I dottori rivelano che Lauda era a pochi giorni dalla morte prima del trapianto

I medici che hanno eseguito il trapianto polmonare di Niki Lauda dicono che le sue aspettative di vita senza l'intervento sarebbero state di giorni o settimane.

I dottori rivelano che Lauda era a pochi giorni dalla morte prima del trapianto

Il tre volte campione del mondo di Formula 1 Lauda dovrebbe riprendersi completamente dopo l'intervento a cui è stato sottoposto al Policlinico di Vienna la scorsa settimana.

Un totale di sette specialisti hanno fornito oggi maggiori dettagli sulle circostanze che hanno portato alla sua operazione d'emergenza.

Marco Idzko, capo della divisione di pneumologia dell'ospedale, ha spiegato: "Il signor Lauda soffriva di una cosiddetta alveolite emorragica. Questa è un'infiammazione degli alveoli (le sacche d'aria all'interno dei polmoni), che è stata accompagnata da un'emorragia nel tessuto polmonare e nel tratto respiratorio".

Dopo essersi ammalato, Lauda ha ricevuto una terapia immunosoppressiva, che ha portato ad "un significativo miglioramento della situazione respiratoria.

Tuttavia, si è verificata una malattia polmonare acuta nel 69enne e questo significa che le cellule immunitarie nel sangue sono migrate nei suoi polmoni ed hanno attaccato il tessuto proprio lì.

"Questo alla fine porta alla distruzione ed alla perdita del tessuto polmonare funzionale e il paziente non è più in grado di assorbire abbastanza ossigeno attraverso i suoi polmoni" ha aggiunto Idzko, che ha detto che questo scenario comporta un alto tasso di mortalità.

Essendo limitate le opzioni di terapie farmacologiche alternative, Lauda è stato dotato di ventilazione meccanica nell'unità di terapia intensiva.

"Sfortunatamente, dopo 10 giorni di terapia intensiva, a causa di un rapporto di ossigenazione critico, la terapia è aumentata" afferma il cardiologo Gottfried Heinz. "Abbiamo dovuto eseguire una sostituzione meccanica del polmone, un ECMO, ovvero un'ossigenazione della membrana extracorporea".

A questo punto, Lauda aveva un'aspettativa di vita di soli pochi giorni. Questo quindi lo ha portato sulla lista dei trapianti e gli è stata assegnata una posizione elevata vista la gravità della situazione.

"Potevamo presumere che gli sarebbe stato assegnato un organo adatto nello spazio di pochi giorni" ha detto il chirurgo toracico Konrad Hotzenecker, che ha eseguito il trapianto giovedì scorso insieme a Walter Klepetko e alla sua squadra. "Il tempo medio d'attesa in questi casi è di cinque giorni".

Inizia il processo di recupero

Lauda è stato dotato di un nuovo polmone proveniente da un donatore e secondo i suoi medici per ora procede tutto per il meglio.

"Il polmone ha un'eccellente funzione primaria, quindi siamo stati in grado di rimuovere il supporto circolatorio in sala operatoria" ha spiegato Hotzenecker. "Il polmone ha ripreso bene la sua funzione".

Il direttore del reparto di chirurgia Christian Hengstenberg ha aggiunto: "Possiamo affermare che il paziente è sopravvissuto in maniera eccellente e che poteva essere estubato dopo appena 24 ore".

"Questo è estremamente importante per noi e per l'intero processo di guarigione. Possiamo vedere che è completamente cosciente e che tutto sta funzionando correttamente. Lo sviluppo è molto gratificante".

I medici hanno riferito che i pazienti possono lasciare l'ospedale dopo due o tre settimane dopo un'operazione di questo tipo, anche se nel caso di Lauda ci potrebbe volere di più, visti i precedenti nel reparto di terapia intensiva.

Infatti, sta seguito un intenso programma di fisioterapia e respiratorio, oltre a dover prendere numerosi farmaci.

