Piloti olandesi in Formula 1: Verstappen, Van der Garde, Albers e altri

Nonostante i grandi successi nel karting, classi di formula e auto sportive, in Formula 1 gli olandesi non hanno avuto enormi riscontri. In più di sessant'anni di F1 solo quindici olandesi sono stati al top e pochi hanno conquistato punti. Motorsport.com elenca i quindici piloti olandesi di Formula 1.

Piloti olandesi in Formula 1: Verstappen, Van der Garde, Albers e altri

Con Max Verstappen, il futuro olandese della Formula 1 sembra luminoso. Negli ultimi anni, il pilota Red Bull ha creato furore nella classe regina dello sport automobilistico e ha già dimostrato di avere la stoffa per essere vincente. È quindi logico che sia in cima a questa lista. Ma quali sono tutti gli altri piloti olandesi di Formula 1? Li abbiamo elencati in ordine cronologico.

15. Jan Flinterman

  • Partenze in F1: 1 (1952)
  • Vittorie in F1: 0
  • Podi in F1: 0
1952 Dutch GP

Grand Prix van Nederland 1952

Foto: LAT Images

I  pionieri della Formula 1 nei Paesi Bassi furono Jan Flinterman e Dries van der Lof. Entrambi fecero la loro apparizione nel Gran Premio d'Olanda del 1952 nella classe regina delle corse automobilistiche. Prima di questo, Flinterman aveva lavorato nella forza aerea olandese e aveva volato sugli Spitfire della Royal Air Force britannica durante la guerra.

Cercava anche la velocità sulla terraferma. A Zandvoort, portò la sua Escuderia Bandeirantes Maserati A6GCM in quindicesima posizione. Il distacco dalla pole position era di 15.3 secondi. La sua gara durò sette giri, poi il differenziale si ruppe. Così passò al volante della macchina sorella di Chico Landi - era una pratica comune in quei giorni - e finì nono, sette giri dietro il vincitore Alberto Ascari.

Per Flinterman quella fu l’unica gara in Formula 1. 

14. Dries van der Lof

  • Partenze in F1: 1 (1952)
  • Vittorie in F1: 0
  • Podi in F1: 0

Insieme a Flinterman, il pilota dilettante Van der Lof fu portato in pista per il primo Gran Premio d'Olanda, sperando di attirare più spettatori in circuito. Il Royal Dutch Automobile Club pagò 2.000 fiorini a entrambi i piloti, che furono di fatto i primi piloti paganti del paese.

Van der Lof era principalmente attivo nelle auto sportive e nei rally, ma si qualificò meritatamente per la HWM al quattordicesimo posto al suo debutto in Formula 1. Era tre secondi più lento dei suoi compagni di squadra. Nonostante avesse fatto diversi pit stop per correggere un problema persistente, arrivò al traguardo, anche se non si classificò.

Negli anni successivi, ha accumulato un'impressionante collezione di auto d'epoca, che ha guidato regolarmente fino alla fine della sua vita.

13. Ben Pon

  • Partenze in F1: 1 (1962)
  • Vittorie in F1: 0
  • Podi in F1: 0
Herbert Linge, Ben Pon, Porsche 695 GS

Herbert Linge, Ben Pon, Porsche 695 GS

Foto: LAT Images

Dopo essere entrato in contatto con le corse in Canada, Ben Pon iniziò a correre seriamente a Zandvoort. Ha guidato per la Porsche per molti anni e debuttò in Formula 1 sulla sua pista di casa nel 1962. Nel secondo turno, si schiantò pesantemente ed fu buttato fuori dalla sua auto nella Scheivlak. Miracolosamente, ne uscì senza gravi ferite. Quella fu la sua ultima gara in una macchina di formula. In quegli anni, ha dimostrato regolarmente di essere un ottimo pilota, compresa una vittoria nella sua classe alla 24 ore di Le Mans.

Dopo la sua carriera da pilota, ha lavorato come importatore e ha raggiunto il successo con i vigneti. Il suo Sauvignon Blanc del 2005 è stato nominato il miglior vino bianco dell'estate 2007 dal Wall Street Journal. Nel 1972, ha rappresentato i Paesi Bassi ai Giochi Olimpici nel tiro a volo. Lì si è classificato 31°.

