Dakar 2022 | Audi
Topic

Dakar 2022 | Audi

Dakar 2022 | L'Audi ha costruito una squadra di... vincenti

La Casa degli anelli per la gestione sul campo delle tre RS Q e-tron si è affidata team Q Motorsport GmbH, la struttura fondata da Sven Quandt e dai figli Thomas e Tobias che ha dominato i raid a quattro ruote negli ultimi anni. Per quanto riguarda i piloti a Ekström che è l'alfiere di casa sono stati affiancati Peterhansel e Sainz che insieme hanno già vinto 17 Dakar, portando un contributo di esperienza difficilmente ripetibile.

Dakar 2022 | L'Audi ha costruito una squadra di... vincenti

L’Audi non ha alcuna esperienza di Dakar, per cui il marchio degli anelli per iniziare la sua avventura nel deserto ha puntato sulla squadra più qualificata che esiste nel bivacco. L’attenzione è caduta sul team Q Motorsport GmbH, la struttura fondata da Sven Quandt e dai figli Thomas e Tobias. Un nucleo familiare capace di lasciare un segno molto profondo nella storia recente del raid.

Sven Quandt, tedesco di 65 anni, ha vinto da pilota la Marathon Cup nel 1998 in categoria T1. Nello stesso anno, il suo team GECO Raid ha conquistato le prime tre posizioni alla Parigi-Dakar, sempre in Classe T1. Dal 2002 al 2004 Sven è stato direttore sportivo Mitsubishi Motors, prima di dare vita al Team X-raid che ha totalizzato cinque vittorie alla Dakar e per undici volte si è aggiudicato la Coppa del Mondo rally raid FIA.

A Ingolstadt hanno visto lontano, cercando di accorciare la fase di apprendimento di una squadra che si affaccia alle corse nel deserto. L’esperienza della famiglia Quandt ha permesso di evitare gli errori che di solito si commettono nel varo di un programma di vertice così ambizioso.

Q Motorsport GmbH è stata fondamentale nello sviluppo e nella gestione del prototipo elettrico in collaborazione con i tecnici di Audi Sport, coniugando la teoria alla pratica in una vettura da competizione che “… rappresenta il progetto più complesso e raffinato che mai sia stato realizzato”. Parola di Julius Seebach, amministratore delegato di Audi Sport.

L’idea di andare a pescare il meglio dal mercato non ha riguardato solo la gestione sul campo del team, ma anche la costruzione della squadra: l’Audi, infatti, oltre a scegliere Mattias Ekström, lo svedese di 42 anni che ha costruito la sua carriera con i quattro anelli, ha puntato su una coppia di piloti che la Dakar l’hanno già vinta 17 volte!

 Audi alla Dakar: Stéphane Peterhansel

Audi alla Dakar: Stéphane Peterhansel

Photo by: Audi

Stiamo parlando di Stéphane Peterhansel (55 anni), navigato da Edouard Boulanger, vale a dire “Mister Dakar”: una leggenda vivente nel mondo dei rally raid. Il francese ha vinto la Dakar 14 volte, sei delle quali in moto e otto in auto.

"La Dakar è una delle ultime, vere, avventure off road – ammette il francese - e mai come ora si trova in procinto di cambiare radicalmente. Il futuro è elettrico. Tra dieci anni, tutti schiereranno al via auto full electric. La Dakar è un banco di prova estremo per ogni tecnologia. E noi vogliamo essere la prima squadra a vincere il rally raid più duro al mondo adottando la propulsione elettrica. Non vedo l'ora di affrontare la sfida con Audi”.

“La Dakar 2022 prevede un percorso in ampia parte differente rispetto alla scorsa edizione – prosegue l’asso transalpino - . Nel 2021 il terreno era prevalentemente roccioso, mentre ci attendono le dune nell’Empty Quarter, il più grande deserto di sabbia del mondo. Mi ricorda i tempi della Dakar in Africa. La velocità pura non sarà determinante. Sarà piuttosto cruciale evitare le ‘trappole’ tra le dune. Il primo obiettivo è arrivare al traguardo; sarei felice di chiudere nei primi cinque. Ma guiderò, come mio solito, per vincere”.

Carlos Sainz, Audi Sport

Carlos Sainz, Audi Sport

Photo by: Audi Sport

Carlos Sainz (59 anni), navigato da Lucas Cruz e soprannominato “El Matador”, è anch’esso una leggenda vivente del Motorsport. Lo spagnolo, due volte campione del mondo rally (1990 e 1992), ha già conquistato tre vittorie assolute alla Dakar: nel 2010, 2018 e nel 2020, prima edizione in Arabia Saudita.
“A 59 anni, ho ancora fame di successi, altrimenti non avrei accettato questa nuova sfida. Sin da bambino, il mio sogno era diventare un pilota di rally. Da allora, la mia passione è restata immutata”.

Mattias Ekström

Mattias Ekström

Photo by: Audi Communications Motorsport

Mattias Ekström (42 anni), navigato da Emil Bergkvist, ha vinto due volte il DTM con Audi nel 2004 e 2007, prima di dimostrare la sua versatilità conquistando il Campionato del Mondo Rallycross nel 2016 e molteplici prove speciali del Campionato del Mondo Rally, partecipando inoltre ad alcune competizioni NASCAR e alla Supercars australiana. Nel 2021 ha fatto il proprio debutto alla Dakar e gareggia per CUPRA in Extreme E.

condivisioni
commenti
Dakar 2022 | Pesci si ritira, auto a fuoco nello Shakedown
Articolo precedente

Dakar 2022 | Pesci si ritira, auto a fuoco nello Shakedown

Prossimo Articolo

Dakar 2022 | Roma: "Ogni volta è diversa, non come F1 e MotoGP"

Dakar 2022 | Roma: "Ogni volta è diversa, non come F1 e MotoGP"
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021