Marquez: "Ho sbagliato completamente la scelta delle gomme"

Il campione del mondo ha deciso di passare dalla gomma dura alla media prima della partenza per ridurre i rischi di cadute, ma questa scelta ha condizionato la sua gara. GIà dopo cinque giri le sue coperture erano distrutte.

Marquez: "Ho sbagliato completamente la scelta delle gomme"
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini; Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team; Tito Rabat, Estrella Galicia 0,0 Marc VDS
Bradley Smith, Red Bull KTM Factory Racing
Dani Pedrosa, Repsol Honda Team

La prima gara stagionale non ha certamente sorriso al campione del mondo Marc Marquez. Lo spagnolo, dopo una fase inziale che l'ha visto protagonista nel gruppo di testa, ha perso lentamente contatto dal vertice per concludere l'appuntamento inaugurale di Losail mestamente al quarto posto.

Marquez ha dapprima espresso il proprio supporto alla direzione gara per aver deciso di ritardare la partenza per poi affermare di essere incappato in un weekend storto a causa della scelta della mescola anteriore errata.

"Ero decisamente concentrato. Quando ho visto dodici piloti uscire in quella curva ho semplicemente pensato che tutti avrebbero detto che era dovuto all'asfalto bagnato. Io sono rimasto sulla moto in modo da mantenere la concentrazione, ma poi è arrivata la decisione di ritardare la partenza e credo che sia stata la scelta corretta".

"Questo, tuttavia, ha creato un po' di confusione dato che le temperature stavano calando al contrario dell'umidità. Poi ci hanno detto che avremmo percorso due giri di ricognizione per capire le condizioni del tracciato. Ero l'unico pilota che aveva scelto una gomma dura all'anteriore ma dopo tutti questi eventi ho iniziato ad avere alcuni dubbi. Successivamente gli uomini della Michelin mi hanno avvisato di essere l'unico pilota ad aver effettuato questa scelta e che avrei potuto cadere se avessi forzato. Così ho optato per la media".

Marquez recrimina il cambio di gomma effettuato prima della partenz mostrandosi certo che con la scelta originaria della mescola dura avrebbe potuto lottare per il successo contro Vinales.

"Credo che con la gomma dura sarei stato in grado di lottare per la vittoria sino alla fine, ma sarei anche potuto cadere più facilmente. E' stata una decisione critica. Se hai una moto facile da guidare le scelte sono semplici, mentre se guidi una moto che ti costringe ad andare sempre al limite le decisioni da prendere diventano più complesse, e se non fai la scelta giusta perdi molto tempo".

Lo spagnolo si è trovato in lotta con Andrea Iannone nella fase inziale di gara, ma il pilota della Suzuki è stato protagonista di una scivolata dopo un leggero contatto con la Honda. Marquez, inzialmente, non si è accorto di nulla.

"Si, ho sentito il contatto di Iannone. Ho aperto il gas ed ho sentito la botta. Pensavo fosse un problema di elettronica. Poi sono riuscito a vedere un replay ed ho visto che mi ha toccato. Sono stato fortunato, ma con Iannone siamo sempre molto vicini".

Il campione del mondo ha poi nuovamente recriminato sulla errata scelta di gomme, ripensado all'errore commesso nel 2016 in Inghilterra.

"Anche lo scorso anno ho fatto un errore simile a Silverstone, quando sono partito con la extra soft ma la gomma era troppo morbida. Oggi avrei potuto mettere una dura per andare più veloce ma aumentando le possibilità di caduta. Dobbiamo lavorare sulla moto per renderla più facile da guidare e non penare più con queste scelte".

Marquez ha infine affermato di essersi trovato con la gomma distrutta dopo appena cinque giri, ma ha anche evidenziato come lo stesso problema abbia afflitto anche il compagno di team Pedrosa.

"Il problema di questo weekend è stato il meteo che è cambiato rapidamente ed ha costretto gli organizzatori a ritardare la partenza. Solo io e Cal avevamo optato per la gomma dura, e poi ha cambiato e sapete come è finita. Noi due avevamo optato per questa scelta per ovviare ai problemi in accelerazione. Quando perdi in quella fase l'unico modo per recuperare è quello di staccare il più tardi possibile avendo un feeling maggiore all'anteriore. Questo è stato il problema principale".

"A fine gara ho parlato con Dani ed anche lui aveva lo stesso problema nonostante pesi molto meno di me e solitamente adotti la mescola più soffice. Immaginate me. Dopo 5 giri la mia gomma era distrutta". 

Informazioni aggiuntive di Valentin Khorounzhiy

condivisioni
commenti
Lorenzo delude alla prima in Ducati: "Non è il debutto che sognavo"

Articolo precedente

Lorenzo delude alla prima in Ducati: "Non è il debutto che sognavo"

Prossimo Articolo

Fotogallery: il GP del Qatar apre la stagione della MotoGP 2017

Fotogallery: il GP del Qatar apre la stagione della MotoGP 2017
Carica commenti
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021