Formula 1
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
47 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
54 giorni
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
68 giorni
G
GP della Cina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
82 giorni
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
96 giorni
07 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
103 giorni
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
117 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
131 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
138 giorni
G
GP di Francia
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
152 giorni
02 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
159 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
173 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
187 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
215 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
222 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
Prossimo evento tra
236 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
243 giorni
G
GP del Giappone
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
257 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
271 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
278 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
292 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
306 giorni

Hamilton: il rifiuto del pit stop e una scommessa hard

condivisioni
commenti
Hamilton: il rifiuto del pit stop e una scommessa hard
Di:
15 lug 2019, 07:58

Il penta-campione ha vinto a Silverstone non solo per un colpo di fortuna dovuto all'ingresso della safety car coinciso con il suo cambio gomme, ma anche per scelte strategiche coraggiose.

L’asfalto nuovo di Silverstone è stata una variabile che ha mandato in confusione i calcoli dei team alla vigilia del Gran Premio di Gran Bretagna.

Secondo i dati che le squadre hanno raccolto nei frammentati long-run di venerdì, non sarebbe stato possibile concludere la corsa con una solo sosta, ma i cinquantadue giri di gara hanno clamorosamente smentito questa previsione.

La pista si è gommata progressivamente, e la temuta usura non è stata così significativa come ipotizzato dagli ingegneri. Questa variabile, insieme alla safety car entrata in pista in seguito al problema tecnico che ha bloccato Giovinazzi, ha influenzato molto il Gran Premio di ieri.

Anche dopo la prima sosta gli ingegneri della Mercedes temevano molto quel degrado che venerdì si era visto soprattutto sulla monoposto di Leclerc, e che ha colpito pure Bottas al termine del suo primo stint.

Hamilton, pur avendo seguito a lungo, e da vicino, il compagno di squadra, ha gestito meglio il suo primo set di pneumatici, ma questo aspetto non ha nulla a che fare con la scelta delle gomme confermata al primo pit.

Come è stato chiarito ieri dopo la gara, in casa Mercedes avevano dato libertà ai piloti di poter differenziare le strategie, e così è stato. Ma curiosamente a fregare Bottas è stato l’essere leader della gara al termine del primo stint.

Bottas ‘fregato’ perché… primo!

Avendo il diritto di fermarsi per primo (da anni in Mercedes il leader ha questo diritto), ed essendo ancora convinti che la gara sarebbe stata su due soste, Bottas non poteva che montare un secondo set di medie.

Se avesse montato le hard (e Hamilton di conseguenza le medie) nell’ipotetica seconda sosta sarebbe stato Lewis a fermarsi per primo, con il rischio per Bottas di subire l’undercut. Questo ha determinato la scelta delle medie per il secondo stint di Bottas, ed è stata paradossalmente la scelta che gli è costata la possibilità di lottare per il terzo successo stagionale.

Hamilton è stato ovviamente informato della scelta del compagno di squadra, e a quel punto ha pensato subito ad allungare lo stint per giocare la carta della singola sosta, poi è arrivato anche il bonus della safety car a far capire che era proprio la sua domenica.

Chiariamo: non è stata la vettura di servizio a dare la vittoria a Hamilton, ma gli ha semplificato la vita. Senza la safety car secondo i calcoli della Mercedes, Bottas sarebbe tornato in pista a dieci giri dalla fine con gomme fresche a circa 7/8 secondi da Lewis, che sulla carta sarebbe stato anche attaccabile. Ma il giro finale di Hamilton, ha spazzato via anche questa possibilità.

 

Le paure Mercedes e il no di Lewis

Dopo la frenata kamikaze di Vettel, che ha messo kappaò anche le ambizioni da podio di Verstappen, le due Mercedes hanno definitivamente visto svanire tutte le minacce, al punto che la squadra (verificata la finestra sufficiente su Leclerc) ha pensato di richiamare per la seconda sosta non solo Bottas, ma anche Hamilton a titolo precauzionale.

Lo spazio, in termini di margine, c’era. Ma Hamilton, impegnato in testa alla corsa, non ha messo a fuoco bene la situazione (secondo Mercedes) o non ha voluto correre alcun rischio ulteriore. Bottas è stato richiamato come da programma, ed anche perché il finlandese iniziava ad accusare una vibrazione, e successivamente anche Hamilton ha visto apparire sulla sua gomma anteriore sinistra il graining. Ma ormai la finestra su Bottas (tornato in pista con pneumatici freschi) non era più sufficiente per garantire a Lewis una sosta tranquilla ed il rientro in pista da leader. Hamilton ha così puntato dritto alla bandiera a scacchi. Disobbendo agli ordini...

Scorrimento
Lista

Il vincitore della gara Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia sul podio con il trofeo e una bandiera

Il vincitore della gara Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia sul podio con il trofeo e una bandiera
1/12

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Charles Leclerc, Ferrari SF90, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Charles Leclerc, Ferrari SF90, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
2/12

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Il vincitore della gara Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, con la bandiera

Il vincitore della gara Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, con la bandiera
3/12

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Tifosi a supporto di Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1

Tifosi a supporto di Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
4/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
5/12

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, precede Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, precede Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
6/12

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, riparte dopo un pit stop

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, riparte dopo un pit stop
7/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
8/12

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Il vincitore Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia sul podio

Il vincitore Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia sul podio
9/12

Foto di: Gareth Harford / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
10/12

Foto di: Gareth Harford / Motorsport Images

Il vincitore della gara Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, con la bandiera

Il vincitore della gara Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, con la bandiera
11/12

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Il vincitore della gara Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia nel parco chiuso

Il vincitore della gara Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia nel parco chiuso
12/12

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Fotogallery F1: sesto sigillo di Hamilton nel GP di Gran Bretagna

Articolo precedente

Fotogallery F1: sesto sigillo di Hamilton nel GP di Gran Bretagna

Prossimo Articolo

Steiner manda Grosjean e Magnussen a... zappare!

Steiner manda Grosjean e Magnussen a... zappare!
Carica commenti