12. Carel Godin de Beaufort

  • Partenze in F1: 26 (1958-1964)
  • Vittorie in F1: 0
  • Podi in F1: 0
Carel Godin de Beaufort, Porsche 718

Carel Godin de Beaufort, Porsche 718

Foto: David Phipps

Il "gentiluomo delle corse" Carel Godin de Beaufort era un dilettante entusiasta e una figura sorprendente nel paddock: con la sua altezza di quasi 2 metri e il suo peso di 118 chilogrammi, non era esattamente un pilota da corsa stereotipato. Nella sua Porsche 718 arancione brillante, ha segnato punti nei Gran Premi ufficiali quattro volte, ma Godin de Beaufort è anche salito sul podio in gare che non contano per il campionato, come Siracusa.

Ha anche vinto la sua classe alla 24 ore di Le Mans, naturalmente con una Porsche. La morte è arrivata in un incidente. Durante le prove del Gran Premio di Germania del 1964 sulla Nordschleife, volò fuori pista e morì per le ferite riportate poco tempo dopo.

11. Gijs van Lennep

  • Partenze in F1: 8 (1971-1975)
  • Vittorie in F1: 0
  • Podi in F1: 0
Gijs van Lennep, Williams

Gijs van Lennep, Williams

Foto: Sutton Images

La maggior parte degli appassionati di motorsport conosce Gijs van Lennep principalmente per le sue due vittorie nella 24 Ore di Le Mans. Nel 1971, vinse la prestigiosa gara insieme all'attuale consigliere della Red Bull, il dottor Helmut Marko. La coppia ha tenuto il record di distanza fino a giugno 2010. Lo stesso anno, Van Lennep fece il suo debutto in Formula 1 con il privato Surtees al Gran Premio d'Olanda. Ha finito all'ottavo posto, a cinque giri di distanza. Due anni dopo, è tornato in F1 nella ISO-Marlboro di Frank Williams. Nella sua gara di casa ha segnato un punto, il primo punteggio per la squadra. Non riuscì a ripetere l'impresa in Austria e in Italia.

Un anno dopo guidò altre due gare per la ISO, ma non riuscì a sfondare. Nel 1975 sostituì Roelof Wunderink alla Ensign e segnò un punto in Germania. Quella fu la sua ultima gara di Formula 1. L'anno seguente, si ritirò dalle corse attive vincendo la 24 ore di Le Mans.

10. Roelof Wunderink

  • Partenze in F1: 3 (1975)
  • Vittorie in F1: 0
  • Podi in F1: 0
Roelof Wunderink, Ensign N174 Ford

Roelof Wunderink, Ensign N174 Ford

Photo by: Rainer W. Schlegelmilch

Il due volte campione olandese di Formula Ford 1600 Roelof Wunderink si è fatto strada attraverso la Formula 3 e la F5000 fino alla Formula 1. Con l'aiuto di HB Bewakingssystemen è finito a Ensign. Data la qualità del suo equipaggiamento e la mancanza di un compagno di squadra, è difficile giudicare le sue prestazioni. In sei tentativi ha completato la griglia di partenza tre volte ma si è classificato in nessuna gara.

Un pesante incidente durante una gara di F5000 a Zandvoort lo colpì duramente. Anche se ha corso qualche altra gara dopo, ha deciso di appendere il casco al chiodo alla fine del 1975.

9. Boy Hayje

  • Partenze in F1: 3 (1976-1977)
  • Vittorie in F1: 0
  • Podi in F1: 0
Boy Hayje, Penske PC3 Ford

Boy Hayje, Penske PC3 Ford

Photo by: Motorsport Images

Hayje fece il suo debutto in Formula 1 nel Gran Premio d'Olanda del 1976 su una F&S Properties Penske. In qualifica ha registrato il 21esimo tempo ma un problema meccanico ha messo fine alla sua gara. Per la stagione successiva Johan Gerard 'Boy' Hayje è passato alla RAM March. In sei tentativi di qualificazione, ha superato il taglio due volte. La 21esima posizione in qualifica è stato il suo miglior risultato, non ha mai visto la bandiera d'arrivo.

Poi è passato alla Formula 2 e all'Aurora F1 Series prima di trasferirsi in America, dove ha corso nel campionato IMSA.

Michael Bleekemolen

  • Partenze in F1: 1 (1978)
  • Vittorie in F1: 0
  • Podi in F1: 0
Michael Bleekemolen, ATS HS1

Michael Bleekemolen, ATS HS1

Photo by: Motorsport Images

Dopo i successi in Formula Ford e Formula Super Vee, e alcune prestazioni solide durante le sessioni di test, la Formula 1 è stata la scelta più ovvia per Michael Bleekemolen. In cinque tentativi - una volta in una RAM March e le altre volte in una ATS - Bleekemolen è stato in griglia di partenza solo una volta: durante il GP americano 1978 a Watkins Glen. In qualifica era due secondi più lento del compagno di squadra Keke Rosberg, ma in gara il divario era inferiore. Tuttavia, è stato di poca importanza, dato che nessuno dei due piloti è arrivato alla bandiera.

