WSBK
06 set
-
08 set
Evento concluso
27 set
-
29 set
Evento concluso
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
SSP300 FP1 in
23 Ore
:
48 Minuti
:
06 Secondi

Melandri vola a Jerez e si regala la sua prima superpole da ducatista

condivisioni
commenti
Melandri vola a Jerez e si regala la sua prima superpole da ducatista
Di:
21 ott 2017, 09:42

Per il ravennate si tratta della seconda pole in carriera in SBK, arrivata con un margine di appena 21 millesimi sulla Kawasaki di Rea. La Yamaha di Lowes completa la prima fila, mentre Sykes è in seconda e Davies solo in terza.

La bella prestazione di Marco Melandri nelle libere accorciate di questa mattina non è stata un fuoco di paglia, perché a Jerez de la Frontera il ravennate si è regalato la prima Superpole della sua avventura ducatista, che è anche la seconda della sua intera carriera nel Mondiale Superbike.

Il portacolori della Casa di Borgo Panigale se l'è giocata sul filo dei millesimi con la Kawasaki del tre volte campione Jonathan Rea, che però non ha potuto nulla contro il suo clamoroso 1'38"960, arrendendosi per appena 21 millesimi. Per Melandri questo è un segnale positivo in ottica 2018, perché significa anche che il feeling con la Panigale R ora è arrivato davvero ad un livello altissimo.

Dopo il bel podio di Magny-Cours, Alex Lowes ha continuato a mostrare i progressi della Yamaha, riuscendo a portare la sua R1 a completare la prima fila, anche se con un distacco di quasi tre decimi dal crono di Melandri.

L'altra Kawasaki di Tom Sykes ha mancato la prima fila per appena una manciata di millesimi, mentre dal quinto in giù i distacchi si fanno più significativi. Basta pensare che la Yamaha di Michael van der Mark paga sei decimi sulla pole e che sono addirittura otto quelli dell'Aprilia di Lorenzo Savadori, che chiude la seconda fila.

L'italiano ha beffato proprio a tempo scaduto la RSV4 RF gemella di Eugene Laverty per appena 63 millesimi, ma a deludere è stato soprattutto Chaz Davies che con l'altra Ducati ufficiale non è riuscito a fare meglio dell'ottavo posto, beccandosi quasi nove decimi dalla Panigale R gemella.

La top 10 poi si completa con la MV Agusta di Leon Camier e con un Roman Ramos che continua a brillare sulla pista di casa con la Kawasaki del Team Go Eleven. 11esimo poi Sylvain Guintoli, che al ritorno nel Mondiale Superbike è riuscito almeno a centrare la Superpole 2 con la Kawasaki del Puccetti Racing, precedendo la Ducati di Xavi Fores.

Il primo degli esclusi in Superpole 1 è stato Leandro Mercado con l'Aprilia della Iodaracing, mentre dietro di lui è curioso che Raffaele De Rosa sia riuscito ad avere la meglio su Jordi Torres nella sfida tra BMW interna al Team Althea.

Peccato per Alessandro Andreozzi, che all'ultimo giro ha commesso un errore proprio all'ultima curva quando aveva degli intermedi che avrebbero potuto clamorosamente inserire la sua Yamaha del Guandalini Racing in Superpole 2. Alla fine però si dovrà accontentare di scattare 16esimo, davanti alla Honda di Davide Giugliano.

Il quadro dei piloti italiani si completa poi con il 19esimo tempo di Riccardo Russo ed il 20esimo di Ayrton Badovini.

Classifica Superpole 2

Cla#PilotaMotoGiriTempoGapDistaccokm/h
1 33 italy Marco Melandri Ducati 7 1'38.960     160.901
2 1 united_kingdom Jonathan Rea Kawasaki 6 1'38.981 0.021 0.021 160.867
3 22 united_kingdom Alex Lowes Yamaha 7 1'39.242 0.282 0.261 160.444
4 66 united_kingdom Tom Sykes Kawasaki 6 1'39.318 0.358 0.076 160.321
5 60 netherlands Michael van der Mark Yamaha 7 1'39.561 0.601 0.243 159.930
6 32 italy Lorenzo Savadori Aprilia 6 1'39.776 0.816 0.215 159.585
7 50 united_kingdom Eugene Laverty Aprilia 6 1'39.839 0.879 0.063 159.484
8 7 united_kingdom Chaz Davies Ducati 7 1'39.840 0.880 0.001 159.483
9 2 united_kingdom Leon Camier MV Agusta 8 1'39.957 0.997 0.117 159.296
10 40 spain Roman Ramos Kawasaki 7 1'40.388 1.428 0.431 158.612
11 05 france Sylvain Guintoli Kawasaki 6 1'40.413 1.453 0.025 158.573
12 12 spain Javier Fores Ducati 7 1'40.535 1.575 0.122 158.380

Classifica Superpole 1

Cla#PilotaMotoGiriTempoGapDistaccokm/h
1 2 united_kingdom Leon Camier MV Agusta 8 1'40.062     159.129
2 12 spain Javier Fores Ducati 7 1'40.425 0.363 0.363 158.554
3 36 argentina Leandro Mercado Aprilia 7 1'40.842 0.780 0.417 157.898
4 35 italy Raffaele De Rosa BMW 7 1'40.916 0.854 0.074 157.782
5 81 spain Jordi Torres BMW 8 1'40.992 0.930 0.076 157.663
6 121 italy Alessandro Andreozzi Yamaha 7 1'41.024 0.962 0.032 157.614
7 34 italy Davide Giugliano Honda 7 1'41.326 1.264 0.302 157.144
8 37 czech_republic Ondřej Ježek Kawasaki 7 1'41.890 1.828 0.564 156.274
9 84 italy Riccardo Russo Yamaha 6 1'42.377 2.315 0.487 155.531
10 86 italy Ayrton Badovini Kawasaki 7 1'42.516 2.454 0.139 155.320
11 72 japan Takumi Takahashi Honda 9 1'42.804 2.742 0.288 154.885
12 99 switzerland Dominic Schmitter Suzuki 6 1'45.942 5.880 3.138 150.297

 

Prossimo Articolo
Jerez, Libere 3: dopo la nebbia splendono Melandri e la Ducati

Articolo precedente

Jerez, Libere 3: dopo la nebbia splendono Melandri e la Ducati

Prossimo Articolo

Badovini resta a terra: bandiera rossa in gara 1 della SBK a Jerez

Badovini resta a terra: bandiera rossa in gara 1 della SBK a Jerez
Carica commenti