Il rientro di Marquez in Qatar è più logico di quel che sembra

Ci sarà chi pensa che il possibile rientro di Marc Marquez alla prima gara della stagione sia una mossa azzardata, ma la maggior parte degli indizi portano a pensare che partire già dal Qatar sia la cosa migliore che il pilota Honda possa fare.

Il rientro di Marquez in Qatar è più logico di quel che sembra

Oggi sono esattamente otto mesi dall’ultima volta che Marc Marquez è salito in sella alla sua RC213V. È stato a Jerez, durante la prima fase di qualifica del secondo appuntamento sulla pista andalusa. Poi rientrato ai box abbandonando l’idea di correre la domenica, solamente cinque giorni dopo l’operazione al braccio effettuata per ridurre la frattura all’omero destro rimediata la settimana prima durante una caduta in gara.

Quell’episodio ha reso evidenti il suo impegno e il suo valore, ma ha pagato un prezzo altissimo: si è rotta la placca che fissava l’osso del braccio e lì è iniziato un calvario che lo ha portato a sottoporsi ad altre due operazioni e a cambiare medici (dalla Clinica Dexeus alla Ruber Internacional), prima di tornare a sorridere.

Le prime buone notizie sono arrivate a metà febbraio, quando il controllo effettuato dieci settimane dopo l’ultimo intervento ha rivelato che l’osso cominciava a consolidarsi facendo il callo. Da quel momento, tutto è andato nella piena velocità con cui normalmente Marquez affronta le cose.

In pochi giorni, il pilota catalano ha potuto iniziare ad intensificare la sua preparazione fisica, sette giorni fa ha ricevuto l’ok dei medici per tornare ad allenarsi in moto e, da allora, già ha girato due giorni (per quanto si sa): venerdì scorso, ad Alcarras, è salito su una pit bike di bassa cilindrata e martedì scorso a Barcellona ha girato con una Honda RC213V-S, modello di serie che più si avvicina al prototipo MotoGP.

La velocità con cui Marquez ha bruciato le tappe nell’ultima fase del suo recupero ha aperto la porta alla sua possibile partecipazione alla prima gara del campionato, prevista per domenica 28 marzo a Losail, dove il resto della griglia ha svolto i test di pre-stagione poco meno di dieci giorni fa. C’è chi ha ancora qualche perplessità e considera che lo spagnolo prenda un rischio e stia ripetendo l’errore fatto a luglio 2020, ma la maggior parte delle indicazioni portano a pensare che provare a correre in Qatar è una delle cose migliori che possa fare.

Innanzitutto, lo stesso pilota afferma di aver imparato dagli errori del passato. Il 22 febbraio, giorno della presentazione del team Repsol Honda, ha affermato: “Salirò in moto solamente con l’approvazione dei medici”. Secondo quanto ha ribadito più volte Marquez, i medici che lo avevano operato la prima volta non gli avevano saputo togliere dalla testa l’idea di tornare a Jerez e di questo ha fatto tesoro affinché non si ripeta più.

Leggi anche:

Secondo quanto appreso da Motorsport.com, nel test di martedì scorso a Barcellona, Marquez non solo ha girato, ma ha anche forzato la moto nella maniera in cui poteva farlo, per vedere fino a che punto l’omero lo limitasse. Una persona che era presente al Circuit de Catalunya, afferma a chi scrive queste righe che il pilota non ha sentito alcun fastidio oltre a un po’ di tensione al braccio, probabilmente frutto del lavoro fatto ultimamente in palestra.

Al Montmelo, Marquez è sceso in pista poco dopo le 11 di mattina, si è fermato meno di un’ora per mangiare alle 14 e dopo le 15 è tornato in pista macinando chilometri fino alle 17. Molti dei run erano di 15 giri, una quantità considerevole e che difficilmente potrebbe affrontare con un certo livello di dolore. In questo senso, il fatto che optasse per allenarsi con una RC213V-S invece che con una CBR, molto meno aggressiva, è un’altra dimostrazione della buona forma fisica che vanta ora l’otto volte campione del mondo.

Ma, al di là della questione medica che chiaramente è l’aspetto principale, ci sono altri indizi che lasciano concludere che la cosa migliore sia tornare il prima possibile alle dinamiche della competizione. Il meno rilevante di questi è l’obbligo di viaggiare in Qatar in ogni caso per la somministrazione della seconda dose di vaccino anti-Covid, dopo che domenica scorsa ha ricevuto la prima dose.

