Davies: "In gara 2 ho scelto di non prendere rischi"

Essendo davanti a Sykes, il ducatista si è accontentato del secondo posto. Ora ha 16 punti su Tom

Davies: "In gara 2 ho scelto di non prendere rischi"
Podio gara 1: il secondo Chaz Davies, Ducati Team, il vincitore Jonathan Rea, Kawasaki, e il terzo T
Chaz Davies, Ducati Team, et Leon Haslam, Aprilia Racing Team
Chaz Davies, Ducati Team, et Michael Van der Mark, Pata Honda
Chaz Davies, Ducati Team
Luca Scassa, Ducati Team
Chaz Davies, Ducati Team
Luca Scassa, Ducati Team
Luca Scassa, Ducati Team
Luca Scassa, Ducati Team

Il penultimo round del campionato Mondiale Superbike 2015 si è concluso oggi sul circuito francese di Magny-Cours con risultati alterni per l’Aruba.it Racing – Ducati Superbike Team. Chaz Davies ha continuato il trend positivo degli ultimi round portando la sua Panigale R a conquistare la seconda posizione in gara 2, dopo aver chiuso la prima manche, resa complicata dalle condizioni bagnate, in sesta posizione. Luca Scassa ha tagliato il traguardo al 13esimo e nono posto.

Gara 1 – la prima gara è stata ritardata di 15 minuti a causa della presenza di olio in pista, su di un tracciato già bagnato per la pioggia caduta nella notte. La gara è quindi stata dichiarata ‘wet’ ed accorciata a 19 giri. Dalla quarta posizione in griglia, Davies si è posizionato subito secondo alle spalle di Rea ma nei giri successivi ha dovuto battagliare con vari avversari, Sykes, Haslam e Guintoli inclusi. Lottando con problemi di grip posteriore, che hanno condizionato la sua manche, il gallese ha perso terreno nell’arco dei 19 giri, chiudendo la gara in sesta posizione finale. Scassa, che è partito sesto, era decimo nei primi giri. Luca ha lottato prima con Baiocco e poi con Lowes, trovandosi 12simo a metà gara. Ormai distante dai piloti subito davanti di lui, e soffrendo a sua volta per problemi di grip, il pilota italiano ha tagliato il traguardo in 13sima posizione.

Gara 2 – Condizioni asciutte invece per la seconda gara, disputata sulla distanza di 21 giri. Grazie ad una bella partenza, Davies era subito secondo e lottava con le due Kawasaki e con Haslam nei primi giri. Dopo il terzo giro il portacolori Aruba Ducati ha preso il comando, posizione che ha mantenuto per sei giri. In seconda posizione da metà gara in poi, Chaz ha gestito bene la fase finale, tenendo un buon ritmo per assicurarsi la seconda posizione finale ed altri 20 punti, importanti per la sua classifica. Si tratta del primo podio di Davies sul circuito di Magny-Cours. Scassa, anche se non è partito molto velocemente, è stato in grado di trovare un buon ritmo che gli ha permesso di superare Badovini nei primi giri, posizionandosi ottavo. Nonostante il buon passo che è riuscito a mantenere per tutta la durata della gara, purtroppo Luca non ha potuto colmare il gap fra lui ed i piloti che lo precedevano, passando sotto la bandiera a scacchi in nona posizione finale.

Dopo questo penultimo round del campionato 2015, Chaz Davies consolida la sua seconda posizione nella classifica generale con 383 punti, mentre Luca Scassa si posiziona ventiseiesimo con 10 punti. Ducati è ancora seconda nella classifica dei costruttori (438 punti).

Chaz Davies: "In gara 2 avevo un passo abbastanza veloce ma, considerando anche la mia posizione in classifica, ho scelto di non prendere troppi rischi, cercando di raggiungere Rea. A metà gara quando ho visto che Sykes aveva perso un po’ di terreno, ho deciso di accontentarmi della seconda posizione finale. Nella prima manche invece avevamo proprio sbagliato il set-up, non facendo in tempo a cambiare dal ‘dry’ al ‘wet’ il nostro assetto. Era come girare sul ghiaccio ed ho fatto di tutto per chiudere al sesto posto. Sono soddisfatto, sia per il fatto che quello di oggi è il mio primo podio Superbike a Magny-Cours, che per il fatto che andiamo in Qatar con un vantaggio di 16 punti su Sykes. Lui è sempre stato forte qui in Francia e quindi mi aspettavo di perdere più punti oggi; è andata bene quindi e adesso ci concentriamo sul ultimo round".

