Dovizioso: "Credo che questa pista non piaccia a nessuno"

La giornata di oggi è stata condizionata dal freddo e dalle tante cadute alla curva 11, quindi il pilota della Ducati è tra quelli che si interrogano se sia il caso di continuare a venire a correre al Sachsenring in futuro o meno.

Come tanti altri colleghi, anche Andrea Dovizioso ha puntato il dito contro il freddo alla conclusione della prima giornata di prove del GP di Germania di MotoGP. Il pilota della Ducati ha chiuso in quinta posizione, ma non ha spinto al massimo, perché inevitabilmente le tante cadute alla curva 11 del Sachsenring (la veloce a destra dopo la sequenza di sinistre) sono state un condizionamento.

"E' stata una giornata un po' particolare, perché faceva molto freddo e ci sono state subito tante cadute, che logicamente hanno diminuito l'aggressività di tutti quanti. Oggi si faceva davvero fatica con le gomme per via del freddo, soprattutto sul lato destro quindi speriamo che domani ci sia una temperatura sufficiente" ha detto "Desmodovi".

In generale però il bilancio del suo lavoro è positivo, anche se non ritiene indicativa la classifica odierna: "A parte questo sono contento, perché abbiamo una buona velocità, anche se credo che i tempi di oggi non saranno tanto indicativi perché in condizioni normali si girerà abbastanza più forte domani. Vedremo domani come siamo messi. La partenza è stata buona, ma il feeling non è ottimo, perché faccio un po' fatica a far girare la moto. Sicuramente domani non basterà quello che abbiamo adesso, ma ci lavoreremo e proveremo a migliorare".

Il suo compagno Andrea Iannone non ha nascosto che oggi aveva paura ad affrontare la "Waterfall" (la curva 11). Anche il forlivese ha detto che è un qualcosa di inevitabile: "Non può essere diversamente, perché tutti gli anni qui ci sono cadute in quel punto: perdi l'anteriore con il gas in mano, quindi non hai la possibilità di recuperare la perdita di grip. L'unica cosa che puoi fare e tenerti del margine. La paura c'è sempre e sei condizionato da questo, anche se ogni pilota approccia il pericolo ed il rischio in maniera diversa. Però credo che tutti siamo condizionati nell'approccio alla curva 11".

Quando però gli è stato fatto notare che il problema della curva 11 è sempre esistito anche con altre gomme e con temperature più alte, ha risposto: "Il problema è palese, si dovrebbe cambiare la pista e credo che molti piloti ne sarebbero contenti. Però non è possibile".

Non a caso, alcuni piloti hanno sostenuto che non si dovrebbe più venire a correre al Sachsenring. Pensiero che pare condiviso anche da Dovi: "Dipende da che punto di vista si vuole guardare la cosa. Il pilota di solito si basa quasi sempre su due aspetti: quanto gli piace la pista e se è pericolosa. Credo che questa pista non piaccia praticamente a nessuno, poi la curva 11 è un punto rischioso, ma non è il solo perché in un altro paio non ci sono degli spazi di fuga adeguati. Non è una delle piste più belle del campionato e spinge un po' tutti a dire queste cose".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP di Germania
Sub-evento Venerdì, prove libere
Circuito Sachsenring
Piloti Andrea Dovizioso
Team Ducati Team
Articolo di tipo Intervista