Mir: “Il nuovo telaio ci aiuterà già quest’anno”

Oltre a testare il motore 2022, nella seconda giornata dei test di Misano i piloti della Suzuki hanno potuto provare anche un nuovo telaio, che sarà già disponibile per il resto della stagione.

Mir: “Il nuovo telaio ci aiuterà già quest’anno”

Joan Mir è rimasto soddisfatto del lavoro svolto dalla Suzuki, che ha portato diversi aggiornamenti interessanti per la GSX-RR in occasione delle due giornate di test che si sono svolte a Misano tra martedì e mercoledì.

Oltre a un nuovo motore, che si sta testando in vista del prossimo anno, il pilota Suzuki ha potuto provare un nuovo telaio di cui ha sottolineato la capacità di permettergli di frenare un po’ meglio, aspetto di cui si era lamentato per tutta la stagione.

“Sono contento di come è andato questo test, perché vedo che ci sono cose che siamo stati in grado di migliorare. Il motore può essere un po' meglio il prossimo anno, ha più potenza, questa cosa ci aiuterà e ne abbiamo bisogno – ha affermato Mir – Oggi abbiamo lavorato con un nuovo telaio e siamo stati più veloci, soprattutto quando si trattava di fermare la moto. Bisogna mettere tutto insieme, ma sono molto soddisfatto”.

Oltre a lavorare per il 2022, il test di Misano può anche aiutare Mir a migliorare la moto per il resto dell'anno con l'obiettivo di lottare per il secondo posto: “Il telaio è una delle cose che potrebbero essere utilizzate già quest'anno, quindi sono state portate delle cose per migliorare fino alla fine della stagione”.

“La parte nuova ha alcune cose buone, ma alcune cose che non vanno così bene. Lavoreremo questo pomeriggio per capirlo e forse lavorare sulla geometria della moto, che potrebbe aver bisogno di cambiare per adattarsi al nuovo telaio”.

Suzuki sta anche lavorando per migliorare il prototipo del sistema di regolazione dell'altezza posteriore della moto, che ha debuttato in Austria e che non ha ancora soddisfatto i piloti della Casa di Hamamatsu: “Il dispositivo definitivo non è ancora arrivato. Quando arriverà con meno peso lo noteremo molto, ma abbiamo visto la direzione in cui stanno lavorando e penso che sia quella giusta".

Il grande tallone d'Achille della Suzuki è senza dubbio il giro secco del sabato in qualifica, un'area dove il nuovo motore può portare beneficio. Il campione del mondo in carica afferma: “La grande differenza nel motore il sabato è che quando mettiamo tutta la potenza, se possiamo avere un po' di margine con il nuovo motore 2022 per migliorare di due decimi, questo può permetterci di essere in seconda o addirittura in prima fila sulla griglia. Se il motore può aiutarci a guadagnare quel margine, ci aiuterà sicuramente nel Q2. D'altra parte, se c'è più potenza ci sarà anche più consumo e sui circuiti più impegnativi soffriremo un po’ di più in questo senso, ma ci aiuterà il sabato in qualifica”.

Aex Rins soddisfatto dell’abbassatore posteriore

Anche Alex Rins, era soddisfatto del lavoro svolto finora nel test dalla Suzuki allo stesso modo del compagno di squadra: “I due giorni di lavoro stanno andando molto bene, sono giorni importanti. Suzuki ha portato un sacco di piccole cose, tra cui un motore che è un candidato per essere quello del 2022 e soddisfa le aspettative che chiedevamo. Penso che faremo un passo avanti. Devo ancora testare un telaio diverso che Joan sta mettendo insieme”.

Per quanto riguarda il miglioramento di sabato in qualifica, il catalano non ha voluto fare una previsione: “Non sono in grado di rispondere alla domanda se saremo più veloci il sabato nel giro secco. Non abbiamo testato il nuovo motore con la gomma morbida al posteriore, ci siamo concentrati di più sul ritmo e sull'usura delle gomme, ma siamo contenti”.

Per quanto riguarda i miglioramenti dell'holeshot, il dispositivo di regolazione dell'altezza posteriore, Rins è apparso ottimista: “L’holeshot ora ha una piccola evoluzione che mi è piaciuta molto e a Joan è piaciuto molto ieri. Abbiamo fatto due piccole simulazioni di gara con e senza il dispositivo e ora dobbiamo analizzare i dati, ma penso che con questo dispositivo siamo dove vogliamo essere”.

condivisioni
commenti
Bagnaia: "Più sicuro dei miei mezzi dopo le vittorie"

Articolo precedente

Bagnaia: "Più sicuro dei miei mezzi dopo le vittorie"

Prossimo Articolo

Rossi: "Test futuri? Soltanto se mi mancherà la MotoGP"

Rossi: "Test futuri? Soltanto se mi mancherà la MotoGP"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021