Jonathan Rea completa la doppietta a Phillip Island

Chaz Davies cade attaccando il pilota della Kawasaki all'ultimo giro e ne approfittano Michael van der Mark e Davide Giugliano per andare a completare il podio. Hayden lo sfiora, Sykes si perde ancora alla distanza.

Jonathan Rea completa la doppietta a Phillip Island
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team et Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, sur la grille de départ
Davide Giugliano, Aruba.it Racing - Ducati Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Tom Sykes, Kawasaki Racing Team, Davide Giugliano, Aruba.it Raci
Michael van der Mark, Honda WSBK Team
Markus Reiterberger, Althea BMW Team e Jordi Torres, Althea BMW Team
Michael van der Mark, Honda WSBK Team, Davide Giugliano, Aruba.it - Ducati Team et Alex Lowes, Pata
Jordi Torres, Althea BMW Team
Davide Giugliano, Aruba.it Racing - Ducati Team
Il vincitore Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team nel parco chiuso
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team e Tom Sykes, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea ha subito messo le cose in chiaro a Phillip Island: non sarà affatto facile strappagli lo scettro di campione del mondo della Superbike. Il pilota della Kawasaki lascia l'Australia dopo aver conquistato una bellissima doppietta e quindi a punteggio pieno. In gara 2 ha lasciato che fossero prima il compagno di squadra Tom Sykes e poi la Honda di Michael van der Mark a prendere il comando delle operazioni, dando comunque sempre la sensazione di avere nel taschino quel qualcosa da tirare fuori per portarsi a casa il gradino più alto del podio.

E così è stato perché a cinque tornate dalla bandiera a scacchi ha rotto gli indugi e si è portato in testa, dovendo a questo punto resistere solo agli attacchi della Ducati di Chaz Davies, nuovamente autore di una grande rimonta in sella alla sua bicilindrica. Questa volta però il portacolori della Rossa ha chiesto un po' troppo a se stesso all'ultimo giro, giocandosi il tutto per tutto alla staccata della curva 4 e finendo ruote all'aria con la sua 1199 Panigale. Con Chaz fuori dai giochi, è stato fin troppo semplice quindi per Johnny portare la sua ZX-10R sul traguardo davanti a tutti.

Alle sue spalle c'è quindi la Honda CBR1000RR di un van der Mark che ha iniziato la stagione davvero in palla, chiudendo sul podio entrambe le gare australiane e comandando anche per tanti giri nel corso della frazione domenicale. L'olandese, dunque, si candida ad un ruolo da protagonista dopo la stagione difficile del 2015. Della caduta di Davies, alla fine piazzatosi decimo dopo essere rimontato in sella, ne ha potuto approfittare anche l'altro ducatista Davide Giugliano, ottenendo il primo podio del 2016. Un risultato arrivato sorpassando l'altra Honda di Nicky Hayden proprio all'ultima curva e che pareva quasi insperato quando a pochi passaggi dalla conclusione era rimasto attardato a causa di un contatto con Tom Sykes alla curva.

Per un Giugliano che esulta, c'è un "Kentucky Kid" che quindi si è visto sfuggire il primo podio tra le derivate di serie per un soffio, precedendo la Yamaha di Sylvain Guintoli, che sembra aver fatto un altro piccolo passettino in avanti rispetto alla gara di ieri ed ha chiuso pagando appena 2"4 nei confronti del vincitore. Sembrava un copione già scritto invece quello legato a Sykes: l'ex campione del mondo ha comandato il gruppo per quasi metà gara, poi ha commesso un errorino scivolando in coda al gruppetto di testa. Da quel momento ha perso il ritmo, forse perché aveva chiesto troppo alle sue gomme, e alla fine si è dovuto accontentare della sesta piazza.

Dietro di lui, ma molto più staccato, Jordi Torres guida un terzetto di BMW S1000RR, precedendo il compagno di squadra Michael Reiterberger ed il padrone di casa Joshua Brookes, con il già citato Davies a completare la top ten. Per trovare la prima delle Aprilia bisogna invece scorrere la classifica fino alla 13esima piazza occupata da un Alex De Angelis non ancora al 100%.

