Red Bull Ring, Libere 3: Marquez fa paura. Risale Lorenzo

Tempo eccezionale di Marc Marquez, che chiude davanti a Johann Zarco e a un rinato Andrea Iannone. Dovizioso non si migliora, ma fa comparazioni sulle gomme. Rossi direttamente in Q2.

Dopo la prova sorniona nelle Libere 2 di ieri pomeriggio, questa mattina ci si aspettava una risposta decisa di Marc Marquez. E questa è arrivata puntuale. Il pilota del team Honda HRC ha centrato il miglior tempo assoluto nel terzo turno di prove libere della MotoGP sul tracciato austriaco del Red Bull Ring grazie a un gran tempo ottenuto con gomme morbide.

Marquez ha fermato il cronometro in 1'23"459, infliggendo al resto della concorrenza distacchi abissali. Ma a far paura non è solo il giro secco su gomma morbida al posteriore, quanto il ritmo mostrato con la gomma dura nella simulazione gara fatta nel corso del turno.

Il primo degli inseguitori è stato, a sorpresa, Johann Zarco con la prima Yamaha M1 privata. Il francese ha però subito un gap dal campione di Cervera di 423 millesimi di secondo. Un dato che dovrà far riflettere gli avversari di Marquez, che dovranno immediatamente correre ai ripari se vorranno contrastarlo questo pomeriggio nelle Qualifiche.

Andrea Iannone batte un colpo e si fa sentire da tutti. Grande terzo tempo centrato nei minuti finali della sessione dal pilota della Suzuki, mai così competitivo nelle ultime gare come questa mattina. Prima del giro che gli ha regalato la terza posizione, Andrea ne ha fatto uno alle spalle di Zarco, con cui si era portato all'interno dei primi 10. Il suo crono, quello definitivo, lo manda direttamente in Q2. Un bel segnale per l'italiano.

Ottima prestazione per il "Diablo" Jorge Lorenzo, che questa mattina ha sfoggiato il nuovo casco presentato nelle ultime ore al Red Bull Ring. Il quarto tempo fa diventare il maiorchino il miglior pilota Ducati al termine delle tre sessioni di libere austriache, anche perché Andrea Dovizioso non ha migliorato il suo tempo ottenuto nelle libere di ieri pomeriggio. Il forlivese, si è infatti concentrato sulla valutazione della gomma da utilizzare in gara, provando una morbida usata.

Quinto tempo assoluto per Valentino Rossi. Il "Dottore" è riuscito a rientrare nelle prime 10 posizioni, facendo in modo di prendere parte direttamente alla Q2 senza doversi cimentare in Q1 per qualificarsi al turno di prove ufficiali decisivo. Valentino è apparso sempre più a suo agio in sella alla sua M1, che oggi era dotata della nuova carena dopo averla omologata poco prima della mezzanotte di ieri.

Detto del sesto posto di Dovizioso, alle spalle del forlivese troviamo la seconda Yamaha M1 ufficiale, quella di Maverick Vinales. Lo spagnolo è risultato più lento di Rossi per soli 6 centesimi con gomme morbide, mentre con le medie ha fatto vedere di avere un bel passo.

La Ducati si conferma moto a proprio agio al Red Bull Ring anche attraverso l'ottavo e il nono tempo assoluto ottenuti rispettivamente da Loris Baz e da Karel Abraham. Ha completato la Top 10 Cal Crutchlow, autore anche di una caduta nella prima parte del turno di questa mattina. Fortunatamente, il britannico del team Honda LCR non ha subito danni al proprio corpo e nemmeno la sua RC213V è apparsa danneggiata in maniera significativa.

Appena fuori dalla Top 10 il nostro Danilo Petrucci, che non è ancora riuscito a trovare un buon compromesso nell'assetto della sua Desmosedici preparata dal team Pramac. Aleix Espargaro ha dovuto fare i conti con un problema all'impianto frenante anteriore della sua Aprilia RS-GP. Il nativo di Grannollers si è dovuto accontentare di un insolito 18esimo tempo complessivo.

Cla#RiderBikeGiriTempoGapDistaccokm/hSpeed Trap
1 93 spain Marc Márquez Alenta  Honda 24 1'23.459     186.601 307
2 5 france Johann Zarco  Yamaha 27 1'23.882 0.423 0.423 185.660 309
3 29 italy Andrea Iannone  Suzuki 25 1'23.943 0.484 0.061 185.525 307
4 99 spain Jorge Lorenzo  Ducati 22 1'23.968 0.509 0.025 185.470 307
5 46 italy Valentino Rossi  Yamaha 24 1'23.995 0.536 0.027 185.411 306
6 25 spain Maverick Viñales  Yamaha 22 1'24.049 0.590 0.054 185.291 309
7 76 france Loris Baz  Ducati 22 1'24.097 0.638 0.048 185.186 304
8 17 czech_republic Karel Abraham  Ducati 23 1'24.109 0.650 0.012 185.159 311
9 35 united_kingdom Cal Crutchlow  Honda 20 1'24.182 0.723 0.073 184.999 305
10 45 united_kingdom Scott Redding  Ducati 23 1'24.190 0.731 0.008 184.981 306
11 9 italy Danilo Petrucci  Ducati 24 1'24.196 0.737 0.006 184.968 304
12 94 germany Jonas Folger  Yamaha 21 1'24.275 0.816 0.079 184.795 306
13 8 spain Hector Barbera  Ducati 20 1'24.294 0.835 0.019 184.753 311
14 26 spain Daniel Pedrosa  Honda 24 1'24.421 0.962 0.127 184.475 308
15 19 spain Alvaro Bautista  Ducati 24 1'24.427 0.968 0.006 184.462 313
16 4 italy Andrea Dovizioso  Ducati 22 1'24.454 0.995 0.027 184.403 310
17 36 finland Mika Kallio  KTM 22 1'24.630 1.171 0.176 184.019 309
18 41 spain Aleix Espargaro  Aprilia 21 1'24.642 1.183 0.012 183.993 305
19 44 spain Pol Espargaro  KTM 22 1'24.660 1.201 0.018 183.954 311
20 42 spain Alex Rins  Suzuki 24 1'24.709 1.250 0.049 183.848 305
21 43 australia Jack Miller  Honda 24 1'24.744 1.285 0.035 183.772 306
22 53 spain Tito Rabat  Honda 26 1'24.887 1.428 0.143 183.462 306
23 22 united_kingdom Sam Lowes  Aprilia 22 1'25.033 1.574 0.146 183.147 306
24 38 united_kingdom Bradley Smith  KTM 20 1'25.515 2.056 0.482 182.115 308
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP d'Austria
Circuito Red Bull Ring
Articolo di tipo Prove libere