F1 in lutto: è scomparso l'Ingegner Ron Tauranac

Il progettista è morto nella sua casa a 95 anni. In carriera vinse due Mondiali con Brabham lavorando a una marea di altri progetti.

F1 in lutto: è scomparso l'Ingegner Ron Tauranac

La Formula 1 piange Ron Tauranac, progettista ed ingegnere diventato famoso ai tempi della Brabham, che è scomparso all'età di 95 anni.

L'anglo-australiano lavorò infatti con Jack Brabham all'inizio degli anni '60, arrivando a vincere nel 1966 proprio con lo stesso Brabham e nel 1967 con Denny Hulme il titolo.

Fu anche coinvolto nel progetto Ralt di Formula 3, Formula 2 e Formula Atlantic con successo fra gli anni '70 ed '80.

L'annuncio della sua morte è stata data dalla famiglia con un comunicato.

"La famiglia Tauranac annuncia con dispiacere la morte di Ron Tauranac all'età di 95 anni. Ron ci ha lasciato serenamente nel sonno durante le prime ore di venerdì mattina nella sua casa a Sunshine Coast, nel Queensland, in Australia. Attivo e in forma fino alla fine, ha sempre cercato un nuovo obiettivo da raggiungere nella sua testa. Non si è mai fermato nonostante i successi e la sua mente ingegneristica è sempre stata attivissima. Quando di recente gli è stato chiesto quale fosse la miglior vettura da lui disegnata, la sua risposta è stata semplicemente 'La prossima'. Ha passato una vita straordinaria. Siamo orgogliosi di quello che ha fatto e rattristati dalla sua scomparsa".

Tauranac lascia le figlie Jann e Julie, mentre la famiglia ha chiesto di inviare i messaggi di condoglianze alla mail rontauranac@gmail.com.

Tauranac era nato in Inghilterra nel 1925, prima che la sua famiglia emigrasse in Australia alcuni anni dopo. Lasciò la scuola all'età di 14 anni per arruolarsi nella Royal Australian Air Force, dove cominciò ad imparare il ruolo di pilota da battaglia.

All'inizio degli anni '50, con il fratello Austin cominciarono a costruire vetture per le cronoscalate chiamate RALT, acronimo di Ron, Austin, Lewis e Tauranac, le loro iniziali.

E proprio nelle salite Tauranac incontrò Jack Brabham, mantenendo i contatti anche quando quest'ultimo volò in Europa.

Nel 1960 tornò nel Regno Unito per lavorare alla Motor Racing Developments in collaborazione con Brabham, sfornando monoposto di successo che arrivarono alla conquista del Mondiale di Formula 1 nel '66 e nel '67, oltre ad altre categorie.

Quando Brabham si ritirò nel 1970, Tauranac prese la MRD e il team Brabham F1, vendendolo successivamente a Bernie Ecclestone nel 1972 e passando alla Trojan, dove progettò la T103 affiancato da un giovanissimo Patrick Head.

L'anno seguente fondò la Ralt, azienda di monoposto a ruote scoperte che preserò il nome di RT1, RT2, RT3 e RT4 che diederò il via alla carriera di parecchi piloti fra Formula 3, Formula Atlantic e Formula 2.

Nel 1988, Tauranac vendette la Ralt alla March e cominciò a lavorare in progetti che lo video coinvolto anche con Honda e Arrows in Formula 1.

Tornato poi in Australia, visse a Sydney per poi spostarsi a Sunshine Coast due anni dopo.

Tauranac è stato insignito del premio 'Order of Australia' nel 2002 e introdotto nella Motorsport Australia Hall of Fame nel 2017.

Ron Tauranac, Jack Brabham, Brabham BT24 Repco

Ron Tauranac, Jack Brabham, Brabham BT24 Repco

Photo by: David Phipps

condivisioni
commenti
Renault: reclamo a Racing Point farà capire la direzione della F1

Articolo precedente

Renault: reclamo a Racing Point farà capire la direzione della F1

Prossimo Articolo

F1, Ungheria, Libere 2: spunta Vettel sul bagnato

F1, Ungheria, Libere 2: spunta Vettel sul bagnato
Carica commenti
Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna Prime

Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna

Si sta facendo un gran parlare attorno alle ali flessibili in Formula 1. A partire dal GP di Francia, la situazione dovrebbe normalizzarsi, ma ecco cos'ha causato l'oggetto del contendere tra Mercedes e Red Bull

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21 Prime

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21

La Scuderia è terza nel mondiale Costruttori con 92 punti davanti alla McLaren: la SF21 ha un potenziale nettamente superiore a quello della SF1000, ma la Rossa finora ha raccolto meno del potenziale mostrato in pista. Andiamo a capire perché c'è una differenza fra il giro secco e il passo gara, per capire come mai a due pole position conquistate in prova non abbia corrisposto almeno una vittoria.

Formula 1
11 giu 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p. 1) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p. 1) - It's a long way to the top

15esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 1).

Formula 1
10 giu 2021
Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo Prime

Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo

Con la vittoria a Baku il messicano ha portato punti preziosi nel Costruttori ed ha dimostrato come in questa stagione, nella lotta tra Verstappen e Hamilton, le seconde guide dei due team di punta avranno un ruolo determinante.

Formula 1
10 giu 2021
GP Baku: Perez trionfa nel week end nero Mercedes Prime

GP Baku: Perez trionfa nel week end nero Mercedes

Sergio Perz ha vinto in maniera rocambolesca il Gran Premio d'Azerbaijan, sesta prova del Mondiale 2021 di Formula 1. Il messicano ha avuto la meglio di Vettel e Gasly, con Verstappen out a tre giri dal termine dopo aver ampiamente dominato la corsa

Formula 1
10 giu 2021
Bottas: il vero punto debole della Mercedes Prime

Bottas: il vero punto debole della Mercedes

Valtteri Bottas è il protagonista indiscusso di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il finlandese in Azerbaijan ha vissuto uno dei suoi fine settimana peggiori da quando è in Mercedes. Proviamo a capire ed analizzare quali fattori possono aver portato a ciò.

Formula 1
8 giu 2021
GP d'Azerbaijan: caos, rimonte e sorprese a Baku Prime

GP d'Azerbaijan: caos, rimonte e sorprese a Baku

Il GP d'Azerbaijan di Formula 1 non è stato per nulla avaro di sorprese. A Baku abbiamo assistito ad una gara animata da ricchi colpi di scena, con cambi al vertice e situazioni insperate. Ecco com'è andata nella nostra esclusiva animazione grafica

Formula 1
7 giu 2021
Minardi: “Hamilton non si è voluto accontentare” Prime

Minardi: “Hamilton non si è voluto accontentare”

Andiamo ad analizzare il GP dell'Azerbaijan dando i voti ai piloti di Formula 1 insieme a Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi

Formula 1
7 giu 2021