Dovizioso: "Il segreto di Quartararo è la frenata"

Dopo la deludente gara di Misano, il forlivese si è soffermato sui pregi del campione del mondo, che ora ha avuto modo di studiare meglio visto che entrambi guidano una Yamaha. Secondo lui, Quartararo riesce a fare la differenza sulla M1 soprattutto in frenata e questo gli permette di essere veloce e costante.

Dovizioso: "Il segreto di Quartararo è la frenata"

Con il 13° posto finale, Andrea Dovizioso ha eguagliato il risultato di Austin nel Gran Premio del Made in Italy e dell'Emilia Romagna. Questo potrebbe sembrare un buon presupposto, ma non si può sempre basare tutto sui risultati, anche perché quello del pilota della Yamaha Petronas è stato favorito dal gran numero di cadute a cui abbiamo assistito alla seconda gara disputata sul tracciato di Misano.

Non ci si deve stupire, dunque, che a fine gara il forlivese fosse molto rammaricato e non abbia nascosto di essere deluso dalla sua prestazione, indicando una scelta errata delle gomme, ma anche il maltempo che ha caratterizzato le giornate di venerdì e sabato, come fattori che lo hanno portato a vivere una domenica al di sotto delle aspettative.

"Non ci ho capito molto. Non ho avuto feeling fin dall'inizio, facevo fatica e quindi non ero veloce. Però penso che sia stata un'altra esperienza importante, perché abbiamo fatto la stessa scelta di gomme della maggior parte degli altri piloti ed abbiamo visto che non era quella giusta per me per due motivi: è calata molto negli ultimi dieci giri e poi la soft non mi dava il supporto che mi serve in accelerazione. Quindi non avevo il potenziale giusto all'inizio e poi c'è stato anche un calo", ha detto Dovizioso.

"Inoltre, sto ancora lottando con la moto, perché devo cambiare le mie linee, quindi fare praticamente tutte le sessioni in condizioni particolari e poi andare in gara sull'asciutto è stato molto difficile per me. Questo mi ha portato ad usare la gomma e le mie energie nel modo sbagliato. Non è andata peggio della prima gara di Misano, ma non ho fatto lo step che mi sarei aspettato dopo Austin. Fortunatamente, non ci stiamo giocando niente quest'anno e poi questi weekend difficili ci consentono sempre di accumulare un bagaglio d'esperienza importante", ha aggiunto.

Il tre volte vice-campione del mondo poi è entrato ulteriormente nel dettaglio delle sue problematiche, spiegando di aver faticato principalmente in staccata nell'arco di tutta la corsa.

"Io non sono ancora a posto in frenata, quindi non riesco ad avere la velocità giusta quando entro in curva e a fare la linea che vorrei. Sono sempre un po' lungo e non riesco a fare le linee giuste per sfruttare il potenziale della moto. Ma in generale, quando non sei a posto in frenata, quello condiziona anche tutto il resto della curva, ed è quello che mi è successo in gara in ogni giro".

Leggi anche:

Nonostante le difficoltà, per il momento Andrea non è preoccupato pensando al futuro, anche perché la moto factory che avrà l'anno prossimo sarà certamente diversa dalla M1 "Spec-B" che sta utilizzando in questo ultimo spezzone del 2021.

"Sarebbe sbagliato preoccuparsi adesso, perché c'è ancora del tempo per lavorare e perché l'anno prossimo avrò una moto diversa, anche se non so ancora quanto lo sarà. E' logico che se la stagione 2022 iniziasse domani sarei preoccupato, ma non è così, quindi non ha senso esserlo prima del tempo".

Infine, Dovizioso ha detto la sua sul titolo iridato appena conquistato da Fabio Quartararo, esaltando la sua capicità di sfruttare a pieno il potenziale della M1 in qualsiasi situazione, riuscendo anche ad oscurarne i punti deboli.

"Penso che Fabio si meriti il titolo, ma anche che abbia fatto qualcosa di pazzesco quest'anno. Lui riesce a sfruttare al meglio i punti forti della M1, ma è anche molto bravo a non evidenziare i suoi punti deboli. Essere stato così costante in questa stagione, in ogni gara, è un qualcosa di davvero speciale", ha detto.

"Lui riesce ad essere così costante perché riesce a guidare sempre con lo stesso stile di guida. Su ogni pista, in ogni condizione, con ogni temperatura, guida sempre alla stessa maniera: frena molto tardi, ma è davvero difficile far girare la moto staccando dove lo fa lui. E questa è una cosa che invece a lui riesce facilmente. Se osservi un suo run nelle libere, riesce a fare 5-6 giri alla stessa maniera, senza commettere troppi errori. Questo è quello che gli permette di progredire di sessione in sessione, di partire sempre nelle prime due file e di essere costante in ogni situazione", ha concluso.

Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
1/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
2/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
3/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
4/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
5/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
6/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
7/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
8/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
9/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
10/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
11/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
12/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
Andrea Dovizioso, Petronas Yamaha SRT
13/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Mir, partenza anticipata per un'esitazione con il launch control
Articolo precedente

Mir, partenza anticipata per un'esitazione con il launch control

Prossimo Articolo

Puig: "Quello che sta facendo Marc non lo sa nessuno tranne lui"

Puig: "Quello che sta facendo Marc non lo sa nessuno tranne lui"
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Suzuki plafonata, Mir ci prova ma non basta Prime

Pagelle MotoGP | Suzuki plafonata, Mir ci prova ma non basta

Suzuki è tra le delusioni di questo 2021. Il team che schierava il campione del mondo 2020, Joan Mir, non è riuscito a confermarsi sugli stessi livelli della stagione iridata. Il maiorchino ci prova in tutti i modi, ma non riesce a vincere un GP e chiude al terzo posto in classifica. Disastro senza mezzi termini per l'altro pilota Suzuki, Alex Rins

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia Prime

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia

Annata quasi perfetta per Ducati, che conquista ogni corona iridata in MotoGP tranne quella del mondiale piloti. Moto da 9 che, nelle mani di Pecco Bagnaia, si candida come seria pretendente alla corona di Fabio Quartararo per il 2022.

MotoGP
2 dic 2021
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021