Red Bull: senza Aston Martin non avrà title sponsor

Il team di Milton Keynes perderà il marchio automobilistico britannico che rinominerà la Racing Point. Christian Horner ammette che la Red Bull nel 2021 non avrà uno sponsor principale al posto dell'Aston Martin, ma proseguirà la collaborazione con il marchio inglese nella consegna delle Valkirye che sono in realizzazione alla Red Bull Advanced Technologies.

Red Bull: senza Aston Martin non avrà title sponsor
Carica lettore audio

La Red Bull non ha in programma di sostituire l'Aston Martin come title sponsor il prossimo anno, visto che la Casa automobilistica britannica concentrerà gli sforzi sul proprio team di Formula 1. La Racing Point, infatti, verrà rinominata Aston Martin Racing diventando la squadra corse nel massimo campionato automobilistico.

Si interrompe, quindi, il rapporto che dal 2018 legava l’Aston Martin alla Red Bull e che non era legato solo a una sponsorizzazione visto che è nata anche una collaborazione tecnica sul progetto dell'Hipercar Valkyrie.

Con l'acquisizione da parte del consorzio capitanato da Lawrence Stroll dell’Aston Martin il manager canadese ha deciso di rinominare la Racing Point con il marchio della società britannica, per cui inevitabilmente la sponsorizzazione della Red Bull è giunta al termine.

La Red Bull conta di aggiungere nuovi sponsor al suo portafoglio nel 2021, ma Christian Horner, team principal della squadra, ha ammesso che non si aspetta di trovare un sponsor principale.

"Non avremo un title sponsor che sostituirà l'Aston Martin per il prossimo anno – ha spiegato Christian - ma avremo nuovi sponsor che introdurremo nel prossimo anno. Ci siamo goduti quattro anni di collaborazione e abbiamo contribuito a supportare il marchio e ovviamente abbiamo instaurato un ottimo rapporto per la Valkyrie”.

“Gli accordi erano stati stipulati dall'ex CEO, Andy Palmer, che è sempre stato di grande sostegno al team. E con l’arrivo di Lawrence era naturale che ci lasciassero. Non vediamo l'ora di vedere il nome Aston Martin in F1 l’anno prossimo".

Anche se la sponsorizzazione è saltata, la Red Bull continuerà a lavorare sulla Valkyrie visto che consegne dell’auto sono previste nel 2021. Il rapporto resterà in vita fintanto che tutte le hypercar non saranno state completate da Red Bull Advanced Technologies.

condivisioni
commenti
La Formula 1 approva il calendario 2021 con 23 GP
Articolo precedente

La Formula 1 approva il calendario 2021 con 23 GP

Prossimo Articolo

Fernley prende il posto di Domenicali alla FIA

Fernley prende il posto di Domenicali alla FIA

F1 | Audi: factory più grande e tante assunzioni a Neuburg

La Casa degli Anelli è partita con i lavori di ampliamento della sede tedesca di Neuburg dove nasceranno le power uniti che debutteranno in F1 nel 2026 montate sui telai che saranno prodotti a Hinwil. La nuova struttura, denominata F7.2, di oltre 3 mila mq, ospiterà i banchi prova: sarà ultimata nel 2024, ma comincerà ad essere operativa da marzo. L'organico entro metà 2023 sarà portato a oltre 300 dipendenti.

F1 | Mondiale 2023: già cancellato il Gran Premio di Cina

La Formula 1 ha annunciato questa mattina la cancellazione del GP di Cina a causa delle restrizioni imposte dal governo locale. Si cerca l'evento che potrà sostituirlo e mantenere così il Mondiale 2023 a 24 gare: può essere Portimao.

F1 | Brawn: "La F1 non abbia paura di ridurre l'uso del DRS"

Ross Brawn si è schierato contro l'attuale utilizzo del DRS che rende i sorpassi troppo semplici e vorrebbe che l'ala mobile fosse utilizzata solo per consentire a chi segue di avvicinarsi alla vettura che precede.

F1 | Qualifiche: se si causa una rossa si perde il tempo migliore

Nella prossima F1 Commission dovrebbe essere discussa la proposta di cancellare il miglior tempo della sessione al pilota che provoca una bandiera gialla o rossa per evitare i "furbi". L'episodio di Perez a Monte Carlo ha continuato a produrre scorie nocive per cui si vorrebbe trovare un deterrente che eviti situazioni imbarazzanti per la F1.

F1 | Ferrari: perché Maranello non è più la... terra promessa?

Mattia Binotto è stato l'ultimo esponente del Cavallino che è diventato capo dopo una carriera interna: la Scuderia sembra non avere figure adatte (se escludiamo Coletta che è concentrato sul programma della 499P per il mondiale Endurance) per cui la caccia al team principal avviene fuori. E si scopre che la Ferrari non è più un ambito punto di approdo, visto che diversi manager hanno preferito declinare con un no alla chiamata. Frederic Vasseur resta la candidatura più realistica in un quadro confuso.

F1 | McLaren: Alex Palou sarà terzo pilota nella stagione 2023

Alex Palou sarà il terzo pilota e prima riserva del team McLaren nella stagione 2023 di Formula 1 quando la IndyCar non correrà contemporaneamente alla massima serie a ruote scoperte del motorsport.

Formula 1
1 dic 2022

F1 | Con l'aerodinamica attiva arriva il DRS "inverso"?

Con le novità regolamentari previste per il 2026 si potrebbe utilizzare l'aerodinamica attiva per rallentare il leader della gara ed evitare che prenda il largo regalando così uno spettacolo migliore in pista. Parola di Ross Brawn.

Formula 1
1 dic 2022

F1 | Steiner: nel 2023 uscirà il suo libro "Surviving to drive"

Gunther Steiner, team principal del team Haas, ha scritto un libro che uscirà ad aprile 2023 legato alle stagioni in cui è stato a capo della squadra americana sino al 2022 compreso.

Formula 1
1 dic 2022