Se c’è qualcosa di cui lo spagnolo ha bisogno in questo momento è girare, accumulare quanti più chilometri possibile per riprendere pian piano il ritmo che gli manca a causa dell’inattività. Proprio per questo, non c’è niente di meglio che tornare a Losail, dove sicuramente dichiarerà che comincia la sua pre-stagione. Il buonsenso fa pensare che sarà meno traumatico mettersi alla prova con il resto della griglia in questo primo appuntamento del mondiale rispetto a rientrare alla seconda gara della settimana dopo, quando anche i suoi rivali arriveranno, sempre sulla stessa pista, con ancora più riferimenti rispetto a lui. Inoltre, se il pilota Honda prende parte alla prima gara del 2021 potrà confrontare la velocità della sua evoluzione nella seconda gara.

Tutto lascia pensare che il dominatore degli ultimi anni torni a correre la settimana prossima. Questo però non significa che vedremo la sua migliore versione a cui siamo abituati, come lo stesso Marquez ha ripetuto più volte.

Ad ogni modo, non esiste una notizia migliore di quella del suo rientro nel campionato che sicuramente ha sentito la mancanza del proprio punto di riferimento. Colui che, secondo Pol Espargaro, suo compagno di squadra in HRC, “è il migliore di tutti, l’incaricato di segnare il livello a cui dobbiamo arrivare tutti noi altri”.

condivisioni
commenti
DAZN accende i motori: via alla stagione 2021 di MotoGP

Articolo precedente

DAZN accende i motori: via alla stagione 2021 di MotoGP

Prossimo Articolo

Aprilia: 2021 anno chiave con un sogno di nome Dovizioso

Aprilia: 2021 anno chiave con un sogno di nome Dovizioso
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Marc Márquez Alenta
Team Repsol Honda Team
Autore Oriol Puigdemont
MotoGP: scatta l'allarme sicurezza per le velocità troppo alte Prime

MotoGP: scatta l'allarme sicurezza per le velocità troppo alte

I paurosi incidenti visti a Jerez hanno fatto scattare l'allarme tra i piloti per le velocità elevate raggiunte dalle MotoGP, ma convincere i costruttori a fare un passo indietro sembra davvero difficile.

MotoGP
7 mag 2021
Rossi: quanto è amaro dirsi addio Prime

Rossi: quanto è amaro dirsi addio

Valentino Rossi sta attraversando il più difficile avvio di stagione della carriera. Appena quattro punti in altrettante gare. Lontano dalla top15, il Dottore rischia di vivere una lenta stagione da incubo in attesa di ufficializzare una decisione che, onestamente, sarebbe stato bene intraprendere anni fa

MotoGP
5 mag 2021
Ceccarelli: "Un allarme per la MotoGP il guaio di Quartararo" Prime

Ceccarelli: "Un allarme per la MotoGP il guaio di Quartararo"

Franco Nugnes, in compagnia del Dottor Ceccarelli, affronta il tema dell'ennesimo caso di sindrome compartimentale in MotoGP. Fabio Quartararo si è dovuto arrendere al dolore durante il GP di Spagna: classe regina in allarme?

MotoGP
5 mag 2021
Miller: il sostegno psicologico arrivato dalla moglie di Crutchlow Prime

Miller: il sostegno psicologico arrivato dalla moglie di Crutchlow

Dopo un avvio di stagione da dimenticare, Jack Miller è riuscito ad ottenere la prima vittoria con Ducati a Jerez ed ha svelato come un grande aiuto psicologico sia arrivato dalla moglie del suo grande amico Cal Crutchlow.

MotoGP
4 mag 2021
Pagelle MotoGP: Riscatto Miller, Rossi a fondo Prime

Pagelle MotoGP: Riscatto Miller, Rossi a fondo

Tanti promossi e tanti bocciati al Gran Premio di Spagna di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Beatrice Frangione e Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com

MotoGP
4 mag 2021
Ducati: la doppietta di Jerez è una "svolta" epocale Prime

Ducati: la doppietta di Jerez è una "svolta" epocale

Sono almeno tre le svolte a cui abbiamo assistito a Jerez: quella della Desmosedici GP, che finalmente "gira" anche su una pista stretta. Quella della stagione di Jack Miller, che ha risposto con una vittoria ad un avvio di stagione deludente. E la trasformazione di Pecco Bagnaia in un top rider a tutti gli effetti, arrivata con la leadership in campionato.

MotoGP
3 mag 2021
MotoGP, GP di Spagna: animazione grafica della gara Prime

MotoGP, GP di Spagna: animazione grafica della gara

Andiamo a rivivere l'emozione del GP di Spagna di MotoGP in questa nostra animazione graficca

MotoGP
3 mag 2021
MotoGP: la griglia di partenza del GP di Spagna Prime

MotoGP: la griglia di partenza del GP di Spagna

Andiamo a scoprire insieme la griglia di partenza del GP di Spagna, quarta prova del Campionato del Mondo 2021 di MotoGP.

MotoGP
2 mag 2021