Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia

F1 | Russell e il cambio di prospettiva: "Ora sono sotto ai riflettori"

George Russell ritiene che il modo in cui è stato dibattuto un commento fuori luogo via radio nei confronti di Mick Schumacher sia la prova di quanto ora sia più sotto ai riflettori in Formula 1.

Mick Schumacher, Haas VF-22, lotta con George Russell, Mercedes W13

George Russell è stato argomento di dibattito in occasione del Gran Premio di Singapore, quando ha messo in dubbio il motivo per cui Mick Schumacher fosse tanto aggressivo nel difendere la posizione nei suoi confronti.

"Schumacher si sta difendendo come se fosse la gara della sua vita, accidenti", ha dichiarato Russell ad un certo punto, mentre la loro lotta finiva con uno scontro.

Dopo la sua prima stagione alla Mercedes, Russell ha detto che quella situazione con Schumacher gli ha dimostrato che ora vengono notate alcune cose di cui non si sarebbe mai accorto nessuno quando era nelle posizioni di rincalzo.

"Sono cose che fanno parte dell'esperienza di quando si è al vertice", ha detto Russell. "Tutto è sotto al microscopio e questo tipo di commento l'anno scorso non sarebbe stato notato".

"Ma credo che ci siano due aspetti: uno è quello di combattere per la propria situazione, l'altro è quello di cercare di scaricare le proprie frustrazioni. E a volte ci si dimentica che si sta parlando al mondo intero".

George Russell, Mercedes AMG

George Russell, Mercedes AMG

Photo by: Michael Potts / Motorsport Images

Russell ritiene che il messaggio radio di Schumacher avesse anche un tono più aggressivo del normale, a causa dell'incidente avvenuto su una pista impegnativa.

"Il mio commento verso Mick era più che altro di frustrazione da parte mia", ha aggiunto. "Avevo viaggiato dall'altra parte del mondo, mi ero impegnato così tanto in quella gara e mi ero ritrovo a lottare fuori dai punti".

"Ero frustrato ed arrabbiato. E chiunque sia frustrato o arrabbiato, fisicamente esausto, sarà un po' emotivo nella foga del momento".

"Se vai a correre sul tapis roulant per un'ora e mezza con 30 gradi, con un alto tasso di umidità, e sei stato sovraccaricato mentalmente, poi succede qualcosa che va contro di te, sarai un po' frustrato".

Russell ha detto di aver preso atto del fatto che, in quanto pilota che punta alla vittoria in F1, tutto ciò che dice è ormai di dominio pubblico.

"Questo fa parte della mia esperienza: uno, controllare questa frustrazione e due, pensare 'ho bisogno di dirlo pubblicamente?' E credo che questa sia una delle sfide del nostro sport".

"Non c'è privacy. Ho scelto di fare il pilota, perché il mio sogno è quello di diventare campione del mondo di Formula 1. Il mio sogno non è quello di essere famoso, di stare davanti alle telecamere ogni giorno. Il mio lavoro e il mio sogno è correre e vincere".

"Alcuni di questi commenti, che sono stati fatti per raggiungere questo obiettivo, dimenticano che ci sono milioni e milioni di persone che guardano da casa e che ogni singola parola viene scritta e passata al microscopio".

"Questa è tutta esperienza per me. Come ho detto, probabilmente ho già detto molte cose del genere alla radio anche in passato, ma a nessuno importava nulla".

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Horner: "Ecco perché abbiamo scelto Ford e non Porsche"
Prossimo Articolo De Vries racconta il debutto F1 a Monza: "Quel weekend volevo correre nel WEC"

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia