Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Gara

IGTC | 12h Bathurst: Mercedes vince con Sun Energy 1, Rossi è 6°

Colpaccio di Habul/Gounon/Stolz sul Mount Panorama: dopo aspre battaglie ed un brivido finale la AMG #75 si impone sulla Porsche-Manthey e la AMG-GruppeM. BMW-WRT #32 ai piedi del podio, Valentino/Farfus/Martin beffati da un problemino finale secondo nell'ordine, Audi regine in PRO-AM e Silver.

#75 Sun Energy 1 Mercedes-AMG GT3: Kenny Habul, Jules Gounon, Luca Stolz

La Mercedes-AMG Motorsport festeggia un altro grande successo alla 12h di Bathurst, primo evento stagionale dell'Intercontinental GT Challenge.

Ad una settimana di distanza dall'affermazione in quel di Daytona, la Casa della Stella è sul primo gradino del podio anche in Australia con la AMG GT3 #75 della Sun Energy 1 condotta da Kenny Habul, Jules Gounon e Luca Stolz.

In un finale accesissimo, il trio ha battuto la Porsche #912 della Manthey EMA guidata da Matt Campbell, Mathieu Jaminet e Thimas Preining, mentre il podio viene completato da Maro Engel, Mikael Grenier e Raffaele Marciello sulla mercedes #999 della GruppeM che era scattata dalla Pole Position.

La migliore delle BMW M4 del Team WRT è quarta grazie a Van Der Linde/Weerts/Vanthoor (#32), mentre all'esordio sul Mount Panorama, Valentino Rossi sulla #46 condivisa con Augusto Farfus e Maxime Martin termina in sesta posizione.

Azione in pista

Azione in pista

Photo by: Bathurst 12H

3a ORA: Van Gisbergen subito davanti con la Mercedes

Shane Van Gisbergen con la Mercedes #888 di Supercheap Auto Racing si è subito trovato in lotta con la Porsche #912 di Campbell dopo 3 ore. Il poleman Maro Engel era partito bene inseguito dalla Mercedes di Maxi Goetz con la #888, Preining, Stolz e Farfus.

Questo quintetto si è staccato dal gruppo nel corso degli otto giri iniziali, tanto che dopo 25' la Audi #65 di Liam Talbot (MPC) era sesta a 20", inseguita dalla Mercedes-Craft Bamboo di Phil Ellis e dalla BMW-WRT di Dries Vanthoor. Tuttavia, poco prima della mezz'ora, Vanthoor ha conquistato il settimo posto e, poco dopo i 30 minuti ha preso anche il sesto.

Intanto la Mercedes-Valmont Racing di Duvashen Padayache ha colpito l'Audi di Christopher Haase, danneggiando il posteriore e mandando la R8 a muro. Frédéric Vervisch sull'Audi-Fuchs e la Mercedes della Bend Motorsport Park con sopra Ricardo Feller hanno superato Talbot ed Ellis al 15° giro e portandosi rispettivamente al settimo e all'ottavo posto, ma Feller ha poi passato anche Vervisch prendendosi il primato della Classe PRO-AM.

In testa, dopo 50 minuti, Engel ha staccato di 4"5 Goetz, che a sua volta ha portato a 1"5 il margine su Priening, Stolz e Farfus. Vervisch è stato il primo pilota della Top10 a rientrare ai box, al 29° giro. Feller ed Ellis. Il primo ha passato il testimone a Yasser Shahin, il secondo è rimasto in macchina. Vanthoor è rientrato al 33° giro, seguito da Wall e Talbot. Talbot ha lasciato il volante a Chaz Mostert, ma purtroppo l'asso della Supercars ha oltrepassato la linea di uscita dai box mentre era in difficoltà con le gomme fredde, e gli è stata inflitta una penalità di Drive-Through.

Goetz si è fermato al 34° giro con un ritardo di 5"5 secondi da Engel, imitato da Prening per dare spazio a Jaminet. Quando Engel si è fermato il giro successivo, Grenier ha preso il comando con la Mercedes #999 allungando poi a 9".

Jaminet ha superato Habul per il terzo posto. La rimonta di Mostert dopo la penalità è stata incredibile tanto da portarlo al 10° posto. Jaminet ha iniziato ad avvicinarsi a Grenier e Goetz, poi altro giro di pit-stop inaugurato da Vervisch che ha dato spazio a Brad Schumacher. Dopo un paio d'ore prima Safety Car per l'uscita di Stephen Grove sulla Porsche alla Skyline. Grenier si è fermato ed è rimasto a bordo, Van Gisbergen ha sostituito Goetz e Campbell ha preso il posto di Jaminet, mentre ha esordito Valentino Rossi salendo sulla BMW #46.

Grenier è tornato in pista davanti a Van Gisbergen, Campbell, Rossi, Weerts e Habul. Al 63° giro via libera e Campbell ha superato Van Gisbergen, con Talbot a salire sesto.

#888 Supercheap Auto Racing Mercedes-AMG GT3: Shane Van Gisbergen, Broc Feeney, Maximilian Götz

#888 Supercheap Auto Racing Mercedes-AMG GT3: Shane Van Gisbergen, Broc Feeney, Maximilian Götz

Photo by: Bathurst 12H

6a ORA: passa al comando SunEnergy1

Il secondo quarto di gara ha preso il via con un'affascinante battaglia in testa tra Van Gisbergen e Campbell fino a metà della 3a ora, quando la Safety Car ha fatto la sua seconda apparizione della giornata per un contatto tra la Mercedes #44 di Valmont Racing e l'Audi #47 di Supabarn alla Skyline. Questo ha provocato una serie di soste per gran parte dello schieramento, Manthey EMA ha optato per un rifornimento di carburante più breve per aiutare Preining a prendere il comando su Van Gisbergen.

Bandiera verde dopo 15' e Preining è scattato in testa, guadagnando due secondi su Van Gisbergen, che però lo ha ripreso subito inseguito da Farfus, Engel e Van Der Linde, ma in 10' altra SC per il KO di Fabian Schiller alla 'Hell Corner' con la Mercedes GT4 #19 di Nineteen Corporatio. Gli unici tornati ai box sono stati le Mercedes #75 SunEnergy1 Racing e #77 di Craft-Bamboo.

Alla 4a ora nuova ripartenza e Preining ha allungato nuovamente, mentre Van Gisbergen si è trovato sotto la pressione di Farfus, a sua volta puntato da Engel; questi si sono anche affiancati toccandosi, ma il tedesco è finito troppo largo e ha permesso a Van der Linde di infilarsi salendo quarto.

Farfus ha iniziato a mettere nel mirino Van Gisbergen, che però è riuscito a ristabilire un piccolo margine sulla BMW fino a 4h40', quando la #888 è stata la prima del gruppo di testa a fare una quarta sosta. Broc Feeney ha preso in mano la vettura, poi è toccato ai primi tre rientrare. Rossi è tornato sulla #46 da terzo, mentre Vanthoor è passato sulla #32.

Rientrando, Engel è riuscito a passare davanti alle due BMW, così come Daniel Juncadella sulla Mercedes #77 quando ha effettuato la sosta diversi giri dopo, con Gounon primo sulla #75 con un margine di 10" su Jaminet e Feeney, che nel frattempo è rientrato ai box poco prima delle sei ore, quando Marciello è salito terzo davanti a Juncadella, Vanthoor e Rossi.

#912 Manthey EMA Porsche 911 GT3R: Matt Campbell, Mathieu Jaminet, Thomas Preining

#912 Manthey EMA Porsche 911 GT3R: Matt Campbell, Mathieu Jaminet, Thomas Preining

Photo by: Bathurst 12H

9a ORA: GruppeM sale in vetta

Superata la 6a ora e un'altra girandola di soste, la Mercedes #888 ha perso contatto con la Porsche #912 dopo la battaglia della prima metà di gara. Feeney è sceso a circa 30" da Campbell, mentre il distacco dal leader Gounon è salito a quasi un minuto, con il francese a tenersi dietro Marciello a 17".

La SC è entrata per la quinta volta per via di Scott Taylor, a muro alla 'The Dipper'. SunEnergy1 ha scelto di lasciare fuori Gounon, mentre il resto del gruppo di testa si è diretto ai box. La Porsche #912 è stata in grado di saltare davanti alla Mercedes #999 durante le soste, con Preining ed Engel in macchina.

Van Gisbergen è salito sulla Mercedes #888, Ellis è rimasto sulla #77, Van Der Linde è salito sulla BMW #32 e Martin ha preso il sedile della #46. RIpartenza solo dopo 7h15', con Gounon che ha subito guadagnato un piccolo vantaggio su Preining, mentre Van Gisbergen ha faticato perdendo posizioni nei confronti di Ellis, Van Der Linde e Martin in poche curve.