E' andata anche peggio al suo compagno Lorenzo Savadori, che dopo appena un paio di giri è stato costretto a fermarsi a causa di una spalla dolorante: per lui si parla del sospetto di una lussazione. Problemi anche per Alex Lowes, che già dal primo giro ha iniziato a girare a rilento con la sua Yamaha R1, mentre Leon Camier ha ritirato la sua MV Agusta per una presunta gomma fallata. Infine, non si è neanche schierato Xavi Fores, dichiarato unfit per la frattura alla mano rimediata venerdì.

condivisioni
commenti
Ottimo debutto per la nuova gomma posteriore Pirelli a Phillip Island

Articolo precedente

Ottimo debutto per la nuova gomma posteriore Pirelli a Phillip Island

Prossimo Articolo

Rea: "Sapevo come chiudere la porta a Davies"

Rea: "Sapevo come chiudere la porta a Davies"
Carica commenti
Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti" Prime

Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti"

In questo nuovo appuntamento con Il Rosa dei Motori, Lorenza D'Adderio intervista Ana Carrasco. La campionessa del Mondiale SSP300 del 2018 si racconta, evidenziando quanto l'ottimismo e l'entusiasmo siano ingredienti fondamentali per chi, come lei, ha dovuto recuperare le forze dopo un tremendo infortunio. Una motociclista temeraria e di talento, che non è indifferente a un altro grande campione come Jonathan Rea...

WSBK
22 lug 2021
BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita? Prime

BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita?

Tom Sykes e Michael van der Mark difficilmente dimenticheranno il round di Donington, grazie ai podi conquistati e alla solidità mostrata durante tutto il weekend. BMW convince e non vuole che questi risultati siano una tantum. L’obiettivo in Olanda è dimostrare di essere cresciuti davvero e di poter dire la propria, dando prova del fatto che Donington è stato solo il punto di partenza di una rinascita.

WSBK
9 lug 2021
Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale? Prime

Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale?

Scott Redding mette in archivio il round di Donington, il peggiore della sua stagione fino ad ora. Due zeri e neanche un podio sono il bilancio di un weekend che potrebbe segnare la fine della lotta iridata. "Difficile ma non impossibile", dice Redding. Ma da Assen serve la svolta.

WSBK
6 lug 2021
Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita" Prime

Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Lorenza D'Adderio intervista Mara Soto, meccanico Kawasaki nel team impegnato nel mondiale Superbike. Un viaggio attraverso i ricordi, gli obiettivi di una giovane ragazza che realizza il sogno di lavorare al fianco di un grande campione come Jonathan Rea.

WSBK
1 lug 2021
SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea? Prime

SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea?

Scott Redding doveva essere l’uomo incaricato di fermare il dominio di Jonathan Rea, eppure lascia Misano con l’amaro in bocca e con un distacco in classifica importante, considerando la solidità di Rea e Razgatlioglu, i due che lo precedono. Il turco convince e si avvicina il leader del mondiale. È dunque il pilota Yamaha il vero anti-Rea?

WSBK
15 giu 2021
WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation Prime

WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation

Prima puntata podcast di Debriefing WSBK, in cui Lorenza D'Adderio e Giacomo Rauli commentano il round di Misano Adriatico della classe regina delle moto derivate di serie. Buon ascolto!

WSBK
13 giu 2021
SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto? Prime

SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto?

Jonathan Rea conquista due gare su tre nel weekend dell’Estoril e allunga in classifica, approfittando di un passo falso di Scott Redding, scivolato in Gara 2 e ora inseguitore con un distacco già piuttosto importante.

WSBK
2 giu 2021
Kawasaki limitata dai giri motori ma trionfa: tutti zitti e buoni Prime

Kawasaki limitata dai giri motori ma trionfa: tutti zitti e buoni

Jonathan Rea ha dominato due delle tre gare disputate ad Aragon, round di apertura della stagione SBK. Il pilota Kawasaki è stato più forte dei limiti imposti dal regolamento e gli avversari devono già correre ai ripari.

WSBK
26 mag 2021