Espargaro: “Ci serve più potenza per fare podi regolarmente”

Aleix Espargaro afferma che i passi avanti compiuti da Aprilia con la moto del 2021 indicano che serve ancora un po’ di più per lottare regolarmente per il podio per la prima volta.

Espargaro: “Ci serve più potenza per fare podi regolarmente”

Aprilia è nel mezzo della sua miglior stagione di sempre nell’era moderna della MotoGP, il pacchetto della RS-GP del 2021 è migliorato permettendo ad Aleix Espargaro di essere costantemente fra i primi sei. Attualmente occupa l’ottava posizione in classifica dopo nove gare, con 61 punti, 19 in più di quanti ne ha conquistati nell’intera stagione 2020.

Espargaro ha comandato per poco la gara del Sachsenring, dopo aver conquistato la prima fila nella classe regina per la prima volta dal 2000 (quando si chiamava ancora 500cc). Inoltre i passi in avanti mostrati dalla RS-GP hanno iniziato ad attrarre anche grandi nomi. Andrea Dovizioso ha deciso di svolgere un programma di test con Aprilia all’inizio di quest’anno ed era pronto a correre nel 2022, anche se ora sembra che si propenda per Maverick Vinales. Lo spagnolo lascerà Yamaha a fine stagione, ma ha ammesso che il suo futuro è ancora in stallo.

Il punto debole di Aprilia resta ancora la mancanza di velocità in confronto con i suoi rivali, ma il fatto di essere l’unico team con le concessioni permetterà alla Casa di Noale di portare un nuovo motore nella seconda metà di stagione. Espargaro crede che i miglioramenti sulla moto indichino che ora sia pronta a ricevere più potenza ed è sicuro che la otterrà prima della fine dell’anno.

Quando Motorsport.com gli ha chiesto se fosse fiducioso del fatto che Aprilia migliorerà il suo motore questa stagione, Aleix Espargaro ha risposto: “La cosa buona di Aprilia è che, dopo molti anni, gli ingegneri credono in me, nel mio lavoro e hanno fiducia in ciò che dico loro. Quindi sanno che il nostro limite attuale è il motore”.

“La cosa buona è che quest’anno mi forniscono una moto che è la base della RS-GP 21 e che è pronta a ricevere più potenza. Stiamo usando la massima potenza disponibile, la moto non fa impennate con la nuova aerodinamica. Ora siamo pronti e sanno che l’unica cosa che ci manca è la potenza pura nel rettilineo, quando sono in piena accelerazione e tutto è sulla moto, la piena potenza è lì e non è abbastanza per lottare con i nostri avversari”.

Espargaro afferma inoltre: “Lo sanno perfettamente e lavorano sodo, quindi sono sicuro che non dovremo aspettare fino alla stagione 2022 per ricevere novità. Spero di avere qualcosa per l’ultima parte di questa stagione, perché siamo molto, molto vicini. Voglio godermi quanto stiamo ottenendo, perché stiamo facendo un buon lavoro, ma sento un po’ di frustrazione dentro di me. Abbiamo bisogno di un po’ di più per lottare per il podio in ogni gara”.

condivisioni
commenti
Ufficiale: cancellato il GP di Thailandia della MotoGP!

Articolo precedente

Ufficiale: cancellato il GP di Thailandia della MotoGP!

Prossimo Articolo

Mir stupito: “Non mi aspettavo questo progresso dai miei rivali”

Mir stupito: “Non mi aspettavo questo progresso dai miei rivali”
Carica commenti
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021