Engel è riuscito a recuperare la seconda posizione, superando Preining e raggiungendo Gounon. Anche le BMW hanno avuto un ritmo discreto in questo stint, ed entrambe le vetture sono riuscite a superare Ellis poco dopo la ripartenza. Alle soste successive, Gounon è stato sostituito da Stolz, rientrato in sesta posizione dietro a van Gisbergen, mentre Engel ha allungato su Preining.

Il tedesco ha continuato a comandare fino alla successiva serie di soste, poco prima delle 8h30' e Stolz ha ripreso il primato. Intanto la Mercedes #888 ha avuto una sosta lenta in cui il team ha dovuto armeggiare con la protezione dell'avantreno. Successivamente è arrivato da scontare anche un Drive-Through dato che un membro dell'equipaggio aveva regolato l'ala posteriore nella pit-lane.

Il distacco tra Stolz e Marciello è rimasto invariato, poi il tedesco è rientrato ai box proprio allo scoccare delle nove ore e 'Lello' è rimasto in testa alla gara con un vantaggio su Jaminet di 25", a sua volta seguito da Vanthoor, Stolz, Farfus, Goetz e Nicky Catsburg sulla Mercedes #77 di Craft-Bamboo #77

#999 GruppeM Racing Mercedes-AMG GT3: Maro Engel, Mikael Grenier, Raffaele Marciello

#999 GruppeM Racing Mercedes-AMG GT3: Maro Engel, Mikael Grenier, Raffaele Marciello

Photo by: Bathurst 12H

12a ORA: trionfo Mercedes con il brivido

L'ultimo quarto di gara è iniziato con Marciello in vantaggio di 25" su Jaminet e 45" sulla Mercedes #75 di Sun Energy 1. Proprio allo scoccare delle 9h25', la BMW #46 di WRT è stata costretta a una sosta anticipata per accumulo di carbonio sulla parte posteriore della vettura; i commissari hanno detto all'equipaggio che doveva eliminare lo sporco in modo che i fanali posteriori fossero visibili, cosa che è stata fatta in garage .

Dieci minuti dopo, il resto del gruppo di testa ha iniziato a fare le proprie soste e Stolz è tornato in testa con un margine di 35" sulla #999 e Campbell terzo con dietro Van Der Linde. A poco più di due ore dalla fine, Stolz ha ceduto la testa quando ha effettuato sosta e cambio con Gounon, sceso terzo dietro a Campbell con un margine di 42" sul nuovo leader Marciello.

Solo negli ultimi 90 minuti Gounon ha iniziato a fare progressi, portandosi a meno di 3" da Campbell, mentre il distacco da Marciello è sceso a poco più di 30".
Allo stesso tempoGrande beffa per la Mercedes #999 di GruppeM, che si è vista costretta a sostituire il trasponder - fornito dalla direzione gara - per un guasto e quindi alle prese con una sosta finale più lunga che ha permesso a Gounon di passare al comando. Il disperato tentativo di Engel di tornare in testa ha fatto sì che i due si scontrassero alla 'The Chase' a 45' dalla fine e il tedesco si è beccato un drive-through.

Il francese ha respinto l'ultimo assalto di Campbell conquistando una incredibile vittoria, seconda consecutiva per Sun Energy 1 Racing e per Habul e Stolz.

Campbell, Jaminet e Preining hanno concluso al secondo posto, mentre Engel, Marciello e Grenier hanno completato il podio, ai piedi del quale troviamo la BMW-WRT #32 e la Mercedes #888 in Top5. Rossi-Farfus-Martin chiudono sesti con la #46.

In Classe PRO-AM vince l'Audi #65 del Melbourne Performance Centre nelle mani di Chaz Mostert, Fraser Ross e Liam Talbot, settimo assoluti.

In Classe Silver dominio per l'Audi #10 della International Motorsports affidata a Andrew Fawcet, Dylan O'Keeffe e Daniel Gaunt.

IGTC - 12h di Bathurst: GARA

#46 Team WRT BMW M4 GT3: Augusto Farfus, Maxime Martin, Valentino Rossi

#46 Team WRT BMW M4 GT3: Augusto Farfus, Maxime Martin, Valentino Rossi

Photo by: Bathurst 12H

Leggi anche:

 

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente IGTC | 12h di Bathurst: un super Engel piazza la Mercedes in Pole
Prossimo Articolo Rossi: "Peccato la Top 5 mancata, con BMW posso essere più forte"

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia