Argentina da bandiera a bandiera per Sam Bird!

Il poleman inglese della DS Virgin rintuzza nel finale la rimonta di “Séb” Buemi per la terza vittoria in F.E

Sam Bird ha trasformato la pole position della mattinata nella sua prima vittoria in Formula E della stagione 2015-2016 a Buenos Aires, respingendo i feroci assalti di un Sébastien Buemi straordinariamente capace di recuperare dalla 18esima e ultima posizione del via sino alla piazza d'onore.

Con l'eccezione di un solo passaggio nell'ambito del cambio vetture regolamentare, il portacolori della DS Virgin Racing ha condotto dalla partenza ogni singolo passaggio della corsa sul circuito cittadino di Puerto Madero, raccogliendo la terza affermazione in carriera nella serie “full electric” per soli 7 decimi di secondo sul pilota svizzero della Renault e.dams.

Il leader di campionato, che aveva preso il via con diciassette monoposto davanti a sé a causa di un errore nel proprio girone di qualifica, peraltro ammesso senza problemi e con grande umiltà in un'intervista, ha compiuto una straordinaria rimonta nella prima metà corsa in Argentina, guadagnando tre posizioni soltanto nella prima tornata (15esimo) e raggiungendo già il nono posto e la zona punti allo scoccare del decimo giro.

Sébastien si è così trovato in quarta posizione dopo la propria sosta ai box e così (al termine di un periodo di Safety-Car indispensabile per recuperare la vettura 2014 del Team Aguri di Antonio Félix Da Costa, ferma sul tracciato e incapace di consolidare l'ultimo gradino del podio) il futuro... papà Buemi si è liberato facilmente della Venturi di Stéphane Sarrazin per guadagnare la terza piazza.

Gli ultimi giri dell'ePrix in Argentina si sono così ridotti a una prova di forza a tre fra il battistrada Sam Bird, l'inseguitore in graduatoria generale Lucas Di Grassi e il grande “maratoneta” della corsa Sébastien Buemi: lo svizzero della Renault Z.E. 15 ha però forzato il ritmo sulla ABT Schaeffler FE01 del brasiliano, sino a metterlo dietro di sé alla curva 1 per il secondo posto allorché mancavano sette passaggi alla fine della corsa: via radio, Lucas Di Grassi ha lamentato il mancato funzionamento del FanBoost che gli avrebbe garantito un extraboost di 100 kiloJoule nella fascia di potenza che va da 180 a 200 kW.

Ovviamente, il driver elvetico ha cercato di portare a termine una rincorsa che gli avrebbe consentito di risalire da ultimo a primo (!) ed è arrivato rapidamente nel retrotreno della monoposto del rivale britannico, sottoposto fatalmente a una pressione enorme, ma nelle tornate che mancavano alla bandiera a scacchi l'inseguitore non è stato in grado di trovare un varco per il sorpasso, venendo costretto ad accontentarsi di un comunque utile secondo posto.

Lucas Di Grassi è arrivato terzo dalla settima posizione dello schieramento di partenza, mantenendo il suo record di un cento per cento di piazzamenti sul podio in questa stagione: c'è riuscito con circa 7”5 di ritardo dal vincitore Sam Bird e dalla DSV-01 (DS Virgin Racing) e poco meno di due secondi di vantaggio su Stéphane Sarrazin e la VM200 (Venturi) al quarto posto.

Nicolas Prost, che nelle interviste della vigilia aveva pronosticato per sé e la propria Renault e.dams un piazzamento fra i tre big, ha completato la top five di Baires, dopo aver mantenuto la piazza d'onore alle spalle del vincitore, fino al sorpasso subìto dall'arrembante Antonio Félix Da Costa del Team Aguri alla prima curva del 13esimo passaggio.

Il figlio d'arte francese ha recuperato il terreno e la posizione perduta quando il portoghese si è fatalmente arreso di lì a cinque giri, ma in seguito ha perduto parecchio tempo a causa di un pit-stop dolorosamente lento prima di andare in testacoda alla curva 4.

Loïc Duval della Dragon Racing ha finito l'ePrix in Argentina in sesta posizione davanti al rientrante Nick Heidfeld (Mahindra Racing) e Robin Frijns (Amlin Andretti), che ha smarritodue posti in classifica pressoché in dirittura d'arrivo, mentre Oliver Turvey della NextEV TCR ha sorpassato Bruno Senna (Mahindra Racing) per la nona posizione proprio all'ultima tornata.

Mike Conway, esordiente assoluto in Formula E con la Venturi quale sostituto di Jacques Villeneuve? Il pilota nordirlandese si era ritrovato al quinto posto al termine del walzer dei pit-stop, ma si è giocato ogni possibilità di un piazzamento in zona punti con un malaugurato testacoda, classificandosi soltanto 15esimo.

Sébastien Buemi continua a guidare la classifica di campionato fra i piloti con quattro punti di vantaggio su Lucas Di Grassi, mentre il vincitore di tappa Sam Bird è risalito al terzo posto della generale e adesso paga 28 lunghezze di distacco.

Gara:

PosDriverTeamTime/Gap
1 United KingdomSam Bird  United KingdomVirgin Racing 45:28.385
2 SwitzerlandSébastien Buemi  FranceDAMS +0.716
3 BrazilLucas di Grassi  GermanyAudi Sport Team Abt +7.525
4 FranceStéphane Sarrazin  MonacoVenturi +9.415
5 FranceNicolas Prost  FranceDAMS +11.316
6 FranceLoic Duval  United StatesDragon Racing +15.660
7 GermanyNick Heidfeld  IndiaMahindra Racing +16.444
8 NetherlandsRobin Frijns  United StatesAndretti Autosport +18.685
9 United KingdomOliver Turvey  ChinaChina Racing +22.007
10 BrazilBruno Senna  IndiaMahindra Racing +22.456
11 FranceJean-Eric Vergne  United KingdomVirgin Racing +24.482
12 BrazilNelson Piquet Jr.  ChinaChina Racing +24.641
13 GermanyDaniel Abt  GermanyAudi Sport Team Abt +27.998
14 SwitzerlandSimona de Silvestro  United StatesAndretti Autosport +36.171
15 United KingdomMike Conway  MonacoVenturi +39.581
16 BelgiumJérôme d'Ambrosio  United StatesDragon Racing +1 lap
Ret Antonio Felix da Costa  Team Aguri  
Ret Salvador Duran  Team Aguri  

 

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Evento ePrix di Buenos Aires
Sub-evento Sabato, gara
Circuito Puerto Madero Street Circuit
Piloti Lucas Di Grassi , Sam Bird , Sébastien Buemi
Team DS Virgin Racing , DAMS , Audi Sport Team ABT
Articolo di tipo Gara