Rins, caduta evitata in extremis: "E' stato super spaventoso"

Alex Rins ha raccontato cosa ha causato la chiusura d'anteriore "super spaventosa", che lo ha visto rendersi protagonista di un grande salvataggio durante il Gran Premio di Doha.

Rins, caduta evitata in extremis: "E' stato super spaventoso"

Rins ha provato subito ad inserirsi nella lotta per la vittoria, scattando bene dalla settima casella dello schieramento e portandosi in terza piazza in appena tre giri. Poi però ha dovuto fare i conti con la Ducati di Johann Zarco in un lungo duello per la seconda posizione.

Il francese è stato in grado di utilizzare la potenza brutale della Ducati per tenere a bada Rins, con il pilota della Suzuki che provava invece a sfruttare l'agilità della GSX-RR nelle sezioni più tortuose della pista di Losail.

Uno di questi punti è la curva 9, nella quale però lo spagnolo forse è andato anche oltre al limite, rischiando seriamente di concludere la sua gara con una caduta, ma riuscendo miracolosamente a rimanere in piedi ed a mantenere il terzo posto.

"E' stato super spaventoso", ha detto Rins. "Nei due o tre giri dopo sono passato ad uno o due metri da quella linea".

"E' una curva che ero in grado di fare velocemente, recuperando un po' del divario con le Ducati. E' stato un momento in cui ho spinto molto con il corpo e sono andato sulla linea bianca. E' stato davvero spaventoso da sopra alla moto".

"Non so come sia sembrata da fuori, ma sulla moto è stato spaventoso".

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Rins alla fine ha mancato il podio, ma è riuscito ad avere la meglio in un duello per la quarta posizione con la Yamaha di Maverick Vinales.

Ma data la grande velocità delle Ducati sul rettilineo, Rins ha ammesso che probabilmente il quarto posto è il massimo a cui potesse ambire.

"E' stato bello, sono stato in grado di fare una buona gara", ha aggiunto. "Ho gestito le gomme abbastanza bene. Ad un certo punto, quando ho visto che era impossibile andare davanti e scappare, ho cercato di gestire le gomme e di studiare gli altri piloti".

Leggi anche:

"Ma alla fine ho ottenuto il massimo, che era il quarto posto. Era impossibile fare di più, e dico impossibile perché è davvero difficile superare le Ducati sul rettilineo".

"Ho spinto per tutto il pre-campionato per ottenere più punti e salire sul podio. Ma facendo un bilancio delle prime gare, penso che torniamo in Europa in maniera positiva, quinti in campionato".

"Nella prima gara ho pagato un errore commesso al via, quando mi sono dimenticato di attivare il launch control. Ora vediamo se anche la Suzuki introdurrà l'abbassattore posteriore per permetterci di essere più veloci anche sul rettilineo", ha concluso.

condivisioni
commenti
Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Articolo precedente

Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Prossimo Articolo

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Doha
Piloti Alex Rins
Team Team Suzuki MotoGP
Autore Lewis Duncan
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021