Losail, Libere 4: tripletta italiana con Dovi davanti a Petrucci e Rossi

condivisioni
commenti
Losail, Libere 4: tripletta italiana con Dovi davanti a Petrucci e Rossi
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
17 mar 2018, 16:29

Il forlivese tiene la Ducati davanti a tutti usando una Soft al posteriore. Bene ancora Petrucci, secondo, davanti a Valentino. Vinales in ripresa con gomme Soft. Cade invece Johann Zarco.

Sornione come una tigre a caccia, Andrea Dovizioso ha fatto sfogare tutti i rivali nel corso dell'ultimo turno di prove libere del Gran Premio del Qatar per poi dare la zampata decisiva nell'ultima parte e firmare ancora una volta il miglior tempo assoluto nel corso di questo fine settimana. Il forlivese ha lavorato sodo solamente in ottica gara preparando gli ultimi giri, utilizzando una gomma anteriore media e la Soft al posteriore, trovando, a quanto pare, riscontri molto interessanti.

La Ducati continua a confermarsi molto competitiva a Losail anche grazie al secondo tempo ottenuto da Danilo Petrucci, anche lui in sella a una Ducati Desmosedici GP 2018 gestita dal team Alma Pramac Racing, staccato di 62 millesimi di secondo dal riferimento cronometrico di Dovizioso.

A completare una bella tripletta italiana ecco Valentino Rossi in sella alla prima Yamaha M1 ufficiale. Il "Dottore" ha fatto la stessa scelta di gomme di Dovizioso, dunque media all'anteriore e soffice al posteriore, fermandosi a 155 millesimi dal miglior tempo del ducatista. Valentino, nella sua simulazione, è partito con tempi interessanti per poi denotare un decadimento importante del proprio passo.

Alex Rins continua a essere il pilota Suzuki più veloce e convincente. Sia lui che Andrea Iannone - settimo alla fine del turno - hanno girato con media-soft, ma l'iberico è apparso ancora più rapido del pilota di Vasto non solo sul giro secco, ma anche sul passo gara.

Quinto tempo per Marc Marquez, ma non bisogna farsi trarre in inganno dai suoi 289 millesimi di distacco da Dovizioso. Il campione del mondo in carica della Honda ha preferito provare con una Hard all'anteriore e una media al posteriore, quest'ultima montata sul nuovo forcellone in carbonio (mentre Pedrosa, decimo, ha continuato a usare il vecchio). Il suo ritmo è stato molto interessante e domani sarà certamente tra i primi per giocarsi la vittoria con le Ducati e le Yamaha.

Abbiamo usato il plurale per parlare delle moto di Iwata perché in questo turno Maverick Vinales sembra aver trovato un buon compromesso di gomme per migliorare la sua guida e, di conseguenza, i suoi tempi. L'ex pilota della Suzuki ha deciso di girare con gomme Soft e sembra essere la strada più giusta in ottica gara, almeno per quanto riguarda la sua moto.

Jorge Lorenzo è stato costretto a rimanere ai box per un problema al freno posteriore sulla sua Ducati titolare, poi è tornato in pista facendo la stessa scelta di gomme di Dovizioso ma chiudendo ottavo a 411 millesimi dal compagno di squadra. Stesso tempo per Cal Crutchlow, mentre Daniel Pedrosa, come detto, ha completato la Top 10. Buon 15esimo tempo per Franco Morbidelli, mentre dobbiamo registrare le cadute di Takaaki Nakagami (Honda LCR) alla Curva 15, quella di Johann Zarco (Yamaha Tech 3) alla Curva 16 e quella di Pol Espargaro (KTM) alla Curva 2.

Cla#RiderBikeGiriTempoGapDistaccokm/hSpeed Trap
1 4 italy Andrea Dovizioso  Ducati 12 1'55.248     168.054 344
2 9 italy Danilo Petrucci  Ducati 13 1'55.310 0.062 0.062 167.964 341
3 46 italy Valentino Rossi  Yamaha 13 1'55.403 0.155 0.093 167.829 335
4 42 spain Alex Rins  Suzuki 11 1'55.483 0.235 0.080 167.712 332
5 93 spain Marc Márquez Alenta  Honda 12 1'55.537 0.289 0.054 167.634 338
6 25 spain Maverick Viñales  Yamaha 16 1'55.593 0.345 0.056 167.553 334
7 29 italy Andrea Iannone  Suzuki 13 1'55.644 0.396 0.051 167.479 334
8 99 spain Jorge Lorenzo  Ducati 10 1'55.659 0.411 0.015 167.457 341
9 35 united_kingdom Cal Crutchlow  Honda 13 1'55.659 0.411 0.000 167.457 341
10 26 spain Daniel Pedrosa  Honda 13 1'55.893 0.645 0.234 167.119 337
11 5 france Johann Zarco  Yamaha 8 1'56.076 0.828 0.183 166.856 332
12 43 australia Jack Miller  Ducati 7 1'56.229 0.981 0.153 166.636 334
13 12 switzerland Thomas Lüthi  Honda 12 1'56.252 1.004 0.023 166.603 330
14 45 united_kingdom Scott Redding  Aprilia 11 1'56.320 1.072 0.068 166.506 333
15 21 italy Franco Morbidelli  Honda 13 1'56.421 1.173 0.101 166.361 334
16 41 spain Aleix Espargaro  Aprilia 11 1'56.536 1.288 0.115 166.197 336
17 30 japan Takaaki Nakagami  Honda 11 1'56.557 1.309 0.021 166.167 330
18 53 spain Tito Rabat  Ducati 11 1'56.675 1.427 0.118 165.999 334
19 55 malaysia Hafizh Syahrin  Yamaha 11 1'56.712 1.464 0.037 165.946 330
20 17 czech_republic Karel Abraham  Ducati 11 1'56.820 1.572 0.108 165.793 333
21 38 united_kingdom Bradley Smith  KTM 10 1'56.942 1.694 0.122 165.620 334
22 10 belgium Xavier Simeon  Ducati 12 1'57.343 2.095 0.401 165.054 334
23 44 spain Pol Espargaro  KTM 5 1'57.353 2.105 0.010 165.040 337
24 19 spain Alvaro Bautista  Ducati 11 1'57.568 2.320 0.215 164.738 335
Prossimo articolo MotoGP
Zarco fa il record della pista e si prende la pole a Losail. Petrucci 3°

Previous article

Zarco fa il record della pista e si prende la pole a Losail. Petrucci 3°

Next article

Losail, Libere 3: Dovi rimane davanti. Rossi cade, Vinales in Q1

Losail, Libere 3: Dovi rimane davanti. Rossi cade, Vinales in Q1

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP del Qatar
Sotto-evento Sabato, prove libere
Location Losail International Circuit
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Prove libere