Yamaha ha fatto esordire una nuova carena della M1 nei test di Valencia

condivisioni
commenti
Yamaha ha fatto esordire una nuova carena della M1 nei test di Valencia
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
14 nov 2017, 16:44

Maverick Vinales prima e Valentino Rossi poi hanno portato in pista una nuova carena della M1 priva di livrea e sponsor, provandola però per pochi giri.

Oltre a fare prove comparative tra 3 moto differenti portate a Valencia per i primi test collettivi in vista del 2018 andati in scena oggi, pochi minuti prima delle 13:00 Yamaha ha fatto esordire una nuova versione della carena della M1.

A portarla in pista per primo è stato Maverick Vinales. La nuova soluzione è stata immediatamente riconoscibile nonostante la carena e il cupolino della M1 numero 25 non fosse colorata con la solita livrea, ma nera, dunque spoglia di colore e sponsor.

La carena che ha sperimentato Vinales è molto differente da quella usata dalla Yamaha nel corso della stagione e, come concetto, anche da quelle proposte da Ducati e Aprilia (che, per la verità, sono abbastanza simili tra loro).

I due punti d'attacco sono la parte più bassa del cupolino, all'altezza della bocca a forma di "M", e la parte alta delle pance della M1. L'aspetto che differenzia maggiormente la nuova soluzione provata da Vinales è che, rispetto alle carene di Ducati e Aprilia, quella montata sulla M1 è molto più schiacciata, quasi orizzontale.

Dopo l'incidente in cui ha distrutto la M1 dotata di telaio 2017 e motore 2018, Valentino Rossi è entrato in pista alle 13:21 con la nuova carena. Anche in questo caso la nuova soluzione aerodinamica è apparsa spoglia di livrea e sponsor, dunque è stato facile individuarla. Il "Dottore" ha fatto solo pochi giri con la nuova carena, per poi tornare alla comparazione tra la moto 2017 e quella ibrida composta da motore 2017 e telaio 2016.

Prossimo articolo MotoGP

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento Valencia, test di Novembre
Sotto-evento Martedì
Location Valencia
Piloti Maverick Viñales
Team Yamaha Factory Racing
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Ultime notizie