Ducati-Bagnaia: la fortuna di chi non ha saputo decidere

Allungando l'attesa della scelta tra Dovizioso e Lorenzo, la Casa di Borgo Panigale si è ritrovata ad avere in mano il nuovo astro nascente della MotoGP. E nel 2007 non fu tanto diverso...

Ducati-Bagnaia: la fortuna di chi non ha saputo decidere

Pecco Bagnaia diventerà un pilota ufficiale della Ducati dal prossimo anno. Per l'annuncio ormai dovrebbe essere una questione di ore, anche se la composizione del Factory Team di Borgo Panigale è sembrata una di quelle telenovele interminabili, che ancora una volta ha confermato che la gestione dei piloti non è esattamente il cavallo di battaglia degli uomini della Rossa.

Con il senno di poi, è facile dire che la Ducati ha puntato sull'uomo giusto, visto che in questo momento il pilota piemontese sta un po' ripercorrendo le orme di Fabio Quartararo nella scorsa stagione: partito senza aspettative troppo grandi, "Pecco" è diventato un pilota capace di ambire alle posizioni da podio praticamente ogni domenica, anche se per il momento tra rotture, infortuni e cadute non è ancora riuscito a raccogliere quanto avrebbe meritato.

Il tutto mentre invece l'uomo di punta, Andrea Dovizioso, è sì in testa al Mondiale, ma si domanda lui stesso come sia possibile, visto che nelle ultime due gare a Misano ha raccolto la miseria di un settimo ed un ottavo posto e nella prima metà di campionato si è imposto una sola volta, nel primo appuntamento del Red Bull Ring, proprio nel weekend dell'annuncio del suo addio alla Desmosedici GP a fine anno.

Un quadro che farebbe pensare ad un naturale passaggio di consegne, che però sarà più frutto degli eventi che di una scelta presa con convinzione dalla Ducati, che in un certo senso è stata fortunata ad avere l'uomo giusto a disposizione nel momento giusto (in ballo ci sarebbe anche Johann Zarco, ma quella sembrerebbe veramente un'ultima spiaggia).

E' vero che a più riprese dall'azienda alle porte di Bologna hanno ribadito che Bagnaia era uno dei candidati ad un posto nella squadra ufficiale e che anche da fuori era abbastanza chiaro che non si sarebbe arrivati al rinnovo con Dovizioso, con il quale il rapporto ormai sembrava troppo incrinato e non solo per questioni economiche. Ma è altrettanto vero che di mezzo c'era un terzo incomodo dal nome pesante.

Dietro alle quinte è sempre aleggiato il nome di Jorge Lorenzo e il maiorchino ha ammesso proprio in un'intervista concessa a Motorsport.com di essere stato ad un passo da un clamoroso ritorno a Borgo Panigale, salvo poi fare un passo indietro non sentendosela di rivestire i panni del pilota a tempo pieno dopo questo anno sabbatico da collaudatore.

"Abbiamo iniziato le negoziazioni, ma man mano che si avvicinava il momento di firmare, sentivo che acquisivano un peso maggiore le cose a cui avrei dovuto rinunciare nuovamente. Dopo molti giorni di dubbi, ho deciso che mi dispiaceva molto, ma dovevo dire di no a Gigi" aveva detto Lorenzo.

Leggi anche:

"Mi è dispiaciuto davvero, perché l’ho messo contro la fabbrica ed avrei potuto evitare. Se avessi avuto le idee più chiare, non avremmo nemmeno avviato le negoziazioni. La cosa certa è che gli sarò sempre grato per la fiducia dimostrata, ma in quel momento ho sentito che dovevo pensare solo a me e sono arrivato alla conclusione che non mi bastava più essere pilota a tempo pieno".

Lasciare Dovizioso per prendere Lorenzo avrebbe messo la Ducati in una posizione complicata, perché mandare a casa il tre volte vice-campione del mondo, l'uomo che ha vinto di più dopo Marc Marquez dal 2016 ad oggi, per far spazio ad un pilota il cui talento non si può discutere ma reduce da un anno di stop e da uno fallimentare con la Honda, avrebbe avuto consensi solo in caso di successo immediato, ovvero di titolo Mondiale.

La lunga attesa legata ai dubbi sul forlivese e del maiorchino, però, porterà ad una soluzione che non richiede necessariamente di vincere al primo tentativo: Bagnaia ha solo 23 anni, 10 meno di Lorenzo ed 11 meno di Dovizioso, quindi con lui si può pensare di aprire un nuovo corso più lungo.

In un certo senso, era andata così anche 13 anni fa: Casey Stoner non era sicuramente la prima scelta della Ducati, ma poi è stato l'eroe che al primo tentativo ha portato la Rossa al suo unico titolo iridato nella classe regina. La storia si ripeterà? Se Bagnaia si confermerà quello di Misano, a Borgo Panigale sono autorizzati almeno a sperarlo...

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
3/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
4/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
9/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
10/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
12/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
13/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
14/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
LIVE REPORT: commentiamo SBK, WRC, Le Mans e MotoGP

Articolo precedente

LIVE REPORT: commentiamo SBK, WRC, Le Mans e MotoGP

Prossimo Articolo

Honda ritrova Bradl, potrà correre a Barcellona

Honda ritrova Bradl, potrà correre a Barcellona
Carica commenti
Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi Prime

Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi

Le prime tre gare della MotoGP 2021 hanno iniziato a dare un'indicazione di quelli che potrebbero essere i valori in campo e quelli che si sono proposti con più regolarità al vertice sono Fabio Quartararo e Pecco Bagnaia. E lo hanno fatto in particolare a Portimao, su una pista su cui lo scorso novembre avevano sofferto tantissimo, dando una forte segnale di maturazione.

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo Prime

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo

Andiamo a scoprire insieme la Griglia di Partenza del Gran Premio del Portogallo, terza prova del campionato del mondo 2021 di MotoGP

MotoGP
18 apr 2021
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021