Formula 1
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
07 mag
-
10 mag
21 mag
-
24 mag
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
106 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
126 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
140 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
154 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
182 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
189 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
203 giorni
24 set
-
27 set
FP1 in
210 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
239 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
246 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
260 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
273 giorni
F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Renault R.S.20: qualche idea curiosa emerge dai rendering

condivisioni
commenti
Renault R.S.20: qualche idea curiosa emerge dai rendering
Di:
Co-autore: Giorgio Piola
12 feb 2020, 17:38

La Casa francese ha portato i giornalisti a Parigi per il lancio della monoposto 2020 che non si è vista. La R.S.20 è rimasta a Enstone, ma gli uomini del team e i piloti hanno potuto commentare alcuni rendering che sono stati mostrati. La vettura si vedrà solo ai test invernali di Barcellona.

La R.S.20 a Parigi non si è vista. È rimasta a Enstone nella factory inglese della Renault. Fisicamente la si scoprirà solo nei test invernali di Barcellona che inizieranno il 19 febbraio perché non volevano mostrare una macchina finta.

L’avvio della stagione per la Casa francese è stato problematico visto che ha portato nell’Atelier Renault degli Champs-Élysées la stampa internazionale solo per mostrare alcuni rendering della macchina 2020.

Nella Capitale francese, almeno, c’era tutto lo stato maggiore della squadra. E Cyril Abiteboul, capo del progetto F1, ha promesso il ritorno del marchio della losanga al quarto posto nel mondiale Costruttori dietro ai tre top team, mentre Alain Prost ha lasciato intendere che l’obiettivo è di tornare sul podio.

Nel 2019 la Renault è incappata in un anno difficile. Dopo aver ammodernato la factory di Enstone ci si aspettava che la R.S.19 avrebbe tratto dei grandi benefici dalle infrastrutture modernissime. Così non è stato e, sebbene, il team sia composto da circa 1200 persone (fra telaio e motore) ha profondamente deluso le aspettative.

Via Nick Chester, storico capo progetto che probabilmente aveva finito il suo filone creativo, e dentro Pat Fry, il tecnico che ha rilanciato la McLaren prima di tornare a Enstone. C’è stato un cambio di filosofia dal quale la squadra anglo-francese dovrebbe beneficiare.

È curioso che della R.S.20 sia stata tenuta nascosta la parte anteriore per cui possiamo aspettarci qualcosa di insolito in quell’ambito. La monoposto gialla sembra avere qualche curiosità degna di nota anche nel resto della vettura, segno che finalmente c’è un po’ di vitalità nello staff tecnico.

Parlavamo dell’anteriore e non è passato inosservato il fatto che il muso si stringe in modo significativo davanti al vanity panel, segno che potrebbe essere stata seguita la tecnica costruttiva della Mercedes che negli ultimi due anni ha lavorato sodo per ridurre la resistenza all’avanzamento del naso.

Le immagini mostrano un puntone della sospensione anteriore che quasi arriva all’altezza massima concessa dalla scocca e che lascia intuire, quindi, la delibera di una soluzione piuttosto spinta, insieme alla conferma del bracket sul triangolo superiore. La parte superiore del telaio pare sia scavata con una nervatura ai lati per raggiungere le misure imposte dalla FIA.

Lo sfogo dell’S-duct è largo quanto la scocca e ai bordi evidenzia i due flap che servono a convogliare il flusso nelle pance. La bocca dei radiatori è stata istituzionalizzata sulla scelta della Red Bull con i due profili alari sovrapposti e l’andamento delle fiancate si è sensibilmente ristretto alle spalle del pilota. Anche la Renault beneficia di un cambio più piccolo che permette di allargare i canali che portano il flusso all’estrattore posteriore centrale.

A Enstone hanno rivisto la parte posteriore modificando il sistema di raffreddamento della power unit. Non ci è sfuggito il fatto che dietro all’attacco dell’Halo ci siano due prese Naca piuttosto vistose che quasi certamente alimentano i radiatori dell’ibrido, permettendo di ridurre la superficie dell’airscope che in passato era il più grande del Circus. Si tratta di un buon passo verso una migliore efficienza dell’alettone posteriore.

Ai lati dell’abitacolo ci sono gli sfoghi d’aria a saracinesca per estrarre il calore dalla power unit di Viry Chatillon, visto che l’apertura in coda alle fiancate è stata ridotta rispetto allo scorso anno, quando la R.S.19 era una delle monoposto più “affamate” di aria, segno che è stato fatto un importante passo avanti sull’affidabilità del 6 cilindri turbo.

