Lorenzo delude alla prima in Ducati: "Non è il debutto che sognavo"

Il maiorchino commette un errore nelle prime fasi e chiude solo 11esimo, ma ammette anche che non avrebbe avuto comunque il ritmo per stare con i migliori. Ora confida nei test di Jerez per fare un passo avanti.

Lorenzo delude alla prima in Ducati: "Non è il debutto che sognavo"
Jorge Lorenzo, Ducati Team; Danilo Petrucci, Pramac Racing
Gabarrini, Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team; Tito Rabat, Estrella Galicia 0,0 Marc VDS
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team

C'erano tanti occhi puntati su Jorge Lorenzo e la Ducati nel GP del Qatar di questa sera. Il binomio fortemente voluto dalla Casa di Borgo Panigale però ha deluso le aspettative, chiudendo solamente in 11esima posizione. Il tutto mentre la Desmosedici GP gemella di Andrea Dovizioso battagliava per la vittoria fino alla fine con Maverick Vinales.

Lo stesso pilota spagnolo non ha nascosto che avrebbe sperato in un esordio migliore a Losail: "Sono deluso, non è il debutto che sognavo. Non abbiamo avuto molto tempo per girare qui in Qatar, quindi non erano le condizioni ideali per esordire".

La sua gara però si è messa immediatamente in salita, quando ha commesso un errore al primo giro che lo ha relegato nelle posizioni di rincalzo. Jorge comunque, molto onestamente, ha ammesso che in ogni caso non avrebbe potuto reggere il ritmo dei migliori per tutta la corsa.

"La partenza è stata buona, perché ho recuperato tre o quattro posizioni ed ero subito dietro Pedrosa e Valentino. Forse se non fossi andato lungo alla curva 4, sarei potuto rimanere con loro fino a metà gara, ma sicuramente non avrei potuto tenere il loro ritmo fino alla fine, perché quando ha iniziato a calare la gomma dietro non riuscivo più a girare in 1'56"".

E poi ha proseguito: "All'inizio ho fatto fatica e giravo in tempi alti, ma poi quando la gomma è entrata in temperatura riuscivo anche io ad andare sull'1'56". Ho fatto anche cinque o sei giri in linea con i migliori, ma in tanti momento della gara sono stato troppo lento per finire più vicino".

In ogni caso, il maiorchino cerca di non abbattersi e di provare a vedere il bicchiere mezzo pieno: "Dobbiamo prendere le cose positive di questo weekend, a partire dai giri in cui sono riuscito a fare dei tempi buoni. La partenza è stata buona e comunque prendiamo cinque punti, che sono di più di quelli raccolti da alcuni di quelli che erano più veloci di noi. Inoltre non abbiamo fatto incidenti e queste sono le cose positive. Ora ci aspetta un test a Jerez, dove proveremo alcune cose per cercare di essere più veloci".

Se non altro, vedere la moto gemella così competitiva è positivo pensando al futuro: "Sicuramente. Andrea è stato molto bravo perché è rimasto concentrato e non ha commesso errori in condizioni difficili. Ha tirato fuori il meglio della moto per tutto il weekend e mi ha sorpreso lottando per la vittoria con Vinales, che sembrava assolutamente il favorito fino ad oggi. Forse le condizioni di oggi hanno aiutato alcuni piloti come lui e Valentino e reso le cose un po' più complicate per me, che sono arrivato più indietro di quanto mi aspettassi. Ogni tanto capita che non sia la tua giornata, ma bisogna cercare di non perdere l'ottimismo".

Informazioni aggiuntive di Oriol Puigdemont

condivisioni
commenti
Vinales: "Ho preparato un sorpasso che ha depistato Dovizioso"

Articolo precedente

Vinales: "Ho preparato un sorpasso che ha depistato Dovizioso"

Prossimo Articolo

Marquez: "Ho sbagliato completamente la scelta delle gomme"

Marquez: "Ho sbagliato completamente la scelta delle gomme"
Carica commenti
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021