WSBK
21 giu
-
23 giu
Evento concluso
05 lug
-
07 lug
Evento concluso
12 lug
-
14 lug
Evento concluso
G
Algarve
06 set
-
08 set
Prossimo evento tra
17 giorni
G
Magny-Cours
27 set
-
28 set
Prossimo evento tra
38 giorni
G
Villicum
11 ott
-
13 ott
Prossimo evento tra
52 giorni
G
Losail
24 ott
-
26 ott
Prossimo evento tra
65 giorni

Kawasaki, Jonathan Rea: “Il vero rischio era deconcentrarsi"

condivisioni
commenti
Kawasaki, Jonathan Rea: “Il vero rischio era deconcentrarsi"
Di:
16 set 2017, 19:22

Il due volte campione del mondo ha tenuto sempre alto il ritmo per non commettere errori. Le gomme diverse hanno funzionato ma Rea è stato attento a non sollecitarle troppo.

Podio: Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Podio: Chaz Davies, Ducati Team, Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing

La vittoria in gara 1 a Portimao è stata soltanto l’apice (fino ad ora) di una stagione al limite della perfezione per Jonathan Rea. Basta scorrere la classifica di campionato per rendersene conto: in nove round e mezzo, diciannove gare, il due volte campione del mondo ha totalizzato 406 punti, frutto di 10 vittorie, 7 secondi posti e 1 terzo posto e un solo zero, quando gli è scoppiata la gomma posteriore a Donington mentre stava avviandosi verso l’ennesimo successo. In pratica non è mai sceso dal podio per tutta la stagione. Impressionante, tanto quanto lo è stato oggi a Portimao, dove ha impartito a tutti una severa lezione.

“Centrare questa decima vittoria è motivo di grande soddisfazione perché ho già migliorato lo score dello scorso anno – è il commento del prossimo tre volte campione del mondo -. Così come sono soddisfatto del mio primo giro in gara, non riuscivo a credere di essere stato subito così veloce. E’ incredibile come sembra di guidare la moto sui binari quando abbiamo grip totale ma quando cala tocca a me compensare con il mio stile di guida, cambiando modo di frenata e percorrenza di curva. Oggi sono stato attento a preservare le gomme nei venti giri perché non sapevamo il comportamento delle gomme, diverse da quelle che avevamo utilizzato nelle prove, e su questo dovremo lavorare”.

Rea ammette che il vero avversario di oggi è stato il rischio di perdere concentrazione, tanto era il
vantaggio nei confronti degli avversari.
“Sembrerà strano ma è stata una gara difficile perché c’era il rischio di deconcentrarsi, quando non hai qualcuno con cui duellare. Con un gap simile a quello di oggi è facile commettere un errore, compromettendo tutto. Sapevo il rischio ho cercato sempre di tenere il ritmo alto e alla fine è andato tutto nella direzione voluta”.

Rea chiude parlando di Davies.
“Chaz è il mio avversario principale. In alcuni round è più forte lui, in altri io. Oggi gli è andata male in Superpole perché è scivolato ed è stato costretto a partire dalla terza fila. Sapevo di dover sfruttare questo vantaggio e ho spinto subito per mettere un gap importante tra me e lui, anche perché non avevo dubbi che sarebbe risalito fino al secondo posto. Il fatto di averlo dietro mi ha aiutato a non perdere la concentrazione e solo all’ultimo giro ho chiuso il gas”.

Prossimo Articolo
Aprilia, Savadori: “Non avevamo il passo gara per fare meglio"

Articolo precedente

Aprilia, Savadori: “Non avevamo il passo gara per fare meglio"

Prossimo Articolo

Portimao, Warm-Up: Chaz Davies riaccende le speranze Ducati

Portimao, Warm-Up: Chaz Davies riaccende le speranze Ducati
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie WSBK
Evento Portimao
Sotto-evento Sabato, post-gara
Location Algarve International Circuit
Piloti Jonathan Rea
Team Kawasaki Racing
Autore Marcello Pollini
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie