F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Ferrari SF1000: in 10 punti ecco i miglioramenti sulla SF90

Grazie ai disegni di Giorgio Piola possiamo fare un primo confronto fra la Ferrari SF1000 presentata ieri a Reggio Emilia e la SF90 che ha corso l'anno scorso. La nuova rossa ha soluzioni più estreme specie nel retrotreno.

Ferrari SF1000: in 10 punti ecco i miglioramenti sulla SF90

La Ferrari SF1000 ha tutti gli occhi puntati addosso. Mattia Binotto è fiducioso sul potenziale della Rossa anche se è abile a scaricare la responsabilità dalle spalle della squadra di Maranello sostenendo che non parte favorita nella lotta per il mondiale.

La Rossa però rappresenta un importante passo avanti rispetto alla SF90: Enrico Cardile, David Sanchez e Simone Resta hanno stravolto il concetto base della macchina dello scorso, rinunciando alle velocità massima per trovare il carico aerodinamico mancante. Basterà per battere Mercedes e Red Bull? Lo scopriremo solo nei test invernali.

Intanto andiamo ad analizzare le differenze fra la SF1000 e la SF90 in dieci punti.

Illustrazione della Ferrari SF1000 in alto a confronto con la SF90

Illustrazione della Ferrari SF1000 in alto a confronto con la SF90

Photo by: Giorgio Piola

1 Il muso ha mantenuto la matrice di quello visto nel 2019 dal GP di Singapore in poi, ma bisogna avere l’occhio allenato per vedere che la sezione frontale è stata leggermente ridotta. L’ala anteriore ha mantenuto l’impostazione outwash, vale a dire che l’orientamento dei flussi porta l’aria all’esterno della ruota anteriore.

2 Il cape è diverso nella sua configurazione: è integrato alle due narici del muso e lavora in modo sinergico con la lunga sequenza di turning vanes. Ci sono ben sette elementi sotto al muso, con il primo che si estende in altezza con la funzione di richiamare il flusso verso il basso.

3 La Ferrari (ma anche la Red Bull) utilizza nuovi cerchi in magnesio della OZ Racing: le nove razze sono più sottili e, soprattutto, risultano più lunghe perché nella parte centrale, si è cercato di togliere del materiale per facilitare il passaggio di aria che avviene attraverso i fori della campana del disco in modo da simulare l’effetto aerodinamico che si otteneva con il mozzo forato che dal 2019 è vietato dalle regole.

La sospensione anteriore è rimasta push rod con lo stesso schema dello scorso anno: il puntone è ancorato al porta mozzo con un pivot che permette di abbassare la monoposto quando è in imbardata.

4 Il barge board è di nuova concezione, adatto alle nuove bocche dei radiatori. Si tratta di una soluzione complicatissima che è destinata a cambiare nel corso della stagione. I primi tre elementi verticali nel bordo d’entrata sono molto alti, mentre il collegamento con il deviatore di flusso avviene grazie a due vistosi boomerang sovrapposti che sono di chiara matrice Red Bull.

5 Gli aerodinamici del Cavallino hanno rivisto le bocche delle pance: pescano l’aria per il raffreddamento dei radiatori sopra al cono anti intrusione, ma al posto del classico convogliatore d’aria c’è l’alettone centrale formato da due profili, nell’evoluzione del concetto che è stato introdotto sulla RB15 a Milton Keynes. Anche lo specchietto retrovisore e i suoi supporti sono diventati strumenti aerodinamici che si integrano nella nuova forma delle pance.

6 L’airbox è molto stretto e ha la forma triangolare. Colpisce la comparsa ai lati dell’airscope di due “corna” che non sono altro che dei convogliatori di flusso che servono a migliorare l’efficienza dell’ala posteriore. Questa soluzione non è affatto nuova, visto qualcosa di analogo si era visto sulla McLaren del 2005 e poi aveva fatto scuola nelle stagioni successive su diverse monoposto.

7 Rispetto alla SF90 la nuova Rossa impressiona quanto sia stato ridimensionato il cofano motore grazie a un diverso packaging della nuova power unit che dovrebbe assicurare una ventina di cavalli in più grazie a una nuova testata. Nel confronto dei disegni di Giorgio Piola è lampante quanto l’engine cover quest’anno mantenga una linea più bassa.

8 Il nuovo cambio più stretto e corto ha permesso ai tecnici di disegnare fiancate che si stringono molto, allargando sul fondo i due canali che sono chiamati ad alimentare l’estrattore centrale, con un incremento di downforce che non impatta sulla resistenza all’avanzamento.

9 La T-wing in fondo alla pinna del cofano è biplana, mentre fra i due piloni dell’ala posteriore con la forma a collo di cigno c’è lo scarico principale sormontato dall’unico terminale della wastegate. Non è da escludere che arrivi la versione doppia vista nelle libere di Abu Dhabi, grazie alla quale si può sfruttare in modo più efficace il soffiaggio dei gas.

10 L’alettone posteriore è classico: sarà modificato nei test invernali. Questa versione da alto carico, con un flap mobile di grande corda non sarà adatto a Barcellona...

Dettagli dell' ala anteriore della Ferrari SF1000
Dettagli dell' ala anteriore della Ferrari SF1000
1/13

Foto di: Ferrari

Dettaglio del muso della Ferrari SF1000
Dettaglio del muso della Ferrari SF1000
2/13

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000, dettaglio della sospensione
Ferrari SF1000, dettaglio della sospensione
3/13

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000 dettaglio laterale
Ferrari SF1000 dettaglio laterale
4/13

Foto di: Ferrari

Dettaglio tecnico della Ferrari SF1000
Dettaglio tecnico della Ferrari SF1000
5/13

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000 dettaglio laterale
Ferrari SF1000 dettaglio laterale
6/13

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000 dettaglio dei sidepods
Ferrari SF1000 dettaglio dei sidepods
7/13

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000 dettaglio dei sidepods
Ferrari SF1000 dettaglio dei sidepods
8/13

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala anteriore
Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala anteriore
9/13

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000, dettagli sidepods
Ferrari SF1000, dettagli sidepods
10/13

Foto di: Ferrari

Dettagli dell'ala anteriore della Ferrari SF1000
Dettagli dell'ala anteriore della Ferrari SF1000
11/13

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000, dettagli del posteriore
Ferrari SF1000, dettagli del posteriore
12/13

Foto di: Ferrari

Dettagli del posteriore della Ferrari SF1000
Dettagli del posteriore della Ferrari SF1000
13/13

Foto di: Ferrari

condivisioni
commenti
GP Cina: Carey ammette che non sarà facile trovare una data
Articolo precedente

GP Cina: Carey ammette che non sarà facile trovare una data

Prossimo Articolo

Verstappen: "Debutto positivo della RB16. Tutto ha funzionato"

Verstappen: "Debutto positivo della RB16. Tutto ha funzionato"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021