Negli anni che seguirono ottenne molti altri successi, sia a livello nazionale che internazionale, e guidò più di mille gare in tutti i tipi di campionati e auto. I suoi figli Jeroen e Sebastiaan si sono appassionati alle corse e possono essere regolarmente ammirati sui circuiti internazionali.

7. Huub Rothengatter

  • Partenze in F1: 25 (1984-1986)
  • Vittorie in F1: 0
  • Podi in F1: 0
Huub Rothengatter (NED) Osella FA1G Grand Prix van Duitsland, Nurburgring, 4 augustus 1985

Huub Rothengatter (NED) Osella FA1G Grand Prix van Duitsland, Nurburgring, 4 augustus 1985

Foto: Sutton Images

Dopo alcuni successi nel campionato tedesco di Formula 3 e nella Formula 2, Huub Rothengatter entrò in Formula 1 nel 1984. In un periodo di tre anni, ha cercato di qualificarsi per una gara trenta volte. Venticinque volte è riuscito in questo tentativo, ma non ha mai finito nei punti. Ha fatto il suo debutto come sostituto di Mauro Baldi allo Spirit. Alla fine di quell'anno, l'olandese fu a sua volta sostituito dallo stesso Baldi.

Un anno dopo, seguì un'altra mezza stagione, questa volta per Osella. In Sudafrica, ha ottenuto la sua migliore posizione di qualificazione al 20esimo posto. In Australia, Rothengatter ha ottenuto il suo miglior risultato in gara: una settima posizione. Tuttavia, il distacco dal vincitore era di quattro giri. Le ultime gare di F1 ha guidato per Zakspeed nel 1986, ma è stato spesso battuto dal compagno di squadra Jonathan Palmer.

È diventato più noto dopo la sua carriera come manager di Jos Verstappen.

6. Jan Lammers

  • Partenze in F1: 23 (1979-1992)
  • Vittorie in F1: 0
  • Podi in F1: 0
Jan Lammers, ATS D4 Ford

Jan Lammers, ATS D4 Ford

Foto: LAT Images

Il momento clou della carriera di Jan Lammers in Formula Uno è senza dubbio il giro che gli diede il quarto posto in griglia nel Gran Premio di Long Beach del 1980 in una ATS. Il fatto che la sua macchina si sia rotta nel giro iniziale della gara rende la storia ancora più eroica.

Nonostante i suoi grandi successi in Formula 3, Lammers non ha mai potuto lasciare un segno indelebile in F1. Anche le squadre per cui ha guidato - Ensign, ATS e Theodore - non gli hanno offerto il materiale per eccellere veramente. L'olandese fu brevemente nominato come sostituto della Renault per l'infortunato Alain Prost nel 1982, ma un incidente a Detroit in cui Lammers si ruppe il pollice glielo impedì. Dieci anni dopo il suo ultimo GP, è tornato, ancora un record in Formula 1.

Lammers ha avuto molti successi nelle auto sportive, tra cui una vittoria alla 24 ore di Le Mans del 1988 e titoli con il suo Racing for Holland. Come direttore sportivo del Gran Premio d'Olanda nel 2021, sarà in grado di vedere di nuovo la Formula 1 da vicino.

5. Jos Verstappen

  • Partenze in F1: 107 (1994-2003)
  • Vittorie in F1: 0
  • Podi in F1: 2
Jos Verstappen, Benetton B194

Jos Verstappen, Benetton B194

Foto: LAT Images

Nel suo primo test di F1 per le frecce, Jos Verstappen ha impressionato all'Estoril, pubblicando tempi più veloci di qualsiasi pilota nel precedente Gran Premio. Tuttavia, il pilota di Limburg è stato in grado di mostrare le sue vere qualità solo con parsimonia.

Come compagno di squadra di Michael Schumacher nella Benetton dell'infortunato JJ Lehto, Verstappen ha segnato un paio di podi, ma per vari motivi raramente potrebbe abbinare la velocità del tedesco. Il fatto che rimase attivo nello sport per altre nove stagioni - anche se per lo più con squadre di centro gruppo e di retroguardia - dimostra che molti credevano in lui e che Jos era più di un pilota medio. Pochi compagni di squadra potevano resistere alle forti prestazioni di 'Jos the Boss', ma non ha mai avuto la possibilità di unirsi di nuovo a una squadra davvero buona.

