F1 in lutto: è scomparso l'Ingegner Ron Tauranac

Il progettista è morto nella sua casa a 95 anni. In carriera vinse due Mondiali con Brabham lavorando a una marea di altri progetti.

F1 in lutto: è scomparso l'Ingegner Ron Tauranac

La Formula 1 piange Ron Tauranac, progettista ed ingegnere diventato famoso ai tempi della Brabham, che è scomparso all'età di 95 anni.

L'anglo-australiano lavorò infatti con Jack Brabham all'inizio degli anni '60, arrivando a vincere nel 1966 proprio con lo stesso Brabham e nel 1967 con Denny Hulme il titolo.

Fu anche coinvolto nel progetto Ralt di Formula 3, Formula 2 e Formula Atlantic con successo fra gli anni '70 ed '80.

L'annuncio della sua morte è stata data dalla famiglia con un comunicato.

"La famiglia Tauranac annuncia con dispiacere la morte di Ron Tauranac all'età di 95 anni. Ron ci ha lasciato serenamente nel sonno durante le prime ore di venerdì mattina nella sua casa a Sunshine Coast, nel Queensland, in Australia. Attivo e in forma fino alla fine, ha sempre cercato un nuovo obiettivo da raggiungere nella sua testa. Non si è mai fermato nonostante i successi e la sua mente ingegneristica è sempre stata attivissima. Quando di recente gli è stato chiesto quale fosse la miglior vettura da lui disegnata, la sua risposta è stata semplicemente 'La prossima'. Ha passato una vita straordinaria. Siamo orgogliosi di quello che ha fatto e rattristati dalla sua scomparsa".

Tauranac lascia le figlie Jann e Julie, mentre la famiglia ha chiesto di inviare i messaggi di condoglianze alla mail rontauranac@gmail.com.

Tauranac era nato in Inghilterra nel 1925, prima che la sua famiglia emigrasse in Australia alcuni anni dopo. Lasciò la scuola all'età di 14 anni per arruolarsi nella Royal Australian Air Force, dove cominciò ad imparare il ruolo di pilota da battaglia.

All'inizio degli anni '50, con il fratello Austin cominciarono a costruire vetture per le cronoscalate chiamate RALT, acronimo di Ron, Austin, Lewis e Tauranac, le loro iniziali.

E proprio nelle salite Tauranac incontrò Jack Brabham, mantenendo i contatti anche quando quest'ultimo volò in Europa.

Nel 1960 tornò nel Regno Unito per lavorare alla Motor Racing Developments in collaborazione con Brabham, sfornando monoposto di successo che arrivarono alla conquista del Mondiale di Formula 1 nel '66 e nel '67, oltre ad altre categorie.

Quando Brabham si ritirò nel 1970, Tauranac prese la MRD e il team Brabham F1, vendendolo successivamente a Bernie Ecclestone nel 1972 e passando alla Trojan, dove progettò la T103 affiancato da un giovanissimo Patrick Head.

L'anno seguente fondò la Ralt, azienda di monoposto a ruote scoperte che preserò il nome di RT1, RT2, RT3 e RT4 che diederò il via alla carriera di parecchi piloti fra Formula 3, Formula Atlantic e Formula 2.

Nel 1988, Tauranac vendette la Ralt alla March e cominciò a lavorare in progetti che lo video coinvolto anche con Honda e Arrows in Formula 1.

Tornato poi in Australia, visse a Sydney per poi spostarsi a Sunshine Coast due anni dopo.

Tauranac è stato insignito del premio 'Order of Australia' nel 2002 e introdotto nella Motorsport Australia Hall of Fame nel 2017.

Ron Tauranac, Jack Brabham, Brabham BT24 Repco

Ron Tauranac, Jack Brabham, Brabham BT24 Repco

Photo by: David Phipps

condivisioni
commenti
Renault: reclamo a Racing Point farà capire la direzione della F1
Articolo precedente

Renault: reclamo a Racing Point farà capire la direzione della F1

Prossimo Articolo

F1, Ungheria, Libere 2: spunta Vettel sul bagnato

F1, Ungheria, Libere 2: spunta Vettel sul bagnato
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura” Prime

Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura”

Insieme a Franco Nugnes ed al dottor Riccardo Ceccarelli andiamo ad analizzare quanto successo in occasione dell'ultimo GP di Formula 1 a Jeddah, dove i piloti si sono dimostrati più forti della paura

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Formula 1
7 dic 2021
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021