Ferrari: il nuovo simulatore sboccerà in primavera

L'opera muraria che conterrà l'area di simulazione è in fase di completamento in uno spazio fra la nuova Gestione Sportiva e la pista di Fiorano. Il modernissimo impianto che non accoglierà più un "ragno", ma un simulatore di ultima generazione, dovrebbe diventare operativo nei primi mesi del prossimo anno, in tempo per sviluppare la Rossa del 2022 a effetto suolo che avrà il compito di riportare la Ferrari a lottare per il mondiale.

Ferrari: il nuovo simulatore sboccerà in primavera

Il nuovo simulatore della Ferrari sarà uno degli asset per il rilancio del Cavallino in Formula 1: il vecchio “ragno”, che resterà attivo a Maranello con altre funzioni, sarà sostituito da un impianto completamente nuovo che troverà posto nel nuovo edificio che è in costruzione fra la Gestione Sportiva e la pista di Fiorano.

La Scuderia sta ottimizzando tutti gli spazi e chi ha modo di vedere la costruzione che è caratterizzata da pareti di vetro in pieno allestimento, si è reso conto di quanto sia più grande rispetto al contenere solo un simulatore. Nella palazzina, infatti, confluiranno tutti quei reparti della vecchia GeS che sono rimasti temporaneamente dentro a dei prefabbricati non avendo sufficiente spazio nella nuova sede.

L’opera muraria dovrebbe essere completata prima di fine anno e subito dopo inizierà la fase di installazione del simulatore che, dopo un accurato periodo di messa a punto, dovrebbe essere perfettamente funzionale all’inizio della primavera, vale a dire in tempo per supportare lo sviluppo della Ferrari 2022, vale a dire la monoposto a effetto suolo con la quale la squadra di Maranello conta di tornare a lottare per il titolo iridato con la Mercedes.

La pandemia del COVID-19 ha rallentato la nascita del nuovo simulatore, ma l’aver ritardato di un anno l’introduzione dei nuovi regolamenti consente di agganciare la nascita della macchina 2022 con l’avvio dell’attività del nuovo e attesissimo impianto.

Non è un segreto per nessuno il fatto che il “ragno” abbia ormai fatto il suo tempo e sia necessario adeguare il reparto di simulazione del Cavallino con un impianto che sia all’avanguardia, in modo da permettere alla Ferrari un salto di qualità in un ambito che negli ultimi anni ha visto la Scuderia subire la superiorità degli altri top team.

Con questa (ingente) spesa, a Maranello sono pronti a sfidare qualsiasi avversario anche in un campo strategico che può avere un impatto importante nelle prestazioni perché ormai lo sviluppo di una monoposto di F1 avviene solo al simulatore e non più in pista.

I tecnici della Ferrari disporranno, finalmente, di un impianto all’avanguardia che rappresenterà lo stato dell’arte in materia di simulatori, colmando una lacuna che, almeno in parte, ha limitato lo sviluppo delle Rosse più recenti.

L’investimento è stato varato prima che venisse deciso il Budget cap, ragione per cui la factory del Cavallino si prepara al mondiale 2022 con ottimismo. Mattia Binotto, in questa difficile transizione, sta mettendo le basi perché la Ferrari disponga del meglio che c’è in circolazione per affrontare la nuova era della Formula 1 con le risorse tecniche necessarie a puntare alla vittoria.

E questa è la motivazione principale che spinge il team principal, ma in generale i vertici della Scuderia, a guardare con ottimismo al campionato 2022: non ci saranno più scuse per non essere competitivi…

Ecco il

Ecco il "ragno" attuale simulatore Ferrari che verrà presto sostituito da un impianto nuovo

Photo by: Ferrari

condivisioni
commenti
Seidl: "La McLaren in lizza per il terzo posto con le novità"

Articolo precedente

Seidl: "La McLaren in lizza per il terzo posto con le novità"

Prossimo Articolo

Stroll svela: "Ho avuto il COVID, ma a Portimao corro!"

Stroll svela: "Ho avuto il COVID, ma a Portimao corro!"
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021