4. Robert Doornbos

  • Partenze in F1: 11 (2005-2006)
  • Vittorie in F1: 0
  • Podi in F1: 0
Robert Doornbos

Robert Doornbos

Foto: Red Bull GmbH and GEPA pictures GmbH

La vittoria di Robert Doornbos nella F3000 sotto la pioggia a Spa lo ha aiutato a diventare un test driver alla Jordan per la stagione 2004 di Formula Uno. L'anno seguente, doveva fare il suo debutto nelle corse, ma il proprietario del team Eddie Jordan ha venduto la scuderia ad Alex Shnaider di Midland. Doornbos è rimasto come terzo pilota. Dopo il GP di Gran Bretagna si è unito alla Minardi come compagno di squadra di Christijan Albers.

La stagione successiva, Doornbos ha iniziato come terzo pilota per la Red Bull Racing e ha sostituito Christian Klien negli ultimi tre GP del 2006. Al suo debutto fu più veloce del pilota regolare David Coulthard, ma non riuscì a segnare alcun punto. Anche un posto in gara nel 2007 non si è materializzato, dopo di che si è trasferito in America. Lì ha raggiunto il successo nella Champcars e più tardi nella Formula A1GP e Superleague.

3. Christijan Albers

  • Partenze in F1: 46 (2005-2007)
  • Vittorie in F1: 0
  • Podi in F1: 0
Christijan Albers, Minardi Cosworth PS05

Christijan Albers, Minardi Cosworth PS05

Foto: LAT Images

Attraverso la F3 tedesca Christijan Albers finì nel DTM, dove ha gareggiato per il campionato nel 2003 e 2004 al servizio della Mercedes. La sua performance è stata sufficiente per vincere un posto in Formula 1 con la Minardi per il 2005. Nel famoso GP americano di quell'anno ottenne quattro punti al quinto posto, cosa considerata impossibile. Un anno dopo lui e il compagno di squadra Midland Tiago Monteiro erano molto alla pari, ma un anno dopo alla Spyker ha avuto le mani piene con Adrian Sutil.

Nel 2014 ha sorpreso amici e nemici con un ritorno, anche se come team boss della Caterham in difficoltà. Pochi mesi dopo, passò di nuovo le redini.

2. Giedo van der Garde

  • Partenze in F1: 19 (2013)
  • Vittorie in F1: 0
  • Podi in F1: 0
Giedo van der Garde, Caterham CT03

Giedo van der Garde, Caterham CT03

Foto: Andrew Hone / LAT Images

Dopo aver vinto il titolo mondiale di karting e una serie di vittorie nelle classi di formula, Giedo van der Garde ha fatto il suo debutto in Formula Uno nel 2012, anche se come test driver per Caterham. Un anno dopo, ha fatto il suo debutto nel GP. La macchina verde brillante era difficile da battere, anche se ha impressionato a Spa-Francorchamps, finendo terzo in Q1 e 14 ° sulla griglia.

Nel 2014, si è trasferito alla Sauber più competitiva, imparando come pilota di riserva per un anno prima di correre per la squadra nel 2015. Il capo della squadra Monisha Kaltenborn ha messo fine a questo attirando altri piloti con più soldi di sponsorizzazione. Dopo diverse cause e un accordo è rimasto senza un posto. Da allora, mostra regolarmente la sua velocità nelle auto sportive.

1. Max Verstappen

  • Partenze in F1: 140 (2015-presente)
  • Vittorie in F1: 19
  • Podi in F1: 59
Max Verstappen, Red Bull Racing, 1st position, celebrates in Parc Ferme

Max Verstappen, Red Bull Racing in Parc Ferme

Foto: Joe Portlock / LAT Images

L'olandese di maggior successo in Formula 1 è senza dubbio Max Verstappen. È diventato il primo olandese sul gradino più alto del podio e ha ottenuto molti grandi risultati. Dopo i successi nel karting, ha impressionato nel suo primo anno in macchina, dove ha preso il toro per le corna facendo il suo debutto nella forte e difficile Formula 3. Tutte le grandi squadre volevano la sua firma: lui ha scelto la Red Bull. Sono stati in grado di offrirgli un posto in F1 alla Toro Rosso per l'anno successivo.

Con il suo stile spietato e la sua impressionante velocità, si è fatto strada dalla Toro Rosso al top team Red Bull Racing, dove sono arrivati i maggiori successi. Pochi dubitano del fatto che un giorno sarà campione del mondo.