I medici hanno dato a Lauda una buona prognosi di recupero comunque: "I nostri tassi di sopravvivenza sono oltre il 90% e circa il 75% dopo cinque anni" ha detto il chirurgo toracico Peter Jaksch, che ha sottolineato che i pazienti di solito hanno una buona qualità della vita dopo l'intervento.

Klepetko ha detto che questo non dovrebbe ridurre le capacità di Lauda di tornare al lavoro.

"Le attività future non dovrebbero differire in modo significativo rispetto a quelle precedenti se tutti andrà per il meglio" ha detto.

"La situazione è tale che ci aspettiamo davvero che possa tornare ad una vita normale. Solo il tempo però ci dirà se raggiungeremo il nostro obiettivo".

condivisioni
commenti
Ecco chi sono i nuovi proprietari della Force India

Articolo precedente

Ecco chi sono i nuovi proprietari della Force India

Prossimo Articolo

I team perdono 23 milioni di dollari di entrate a causa del calo dei ricavi della F1

I team perdono 23 milioni di dollari di entrate a causa del calo dei ricavi della F1
Carica commenti
Piola: "Al Ricard è difficile finire il giro con le soft" Prime

Piola: "Al Ricard è difficile finire il giro con le soft"

In questo nuovo video, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano quanto visto nel venerdì di prove libere del GP di Francia. Tante sorprese e tante novità tecniche in un tracciato che "in teoria" sarebbe favorevole a Mercedes, eppure...

Bobbi: "Max vola in curva, ma sembra appeso a un filo" Prime

Bobbi: "Max vola in curva, ma sembra appeso a un filo"

In questa puntata di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Marco Congiu analizzano le prove libere del venerdì del GP di Francia di Formula 1. Red Bull in testa con Verstappen, ma le Mercedes possono cambiare marcia in qualifica. Da tenere d'occhio il prosieguo di weekend dell'Alpine.

Chinchero: "Ferrari, la seconda fila sarebbe un bel colpo" Prime

Chinchero: "Ferrari, la seconda fila sarebbe un bel colpo"

Torna Debriefing F1, programma podcast di Motorsport.com con cui Roberto Chinchero e Giacomo Rauli analizzano le prove libere del GP di Francia al Paul Ricard. Buon ascolto!

Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede" Prime

Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede"

La Formula 1 arriva in Francia, sul tracciato del Paul Ricard. Franco Nugnes e Giorgio Piola, analizzano con la lente d'ingrandimento i primi e nuovi dettagli tecnici presenti sulle monoposto.

Formula 1
17 giu 2021
Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1 Prime

Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1

Lo spagnolo ha parlato con Motorsport.com del suo ritorno in Formula 1, smentendo le critiche che lo hanno accompagnato negli ultimi appuntamenti e puntando con decisioni ad un futuro di successi grazie anche alla rivoluzione regolamentare.

Formula 1
17 giu 2021
Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door" Prime

Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Mara Sangiorgio, giornalista e pit reporter per la Formula 1 di Sky Sport. Una grande passione per la scrittura che l'accompagna sin da quando era solo una bambina, la conduce alle porte degli studi giornalistici. Dall'Italia a New York, Mara muove i primi passi dentro il mondo dei suoi sogni. Mai avrebbe pensato di raccontare lo sport, fino a quando...

Formula 1
17 giu 2021
Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri” Prime

Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri”

Torna l'appuntamento fisso della rubrica del mercoledì mattina firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci parlano dell'imminente Gran Premio di Francia di Formula 1, dove il medico andrà a monitorare una nuova serie di parametri non solo dei piloti

Formula 1
16 giu 2021
F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti Prime

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti

Le monoposto di Formula 1 sono diventate troppo grosse e pesanti e questo si è visto non solo a Monaco, circuito ormai troppo stretto per le moderne monoposto, ma anche a Baku dove i problemi alla gomme sono derivati anche dagli enormi sforzi richiesti alle gomme.

Formula 1
15 giu 2021