Vergne penalizzato dal "ridotto numero di test..."

Jean-Éric, pilota e... azionista del team cinese di F.E, chiede un’immediata reazione dello staff tecnico dopo le avarie di Hong Kong, probabilmente figlie delle sole sei giornate di prove effettuate.

Vergne penalizzato dal "ridotto numero di test..."
Jean-Eric Vergne, Techeetah
Jean-Eric Vergne, Techeetah
Jean-Eric Vergne, collaudatore e pilota sviluppatore Ferrari all'Amber Lounge Fashion Show.
Jean-Eric Vergne, Techeetah
Jean-Eric Vergne, Techeetah
Jean-Eric Vergne, Techeetah
Jean-Eric Vergne, Techeetah
Jean-Eric Vergne, Techeetah
Jean-Eric Vergne, Techeetah
Jean-Eric Vergne, Techeetah
Jean-Eric Vergne, Techeetah cammina lungo il circuito con il team
Jean-Eric Vergne, Techeetah
Jean-Eric Vergne, Techeetah
Jean-Eric Vergne, Techeetah
Jean-Eric Vergne, Techeetah

Jean-Éric Vergne si è detto molto frustrato dal… pieno di problemi riscontrati nel giorno del debutto della nuova scuderia Techeetah, in occasione dell’altrettanto inedito ePrix di Hong Kong due fine settimana or sono. 

Il francese, qualificatosi nono, ma poi ritirato in gara, afferma di pretendere cambiamenti decisivi, affinché sia possibile aggiungere anche una sufficiente dose di affidabilità al ritmo già raggiunto dalla monoposto dell’équipe cinese dotata del propulsore Renault Z.E. 15 per il resto della stagione.

"La radio non funzionava, così non ero sicuro di quello che stessimo facendo, soprattutto nel confronto con gli altri, dopo aver riscontrato un primo problema di alimentazione”, ha detto Vergne. "È stata una giornata difficile, ma cerco di guardare il bicchiere mezzo pieno: la macchina, guidandola, era molto veloce...”.

"Siamo abbastanza in forma in vista del prosieguo di stagione: è un bene che certe cose siano accadute in questo momento, perché potremo imparare dagli errori e modificare ciò che va aggiustato in tempo per la gara di Marrakech". 

Jean-Éric, che ha una partecipazione societaria nel team cinese oltre ad esserne uno dei piloti titolari, è stato estremamente risoluto e duro, quando ha chiesto i vari cambiamenti operativi siano attuati dalla squadra prima della prossima tappa.

Parallelamente al problema della perdita di potenza, l'ex pilota della Toro Rosso in F.1 ha perduto anche il contatto radio con i suoi uomini ai box in diverse occasioni durante il fine settimana. 

"Esse (le migliorie necessarie a diventare competitivi, ndr) dovranno essere attuate e... basta. Ci accingiamo ad avere un sacco di lavoro da fare prima della trasferta in Africa. Dovremo concentrarci al massimo per cercare di avere vetture dotate di un’affidabilità compatibile con la velocità che abbiamo già", ha aggiunto. 

 

La squadra, che è di proprietà del gruppo China Media Capital (CMC) ed è rappresentata sulle piste attraverso la SECA, una sua società specializzata nel marketing sportivo, dovrebbe garantire un ulteriore apporto di risorse operative.

Queste ultime, delle quali nel paddock si è già chiacchierato, nella migliore delle ipotesi nonché al più presto dovrebbero arrivare in tempo per l’ePrix di Buenos Aires del febbraio 2017.

La mancanza di collaudi si è sentita

Il problema che a Hong Kong ha ridotto la durata della corsa di Jean-Éric Vergne è qualcosa di cui la squadra orientale ha sofferto in passato e il direttore della Techeetah, Mark Preston, ha imputato alla mancanza di giornate di test, non concesse alle formazioni che non realizzano in proprio l’unità motrice, parte dei problemi emersi nel confronto diretto con gli avversari... 

"Pensavamo che si trattasse di un’avaria della batteria a 12 volt nascosta da qualche parte. Non siamo ancora sicuri che si sia trattato di questo, ma è qualcosa su cui siamo già incorsi in errore in passato”, ha detto il dirigente australiano a Motorsport.com. 

