Rossi: "Morbidelli è allo stesso livello di Quartararo e Mir"

Al termine di una giornata difficile da decifrare per il vento ed il poco grip, il "Dottore" ha speso parole per l'amico e futuro compagno di box in Petronas.

Rossi: "Morbidelli è allo stesso livello di Quartararo e Mir"

Valentino Rossi non guarda troppo alla classifica alla conclusione della prima giornata di prove del Gran Premio di Catalogna. Le condizioni, tra il grip dell'asfalto quasi nullo ed un vento fastidiosissimo, hanno reso molto difficile farsi un'idea di quelli che potranno essere i valori in campo domenica a Barcellona.

Per questo il "Dottore" preferisce badare a se stesso e il feeling che ha trovato con la sua Yamaha non è malvagio, inoltre gli ha permesso per ora di guadagnarsi un posto nella Q2 provvisoria.

"Sono solo decimo nella cumulativa, ma il feeling è migliore. Il mio passo è abbastanza buono, anche se sicuramente abbiamo bisogno di lavorare su diversi aspetti, perché c'è molto slide al posteriore, ma mi sento molto bene sulla moto" ha detto Valentino a fine giornata.

Come detto, il grip offerto dall'asfalto è veramente basso e a questo si aggiunge che l'allocazione delle gomme è la stessa che era stata pensata per giugno, quindi per temperature più elevate.

"E' uno shock entrare in pista qui dopo Misano, perché sembra uno scherzo. Dietro c'è veramente pochissimo grip, scivola tantissimo ed è dura per tutti. Le gomme erano state scelte per venire qui a giugno, invece è la fine di settembre".

"Quelli della Michelin dicono che secondo loro avrebbe dovuto essere come a giugno, ma a me non sembra, perché è un po' più freddo. Ma credo che la Michelin non avesse il tempo di cambiare le gomme, quindi bisognerà arrangiarsi con quelle che abbiamo, anche se siamo tutti in difficoltà".

Come se non bastasse, oggi ci si è messo anche un vento fastidiosissimo soprattutto sul rettilineo di partenza. Dunque, bisognerà attendere domani per avere un quadro un po' più chiaro di quelli che potranno essere i valori in campo.

Leggi anche:

"Oggi c'erano delle condizioni veramente difficili, perché c'era il vento a raffiche che ti soffiava in faccia non proprio dritto, ma un po' laterale in uscita dall'ultima curva. Sul rettilineo faceva anche paura, perché la moto si muoveva molto anche ad altissima velocità. Però sembra che domani il vento debba calare e che ci sarà una condizione normale".

"Quindi è difficile dire se chi è davanti oggi lo sarà anche domenica, perché cambieranno un sacco di cose: l'evoluzione della pista, ma anche come lavoreranno sul setting della moto le varie squadre ed i vari piloti. Poi penso che la pista domani avrà più grip, quindi si andrà più forte".

Dopo il raggiungemento dell'accordo, per questo fine settimana è attesa la firma sul contatto che lo legherà al Team Petronas il prossimo anno. La scelta di continuare anche nel 2021 è arrivata quasi a scatola chiusa, quindi al pesarese è stato chiesto se i risultati che sta raccogliendo ora sono in linea con quelli che si aspettava quest'anno per decidere di non fermarsi.

"Sì, l'anno scorso ero molto frustrato. Dopo alcune gare positive ed un paio di podi avevamo perso la strada e facevo davvero tanta fatica. Il Mugello era stato un incubo. A Barcellona c'era stato l'incidente con Lorenzo, poi Assen ed il Sachsenring erano state un disastro. A parte il risultato, non riuscivo a guidare la moto come avrei voluto".

"Ho cambiato alcune cose nel team e mi ero detto che se avessi continuato ad avere il feeling del 2019 mi sarei fermato, ma la situazione ora è molto migliore. E' difficile, perché il livello è molto alto, ma stiamo lavorando bene e possiamo essere competitivi. Con questi risultati, è giusto continuare un altro anno".

E un esempio del livello molto alto è il suo futuro compagno Franco Morbidelli, che anche oggi è stato il più veloce. Rossi ha speso parole di elogio per Frankie, che è anche uno dei membri della sua Academy.

"Franco quest'anno sta andando molto forte, l'anno scorso per lui era il primo anno con la Yamaha, quindi ha avuto bisogno di un po' di tempo. Ha reagito molto bene ad avere un compagno di squadra come Quartararo: lui doveva essere l'uomo di punta, invece è arrivato Fabio, che ha fatto delle cose veramente da fenomeno".

"Però Franco ha lavorato, si è dato da fare e quest'anno si sta allenando veramente da paura. Se non avesse avuto tutti questi problemi, sarebbe lì davanti con tutti quelli che sono ad 80 punti".

"Io lo metto assolutamente allo stesso livello di Quartararo, Vinales e Mir, che sono i giovani che sono più in forma. L'anno prossimo quindi sarà tosta, non sarà un compagno di squadra facile".

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
1/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
2/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
3/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
4/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
5/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
6/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
7/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
8/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
9/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
10/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
11/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
12/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
13/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
14/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
15/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
16/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Dovizioso: “Giornata non normale, i dati sono poco indicativi”
Articolo precedente

Dovizioso: “Giornata non normale, i dati sono poco indicativi”

Prossimo Articolo

Mir: “Sarà difficile battere le Yamaha, ma non impossibile"

Mir: “Sarà difficile battere le Yamaha, ma non impossibile"
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021