Max è decisamente sopra agli altri piloti olandesi di F1 nella storia e sembra destinato a guidare quella lista per molti anni a venire.

condivisioni
commenti
Fittipaldi: "L'incidente di Enzo identico a quello di Paletti"
Articolo precedente

Fittipaldi: "L'incidente di Enzo identico a quello di Paletti"

Prossimo Articolo

F1 | Haas: Pietro Fittipaldi rimane terzo pilota anche nel 2022

F1 | Haas: Pietro Fittipaldi rimane terzo pilota anche nel 2022
Carica commenti
Video F1 | Piola: "Ecco perché la Williams ha mantenuto la sua identità tecnica" Prime

Video F1 | Piola: "Ecco perché la Williams ha mantenuto la sua identità tecnica"

In attesa delle nuove monoposto, continua l'analisi delle vetture protagoniste della Formula 1 2021. In questo nuovo video di Motorsport.com, la lente d'ingrandimento tecnica di Franco Nugnes e Giorgio Piola è sulla Williams, team che mai come nella passata stagione ha adottato soluzioni inedite...

Formula 1
18 gen 2022
Video | Piola: "Alfa Romeo: buona meccanica ma carente in aero" Prime

Video | Piola: "Alfa Romeo: buona meccanica ma carente in aero"

Alfa Romeo ha investito tutte le proprie risorse in vista della stagione 2022 di Formula 1. Ciononostante, la C41 si è rivelata una monoposto dalla valida base meccanica, come dimostrato tanto da Raikkonen quanto da Giovinazzi, ma carente a livello aerodinamico

Formula 1
16 gen 2022
Video | Piola: “L’Alpine ritrovata dopo il reset in galleria” Prime

Video | Piola: “L’Alpine ritrovata dopo il reset in galleria”

Torniamo a parlare dei team di Formula 1 partecipanti alla stagione 2021 e di come si sono evoluti nel corso dell'anno appena trascorso. Ora tocca all'Alpine: la scuderia di Enstone è tornata alla vittoria in Ungheria e a podio in Qatar, sapendo correggere il tiro in corso d'opera

Formula 1
14 gen 2022
Video F1 | Ceccarelli: “Come vincere le proprie resistenze” Prime

Video F1 | Ceccarelli: “Come vincere le proprie resistenze”

In compagnia di Franco Nugnes, del Dottor Riccardo Ceccarelli e della psicologa Alice Ferrisi di Formula Medicine, in questa puntata di Doctor F1 andiamo ad analizzare e comprendere quelli che sono i comportamenti di un pilota nel suo confronto con i propri limiti

Formula 1
12 gen 2022
Video F1 | Piola: "AlphaTauri più spinta dell'Alpine, meritava il 5° posto" Prime

Video F1 | Piola: "AlphaTauri più spinta dell'Alpine, meritava il 5° posto"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i dettagli tecnici dell'AlphaTauri. Il team di Faenza, giunto sesto in classifica finale dietro all'Alpine, avrebbe meritato di più da questo 2021. Ecco perchè...

Formula 1
11 gen 2022
Video | Penalità in F1: quali sono e come si ottengono Prime

Video | Penalità in F1: quali sono e come si ottengono

Le penalità in Formula 1 sono tra gli argomenti più discussi dell'ultimo periodo. Spesso e volentieri hanno avuto voce in capitolo per decidere il vincitore di un GP, altre volte addirittura per annullare tutti i punti conquistati in una stagione. Ecco una panoramica approfondita e dettagliata per spiegare chi le commina, perché e di che tipo possono essere

Formula 1
9 gen 2022
Le migliori gare del 2021: a Silverstone il Big Bang tra Lewis e Max Prime

Le migliori gare del 2021: a Silverstone il Big Bang tra Lewis e Max

Tra le migliori gare del 2021 c'è sicuramente quella che ha dato il là e ha acceso davvero il duello tra Max Verstappen e Lewis Hamilton. Stiamo parlando del GP di gran Bretagna, che ha avuto come momento più alto l'incidente tra i due contendenti per il titolo alla curva Copse, al primo giro della gara.

Formula 1
8 gen 2022
Video F1 | Piola: "McLaren costretta a fermare lo sviluppo presto" Prime

Video F1 | Piola: "McLaren costretta a fermare lo sviluppo presto"

Continua l'analisi tecnica delle monoposto di Formula 1 presenti sulla griglia del 2021. In questo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i dettagli della McLaren, un team che per gran parte della stagione si è dimostrata una rivelazione. Fino a quando...

Formula 1
7 gen 2022