Rustavi, Libere 2: Tassi regola Vernay e Ficza

Gli ungheresi continuano a dominare le prove in Georgia: stavolta al comando c'è quello della M1RA, seguito dal francese della Leopard Racing. Kajaia quarto con l'Alfa, Colciago in Top5, Altoè nono. Indietro Morbidelli e Comini, ok Homola.

Rustavi, Libere 2: Tassi regola Vernay e Ficza
James Nash, Lukoil Craft-Bamboo Racing, SEAT León TCR
Dusan Borkovic , GE-Force, Alfa Romeo Giulietta TCR
Pierre-Yves Corthals, DG Sport Compétition, Opel Astra TCR
Stefano Comini, Comtoyou Racing, Audi RS3 LMS
Dusan Borkovic , GE-Force, Alfa Romeo Giulietta TCR
Ferenc Ficza, Zele Racing, SEAT León TCR
Jean-Karl Vernay, Leopard Racing Team WRT, Volkswagen Golf GTi TCR
Duncan Ende, Icarus Motorsports, SEAT León TCR
Pepe Oriola, Lukoil Craft-Bamboo Racing, SEAT León TCR
Mato Homola, DG Sport Compétition, Opel Astra TCR
Giacomo Altoè, West Coast Racing, Volkswagen Golf GTi TCR
Ferenc Ficza, Zele Racing, SEAT León TCR

Anche la seconda sessione di prove libere della TCR International Series andata in scena in Georgia ha visto svettare un ungherese.

Questa volta è stato Attila Tassi a chiudere al comando con la Honda Civic TCR della M1RA, il quale ha firmato il miglior tempo in 1:41.516 battendo la Volkswagen Golf GTi di Jean-Karl Vernay (Leopard Racing) per soli 0"016.

Al terzo posto si è classificato Ferenc Ficza (1:42.097), che con la SEAT León TCR della Zele Racing era stato il più rapido delle FP1.

A metà sessione, in testa a tutti è salito Davit Kajaia (1:43.155 e 1:42.154) al volante della Alfa Romeo Giulietta TCR preparata dal team GE-Force, ma pochi minuti più tardi è stato Ficza a segnare il giro più veloce in 1:42.138. Successivamente anche Tassi ha abbassato il limite ad 1:41.516, che poi nessuno è riuscito a battere.

Solo Vernay è stato in grado di avvicinarsi, con Ficza e Kajaia a chiudere alle spalle del francese, seguiti dalla Honda Civic di Roberto Colciago (M1RA), dalla SEAT di Pepe Oriola (Lukoil Craft-Bamboo), dalla Opel Astra TCR di Mat’o Homola (DG Sport Compétition) e dalla SEAT di Hugo Valente (Lukoil Craft-Bamboo).

A completare la Top10 ci hanno pensato la Volkswagen Golf di Giacomo Altoè (WestCoast Racing) James Nash con la terza SEAT della Lukoil Craft-Bamboo.

Undicesimo Gianni Morbidelli (WestCoast Racing), il quale ha messo la sua Golf davanti alla Opel di Pierre-Yves Corthals (DG Sport Compétition) e a Stefano Comini (Comtoyou Racing), ancora alle prese con la ricerca del miglior set-up e feeling sulla sua Audi RS 3 LMS.

In fondo alla classifica le altre due Alfa Romeo Giulietta della GE-Force: Dušan Borković sta lottando un po' troppo con la sua nuova auto, mentre il debuttante Shota Abkhazava ha dovuto sostituire il motore e non ha preso parte alla sessione.

Attila Tassi: "Sono contentissimo considerando che sto correndo con un nuovo team e una vettura nuova. Da inizio weekend stiamo lavorando bene e crescendo, abbiamo preso la giusta direzione".

James Nash: "Onestamente sto soffrendo un po' troppo, non siamo dove vorremmo trovarci e non capiamo il perché. Dobbiamo continuare a lavorare, ma credo che avrò qualifiche complicate".

Gianni Morbidelli: "Sta andando tutto bene, proseguiamo il lavoro sul set-up e la conoscenza dell'auto. Essendo tutto nuovo, si tratta di scoprire tante cose, ma le sensazioni sono buone".

Dušan Borković: "Di fatto era la prima volta che guidavo la mia nuova Alfa e non sono riuscito a farlo bene. Per me è difficile adattarmi ad una nuova macchina, sono un po' preoccupato perché non avevo mai sofferto così tanto in passato come oggi".

TCR INTERNATIONAL SERIES - Rustavi: FP2

condivisioni
commenti
Rustavi, Libere 1: Ficza vola inseguito da Kajaia

Articolo precedente

Rustavi, Libere 1: Ficza vola inseguito da Kajaia

Prossimo Articolo

Kajaia regala all'Alfa Romeo la pole position di Rustavi

Kajaia regala all'Alfa Romeo la pole position di Rustavi
Carica commenti