FIA: ecco perché non ha indagato su Perez oltre il paletto

Il direttore di gara, Michael Masi, ha confermato che Sergio Perez non ha fatto nulla di sbagliato durante il GP di Turchia, quando è passato sull'ingresso della corsia box mentre era in battaglia con Lewis Hamilton.

FIA: ecco perché non ha indagato su Perez oltre il paletto

Nel corso del 34° giro, il duo procedeva fianco a fianco nelle ultime curve del tracciato di Istanbul e Sergio Perez è finito largo nell'ingresso della corsia box, rientrando poi in pista dopo essere passato oltre il paletto dissuasore che la delimita.

Il pilota della Red Bull poi è riuscito a mantenere la posizione una volta che i due sono arrivati appaiati alla curva 1. Tuttavia, c'era chi aveva ipotizzato che al messicano potesse essere chiesto di restituire la posizione, visto che era passato oltre il dissuasore.

Masi però ha spiegato che non c'è stata alcuna investigazione formale su quanto accaduto, in quanto era evidente che non si è trattato di una sosta ai box abortita, cosa per la quale invece Lewis Hamilton aveva ricevuto una reprimenda in Germania nel 2018 per esempio.

"Ho dato un'occhiata, assolutamente", ha detto. "Ma come spiegano i nostri regolamenti e le note, devi tenere la sinistra del dissuasore solo se sei impegnato ad entrare nella pit lane".

"Quindi non rientra in questa casistica, perché è stata solo una battaglia dura tra i due. Nessuna delle due squadre ha sollevato la questione, né la Mercedes né la Red Bull. E' stata solo una bella lotta dura".

Nell'immediato non c'è stato alcun commento diretto da parte dei due protagonisti, anche se più tardi, nel giro seguente, Perez ha detto via radio: "Mi ha spinto fuori". E il suo ingegnere gli ha risposto: "Capito Checo, grande difesa".

Lewis Hamilton, Mercedes W12, battles with Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B

Lewis Hamilton, Mercedes W12, battles with Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Di solito i piloti si aprono subito in radio per difendere le loro azioni, sapendo che sono ascoltati anche dalla direzione gara. Tuttavia, come ha ribadito Masi, nessuna delle squadre coinvolte lo ha contattato per cercare di sottolineare la colpa dell'avversaria.

"Non ascoltiamo la radio di tutti i piloti. Generalmente, le squadre sono molto attente se c'è qualcosa che vogliono che andiamo a rivedere. Come sapete bene, il pannello radio si accende molto rapidamente!".

Leggi anche:

Dopo la gara, Perez non ha avuto altre rimostranze riguardo al fatto di essere stato spinto fuori dalla pista: "Quel primo stint è stato molto difficile per me, soprattutto verso la fine, perché Lewis era piuttosto veloce", ha detto. "Penso che in quel momento fosse il più veloce in pista, quindi tenerlo dietro è stato piuttosto impegnativo".

"Abbiamo fatto una bella lotta. Ho dovuto anche evitare il dissuasore all'ingresso dei box, ma sono riuscito a rimanere davanti", ha concluso.

condivisioni
commenti
Medical Car F1: van der Merwe rischia di saltare le ultime gare

Articolo precedente

Medical Car F1: van der Merwe rischia di saltare le ultime gare

Prossimo Articolo

Ceccarelli: “Sarà iridato chi ora farà meno errori”

Ceccarelli: “Sarà iridato chi ora farà meno errori”
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021