Una certa accuratezza nel lavoro di sviluppo si osserva nelle piccole pinnette sagomate che compariranno ai lati delle protezioni della testa: servono a raggiungere l’altezza minima del regolamento ed è curioso che questo aspetto lo si ritrovi sulla Red Bull e, per esempio, non sulla Ferrari.

A osservare il rendering si può aggiungere che la sospensione posteriore pull rod ha il tirante che non si infulcra al porta mozzo, ma si attacca al bracket esterno che solleva il triangolo superiore. La Renault ha scelto di montare due scarichi della valvola wastegate ai lati del terminale centrale, ma in basso. Come sarà la vera R.S.20? Lo scopriremo a Barcellona…

Scorrimento
Lista

Renault R.S.20

Renault R.S.20
1/11

Foto di: Renault

Renault R.S.20

Renault R.S.20
2/11

Foto di: Renault

Renault R.S.20

Renault R.S.20
3/11

Foto di: Renault

Marcin Budkowski, Renault F1 Team, Direttore Esecutivo

Marcin Budkowski, Renault F1 Team, Direttore Esecutivo
4/11

Foto di: Renault

Daniel Ricciardo, Esteban Ocon, Renault F1 Team

Daniel Ricciardo, Esteban Ocon, Renault F1 Team
5/11

Foto di: Renault

Remi Taffin, Renault Sport F1 Engine Technical Director; Cyril Abiteboul, Renault Sport F1 Managing Director; Alain Prost, Renault F1 Team Non-Executive Director

Remi Taffin, Renault Sport F1 Engine Technical Director; Cyril Abiteboul, Renault Sport F1 Managing Director; Alain Prost, Renault F1 Team Non-Executive Director
6/11

Foto di: Renault

Daniel Ricciardo, Esteban Ocon, Renault F1 Team

Daniel Ricciardo, Esteban Ocon, Renault F1 Team
7/11

Foto di: Renault

Mia Sharizman, Renault Sport Academy Director; Esteban Ocon, Renault F1 Team; Daniel Ricciardo, Renault F1 Team; Cyril Abiteboul, Renault Sport F1 Managing Director; Alain Prost, Renault F1 Team Non-Executive Director

Mia Sharizman, Renault Sport Academy Director; Esteban Ocon, Renault F1 Team; Daniel Ricciardo, Renault F1 Team; Cyril Abiteboul, Renault Sport F1 Managing Director; Alain Prost, Renault F1 Team Non-Executive Director
8/11

Foto di: Renault

Mia Sharizman, Renault Sport Academy Director, Max Fewtrell, Renault Sport Academy Driver, Christian Lungaard, Renault Sport Academy Driver, Esteban Ocon, Renault F1 Team, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team, Cyril Abiteboul, Renault Sport F1 Managing Director, Guanyu Zhou, Renault Sport Academy Driver, Oscar Piastri, Renault Sport Academy Driver, Hadrien David, Renault Sport Academy Driver, Alain Prost, Renault F1 Team Non-Executive Director

Mia Sharizman, Renault Sport Academy Director, Max Fewtrell, Renault Sport Academy Driver, Christian Lungaard, Renault Sport Academy Driver, Esteban Ocon, Renault F1 Team, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team, Cyril Abiteboul, Renault Sport F1 Managing Director, Guanyu Zhou, Renault Sport Academy Driver, Oscar Piastri, Renault Sport Academy Driver, Hadrien David, Renault Sport Academy Driver, Alain Prost, Renault F1 Team Non-Executive Director
9/11

Foto di: Renault

Daniel Ricciardo, Esteban Ocon, Renault F1 Team

Daniel Ricciardo, Esteban Ocon, Renault F1 Team
10/11

Foto di: Renault

Pat Fry, Renault F1 Team, Direttore Tecnico (Chassis)

Pat Fry, Renault F1 Team, Direttore Tecnico (Chassis)
11/11

Foto di: Renault

Video correlati

Prossimo Articolo
Verstappen: "Debutto positivo della RB16. Tutto ha funzionato"

Articolo precedente

Verstappen: "Debutto positivo della RB16. Tutto ha funzionato"

Prossimo Articolo

Ricciardo: "Occhio a sottovalutare Ocon"

Ricciardo: "Occhio a sottovalutare Ocon"
Carica commenti