"Dopo il problema, abbiamo chiesto a Jean-Éric di provare a ottenere il giro più veloce. Poi, quando la Safety-Car è uscita, non avevamo cognizione di quanto tempo sarebbe stata in azione. Alla fine, semplicemente, i nostri sforzi non sono stati sufficienti”.

"Vergne lo ha impostato tre volte, dopodiché Felix Rosenqvist gli ha strappato il primato proprio nel finale...”, ha concluso Mark Preston. 

Il boss della Techeetah è certo circa i metodi da utilizzare per venire a capo dell’avaria: "Dobbiamo passare attraverso tutte le procedure operative di verifica per cercare di capire che cosa sia andato storto nel primo week end di gara. Però, si può veramente prendere atto del fatto che abbiamo avuto soltanto sei giorni di test. Il gap è evidente. Tutti gli altri avevano 21 giorni per provare...”.

In conclusione, secondo Mark Preston: "Siamo gli unici che hanno potuto gestire così poche giornate di test. Il risultato è che alcuni dei guai sono emersi soltanto per il fatto, estremamente semplice, che in pista abbiamo subito spinto molto...". 

 

 

 

 

condivisioni
commenti
López: “In Marocco parecchie occasioni di sorpasso!”

Articolo precedente

López: “In Marocco parecchie occasioni di sorpasso!”

Prossimo Articolo

Adesso è svelato l’inedito circuito canadese per la F.E!

Adesso è svelato l’inedito circuito canadese per la F.E!
Carica commenti
Formula E: a Monaco è grande show ad andamento lento Prime

Formula E: a Monaco è grande show ad andamento lento

L'E-Prix nel Principato ha messo a nudo le inferiorità tecnico-velocistiche delle monoposto elettriche, che però hanno regalato una corsa molto bella sfruttando al meglio le proprie caratteristiche su un tracciato che non è stato pensato apposta per loro.

Formula E
11 mag 2021
Formula E: il flop di Valencia come monito per il futuro Prime

Formula E: il flop di Valencia come monito per il futuro

Lontana dai centri cittadini la Formula E ha evidenziato tutte le sue lacune. L'esperimento di Valencia servirà da lezione per gli organizzatori della categoria che hanno ottenuto un richiamo mediatico enorme, ma per i motivi sbagliati...

Formula E
27 apr 2021
Formula E: la redenzione di Vergne e Vandoorne a Roma Prime

Formula E: la redenzione di Vergne e Vandoorne a Roma

Nel weekend dell'E-Prix di Roma il pilota della DS Techeetah ed il belga della Mercedes sono riusciti a conquistare due vittorie dopo due incidente che avrebbero potuto gettare tutto al vento. Scopriamo come è stato possibile.

Formula E
13 apr 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Cosa rivela l'impegno di Nissan sul futuro della Formula E Prime

Cosa rivela l'impegno di Nissan sul futuro della Formula E

La Casa giapponese ha confermato il proprio impegno nella categoria elettrica anche per i prossimi anni e questo è un chiaro segno che denota come la Formula E non sia solo una ottima piattaforma di marketing.

Formula E
1 apr 2021
Formula E: un inizio controverso tra incidenti e missili! Prime

Formula E: un inizio controverso tra incidenti e missili!

Con la nuova stagione di Formula E che ha preso il via in Arabia Saudita, il campionato è sembrato cercare di recuperare il tempo perduto con un eccesso di azione e polemiche dentro e fuori la pista. Mentre alcuni punti di discussione potrebbero avere gravi ripercussioni, è stata un'apertura di 2021 esplosiva per molte ragioni.

Formula E
4 mar 2021
Chinchero racconta Vergne - Stelle di altri mondi Prime

Chinchero racconta Vergne - Stelle di altri mondi

Stelle di altri mondi è la rubrica in cui Roberto Chinchero, prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta la carriera nel motorsport di piloti che la F1 non hanno potuto fare altro che sognarla nonostante il grande talento o che nel Circus iridato sono state talentuose meteore. Buon ascolto!

Formula E
18 feb 2021
Formula E in crisi: perché ora le Case fuggono? Prime

Formula E in crisi: perché ora le Case fuggono?

Dopo diverse stagioni da catalizzatrice di Case sfruttando l'onda della propulsione elettrica che ha travolto l'automotive, la Formula E si trova a dover far fronte ai recenti addii di Audi e BMW. Ecco quali sono i motivi di questa crisi e quali sono gli scenari futuri per la serie full electric del motorsport.

Formula E
12 feb 2021