la classifica, direi che questo è un weekend migliore. Ma sfortunatamente non si sta traducendo sul cronometro”.

L’australiano sta lavorando sodo nel tentativo di adattare il suo stile di guida alla MCL35 M, ma, come ammette il team principal Andreas Seidl la monoposto di Woking richiede un approccio diverso per trarne il massimo.

"Continuerò a lavorarci, perché mi sento decisamente più a mio agio in macchina ora. Dopo questo tris di gare ho avuto modo di stare molto in macchina che mi ha permesso di trovare una buona confidenza. Certo ci sono ancora un paio di piccoli errori qua e là, ma se non guardassi la classifica, allora, nella mia testa, penserei di aver fatto un buon lavoro”.

Questo è il dato più evidente del momento difficile di Daniel: non si rende conto della mancanza di prestazione in qualifica, perché poi in gara riesce a fare solitamente meglio…

“E’ evidente che c'è ancora qualcosa che manca e penso che dovremo scavare ancora per capire cosa fare. Siccome quello che manca non è un decimo, ma parliamo di grandi differenze dobbiamo approfondire l’analisi per capire cosa succede”.

condivisioni
commenti
Vettel penalizzato di tre posizioni, Sainz sale al decimo posto

Articolo precedente

Vettel penalizzato di tre posizioni, Sainz sale al decimo posto

Prossimo Articolo

Red Bull: Verstappen dispone di un diverso bargeboard

Red Bull: Verstappen dispone di un diverso bargeboard
Carica commenti
Squalifica Vettel: ecco perché Aston Martin crede nell'appello Prime

Squalifica Vettel: ecco perché Aston Martin crede nell'appello

Vettel è stato squalificato dal GP d'Ungheria per non aver avuto il litro necessario nel serbatoio a fine gara. Aston Martin medita il ricorso puntando il dito contro le pompe d'aspirazione del carburante usate in verifica. Ecco cos'è successo nel weekend e cosa potrà succedere nelle prossime ore...

GP d'Ungheria: Hamilton, rimonta da leader del mondiale Prime

GP d'Ungheria: Hamilton, rimonta da leader del mondiale

Andiamo a ripercorrere tutte le emozioni del Gran Premio di Ungheria nella nostra ricostruzione grafica. Dopo il caos della prima partenza e l'indecisione della Mercedes nel cambiare gomme ad Hamilton, l'inglese si è lanciato nella rimonta che lo ha portato al terzo gradino del podio

Formula 1
2 ago 2021
Minardi: "Alonso un maestro, Bottas e Stroll disastrosi" Prime

Minardi: "Alonso un maestro, Bottas e Stroll disastrosi"

Il Gran Premio d'Ungheria, oltre alle sorprese e ai colpi di scena continui, ha regalato tanti promossi e altrettanti bocciati. Ecco le pagelle del weekend ungherese stilate e commentate da Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi.

Formula 1
2 ago 2021
Bobbi: "Ora Verstappen è mentalmente sottoterra" Prime

Bobbi: "Ora Verstappen è mentalmente sottoterra"

In questa puntata di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Marco Congiu analizzano il Gran Premio d'Ungheria di Formula 1 dove si può essere invertita l'inerzia del Mondiale. Lewis sta lontano dai guai e, nonostante strategie discutibili, chiude terzo. Verstappen, invece, è vittima di un secondo incidente e chiude in decima posizione

Formula 1
2 ago 2021
Chinchero: "Alonso? Non so quanto volesse aiutare Ocon" Prime

Chinchero: "Alonso? Non so quanto volesse aiutare Ocon"

In questa nuova puntata podcast di Motorsport.com, Roberto Chinchero e Giacomo Rauli commentato il Gran Premio d'Ungheria. Buon ascolto!

Formula 1
1 ago 2021
GP d'Ungheria: Hamilton in pole, ma occhio a Max Prime

GP d'Ungheria: Hamilton in pole, ma occhio a Max

Lewis Hamilton ha conquistato la pole position numero 101 della carriera in occasione del GP d'Ungheria. L'inglese scatta davanti al compagno di team, Valtteri Bottas, mentre Max Verstappen è terzo: ma attenti all'olandese, che partirà con gomma Soft...

Formula 1
1 ago 2021
Bobbi: "Max parte sulla Soft, gara d'azzardo a due soste" Prime

Bobbi: "Max parte sulla Soft, gara d'azzardo a due soste"

In questa puntata di Piloti Top Secret, andiamo ad analizzare le qualifiche del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu. Lewis Hamilton conquista la pole numero 101 della carriera davanti al compagno Mercedes Valtteri Bottas ed alla Red Bull di Verstappen

Formula 1
31 lug 2021
Piola: "Le scelte tattiche Red Bull sono di chi si sta difendendo" Prime

Piola: "Le scelte tattiche Red Bull sono di chi si sta difendendo"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano il sabato di qualifica del Gran Premio d'Ungheria, caratterizzato da giochi di nervi e tattiche...

Formula 1
31 lug 2021