Luca Scassa: "In gara 1, già dopo i primi giri la gomma era finita e non mi permetteva di accelerare sul rettilineo. Ero indeciso se fosse meglio tornare al box per cambiarla, ma ho deciso di proseguire ed ho comunque concluso in zona punti… Nella seconda manche non sono partito benissimo ma ho potuto tenere un buon passo. Non sono riuscito a tener dietro Torres ma sono comunque contento del nono posto finale e del ritmo che sono stato in grado di mantenere, nonostante il fatto che verso la fine cominciava a farmi male il ginocchio.… Sono soddisfatto del mio ritorno alle competizioni e perché sono riuscito a fare un weekend in crescita che è proprio quello che volevo fare. Ringrazio tutta la squadra per il grande lavoro svolto per me in questo weekend".

Ernesto Marinelli – Ducati SBK Project Director: "Tutto sommato è stato un weekend abbastanza positivo. Le condizioni di gara 1 sono state particolarmente critiche, perché questo circuito richiede molto tempo per asciugarsi dopo la pioggia. Chaz è stato molto bravo a gestire la situazione di scarso grip nella prima manche e in gara 2 finalmente con la pista asciutta ha fatto una bella gara portando la Panigale di nuovo sul podio. Anche Luca è stato bravo, finire nella top ten in Superbike è tutt’altro che facile. Sia in prova ieri che in gara oggi ha dimostrato una grande tenacità".

condivisioni
commenti
Haslam: "Oggi ci meritavamo di più del quinto posto"

Articolo precedente

Haslam: "Oggi ci meritavamo di più del quinto posto"

Prossimo Articolo

Badovini: "In gara 2 avevamo ritrovato il ritmo"

Badovini: "In gara 2 avevamo ritrovato il ritmo"
Carica commenti
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021
Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti" Prime

Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti"

In questo nuovo appuntamento con Il Rosa dei Motori, Lorenza D'Adderio intervista Ana Carrasco. La campionessa del Mondiale SSP300 del 2018 si racconta, evidenziando quanto l'ottimismo e l'entusiasmo siano ingredienti fondamentali per chi, come lei, ha dovuto recuperare le forze dopo un tremendo infortunio. Una motociclista temeraria e di talento, che non è indifferente a un altro grande campione come Jonathan Rea...

WSBK
22 lug 2021
BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita? Prime

BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita?

Tom Sykes e Michael van der Mark difficilmente dimenticheranno il round di Donington, grazie ai podi conquistati e alla solidità mostrata durante tutto il weekend. BMW convince e non vuole che questi risultati siano una tantum. L’obiettivo in Olanda è dimostrare di essere cresciuti davvero e di poter dire la propria, dando prova del fatto che Donington è stato solo il punto di partenza di una rinascita.

WSBK
9 lug 2021
Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale? Prime

Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale?

Scott Redding mette in archivio il round di Donington, il peggiore della sua stagione fino ad ora. Due zeri e neanche un podio sono il bilancio di un weekend che potrebbe segnare la fine della lotta iridata. "Difficile ma non impossibile", dice Redding. Ma da Assen serve la svolta.

WSBK
6 lug 2021
Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita" Prime

Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Lorenza D'Adderio intervista Mara Soto, meccanico Kawasaki nel team impegnato nel mondiale Superbike. Un viaggio attraverso i ricordi, gli obiettivi di una giovane ragazza che realizza il sogno di lavorare al fianco di un grande campione come Jonathan Rea.

WSBK
1 lug 2021
SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea? Prime

SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea?

Scott Redding doveva essere l’uomo incaricato di fermare il dominio di Jonathan Rea, eppure lascia Misano con l’amaro in bocca e con un distacco in classifica importante, considerando la solidità di Rea e Razgatlioglu, i due che lo precedono. Il turco convince e si avvicina il leader del mondiale. È dunque il pilota Yamaha il vero anti-Rea?

WSBK
15 giu 2021
WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation Prime

WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation

Prima puntata podcast di Debriefing WSBK, in cui Lorenza D'Adderio e Giacomo Rauli commentano il round di Misano Adriatico della classe regina delle moto derivate di serie. Buon ascolto!

WSBK
13 giu 2021
SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto? Prime

SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto?

Jonathan Rea conquista due gare su tre nel weekend dell’Estoril e allunga in classifica, approfittando di un passo falso di Scott Redding, scivolato in Gara 2 e ora inseguitore con un distacco già piuttosto importante.

WSBK
2 giu 2021