MotoGP
02 ago
FP3 in
00 Ore
:
52 Minuti
:
03 Secondi
G
GP d'Austria
14 ago
G
GP di Stiria
21 ago
Prossimo evento tra
12 giorni
G
GP di San Marino
10 set
Prossimo evento tra
32 giorni
G
GP dell'Emilia Romagna
18 set
Prossimo evento tra
40 giorni
25 set
Prossimo evento tra
47 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
Canceled
09 ott
Prossimo evento tra
61 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
Prossimo evento tra
68 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
Prossimo evento tra
75 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
Canceled
G
GP d'Europa
06 nov
Prossimo evento tra
89 giorni
G
GP di Valencia
13 nov
Prossimo evento tra
96 giorni
20 nov
Canceled

MotoGP, ufficiale: motori e aerodinamica congelati fino al 2021

condivisioni
commenti
MotoGP, ufficiale: motori e aerodinamica congelati fino al 2021
Di:
16 apr 2020, 11:26

La Grand Prix Commission ha ufficializzato che per il 2020 non sarà consentito lo sviluppo su questi due fronti. Il 2021 inizierà con i pacchetti omologati, poi ci sarà spazio per chi ha le concessioni.

La pandemia del Coronavirus ha costretto anche i costruttori della MotoGP a trovare delle soluzioni per ridurre i costi e fronteggiare l'inevitabile crisi economica che il mondo dovrà affrontare anche quando si potrà tornare alla normalità.

Il mondo delle due ruote in un certo senso si è allineato a quello delle quattro, perché per la classe regina è stato deciso di "congelare" i prototipi di questa stagione anche nella prossima, come di fatto aveva già fatto la Formula 1 alcune settimane fa (per la F1 però c'era in ballo addirittura l'introduzione di un nuovo regolamento).

Normalmente, i costruttori devono omologare una specifica di motore prima dell'inizio della stagione ed utilizzarla fino alla fine del campionato (hanno diritto ad una specifica differente per i team satellite), ad eccezione di quelli che dispongono delle concessioni, che invece possono sviluppare il propulsore nel corso della stagione.

Leggi anche:

Discorso leggermente diverso per quanto riguarda i pacchetti aerodinamici: di questi ne sono permessi due per ogni pilota e questo vale per tutti i costruttori, senza distinzioni.

Dalla Grand Prix Commission oggi è arrivato uno stop allo sviluppo per quanto riguarda la stagione 2020: per tutti quanti, quindi senza distinzioni tra team con o senza concessioni, non sarà possibile apportare modifiche alle parti che sono state omologate nel marzo di quest'anno.

Per quanto riguarda la stagione 2021, i costruttori dovranno nuovamente iniziare il campionato con le parti omologate all'inizio di quest'anno.

Successivamente, lo sviluppo proseguirà come prevede normalmente il regolamento. Dunque, non ci saranno evoluzioni di motore per i costruttori che non godono delle concessioni e tutti quanti potranno omologare un secondo pacchetto aerodinamico.

Per quanto riguarda il primo pacchetto aerodinamico da utilizzare nella gara inaugurale della stagione, questo dovrà invece essere scelto tra i due omologati per la stagione 2020.

MotoGP: seriamente a rischio anche il Sachsenring

Articolo precedente

MotoGP: seriamente a rischio anche il Sachsenring

Prossimo Articolo

MotoGP: anche il round del Sachsenring viene rinviato

MotoGP: anche il round del Sachsenring viene rinviato
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Autore Matteo Nugnes