Iannone: "La Suzuki ha lavorato molto bene durante l'inverno"

condivisioni
commenti
Iannone:
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
17 feb 2018, 15:16

Il pilota di Vasto è contento del passo avanti mostrato dalla GSX-RR con le gomme usate, ma non riesce ancora a sfruttare quelle nuove per fare il tempo. Domani poi darà la sua valutazione sulla nuova carena introdotta oggi.

Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Iannone e Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP

"Penso che la Suzuki abbia lavorato molto bene durante l'inverno". Forse è questa la considerazione più importante che Andrea Iannone ha fatto alla fine della seconda giornata dei test collettivi di MotoGP in Thailandia.

Il pilota di Vasto ha chiuso in 11esima posizione, staccato di otto decimi, ma ha spiegato che è molto soddisfatto del comportamento della sua GSX-RR con gomme usate, anche se per il momento non riesce ancora a sfruttare la gomma nuova per migliorare le sue prestazioni sul giro.

Oggi Andrea ha avuto anche modo di provare la nuova veste aerodinamica studiata dai tecnici della Casa di Hamamatsu, anche se lo ha fatto solo per pochi giri, visto che poi è incappato in una scivolata senza conseguenze ed ha preferito concentrarsi su altri aspetti.

La sua analisi odierna però è cominciata proprio dalla carena: "Non sono riuscito a provarla troppo bene, perché quando sono partito con la nuova carena ho perso l'anteriore in una curva lenta e sono caduto. Alla fine poi ho preferito continuare con la carena standard perché per me abbiamo delle altre priorità".

"In ogni caso, il primo contatto non è andato male. Penso che la Suzuki abbia lavorato molto bene durante l'inverno, specialmente da questo punto di vista. Domani sarà una priorità per noi: proveremo la carena vecchia e quella nuova e poi decideremo quale utilizzare per il campionato" ha aggiunto.

 

Poi ha esaltato il passo avanti fatto dalla GSX-RR, soprattutto con gomme usate: "Sinceramente, sono molto contento della moto. Ho un buon feeling con le gomme usate e la moto è molto più fluida rispetto all'anno scorso. Questo è davvero importante".

L'unico neo è la difficoltà a sfruttare la gomma nuova, ma proverà a lavorarci anche domani: "Sono solo un po' deluso perché non riesco sfruttare le gomme nuove per fare il tempo. Non riesco a guadagnare mezzo secondo o più, come fanno tutti gli altri. Non so ancora perché, ma il mio feeling è peggiore con le gomme nuove, quindi dobbiamo lavorare e cercare di capirne il motivo".

Pur essendo incappato pure lui in una scivolata, il compagno Alex Rins, settimo, ha avuto modo di provare la nuova aerodinamica più a fondo, riuscendo a trarre delle indicazioni positive.

"Penso che sia meglio dal punto di vista del wheelie. Su una MotoGP l'elettronica lavora tantissimo e quando la ruota anteriore tocca il suolo hai molta più potenza a disposizione. Questo quindi di aiuta ad avere più accelerazione e più velocità di punta" ha spiegato lo spagnolo.

Informazioni aggiuntive di Oriol Puigdemont

Prossimo articolo MotoGP
Dovizioso: "Quello che proviamo funziona e la nostra velocità è buona"

Articolo precedente

Dovizioso: "Quello che proviamo funziona e la nostra velocità è buona"

Prossimo Articolo

Morbidelli: "Non capisco perché con la gomma nuova non miglioro"

Morbidelli: "Non capisco perché con la gomma nuova non miglioro"
Carica commenti