Confermati 21 Gp per il 2016, ma Austin è a rischio

condivisioni
commenti
Confermati 21 Gp per il 2016, ma Austin è a rischio
Di: Matteo Nugnes
02 dic 2015, 20:51

La gara statunitense deve rinnovare gli accordi con la Federazione locale per garantirsi un futuro

Rio Haryanto, Manor F1 Team
Pascal Wehrlein, Mercedes AMG F1
Sebastian Vettel, Scuderia Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
Pascal Wehrlein, Mercedes AMG F1
Marcus Ericsson, Sauber C34
Kimi Raikkonen, Ferrari

Il più lungo calendario della storia della Formula 1 è stato ufficializzato oggi nell'incontro del Consiglio Mondiale della FIA che è andato in scena oggi a Parigi. Sono infatti 21 gli appuntamenti confermati, anche se resta in dubbio quello di Austin, che necessita ancora di una conferma.

Sullo sfondo ci sono dei potenziali problemi di tipo finanziario, che potranno essere superati solamente dopo il raggiungimento di un contratto con le autorità sportive nazionale. L'incertezza di questo evento, ha quindi portato ad uno spostamento anche del Gp del Messico, che è stato anticipato dal 30 ottobre al 6 novembre.

Confermata anche la data del Gp di Baku nel weekend del 19 giugno, quindi nello stesso della 24 Ore di Le Mans. Concomitanza che impedirà a Nico Hulkenberg di difendere il successo conquistato nell'edizione dello scorso anno.

Per il resto non ci sono altre variazioni, quindi è ufficiale l'apertura il 20 marzo a Melbourne e la chiusura il 27 novembre ad Abu Dhabi. Ristabilita, dunque, anche la pausa estiva: dopo la gara di Hockenheim del 31 luglio si passa a quella di Spa-Francorchamps il 28 agosto.

FORMULA 1 - CALENDARIO 2016
20 marzo - Australia - Melbourne
3 aprile - Bahrein - Sakhir
17 aprile - Cina - Shanghai
1 maggio - Russia - Sochi
15 maggio - Spagna - Barcellona
29 maggio - Monaco - Montecarlo
12 giugno - Canada - Montreal
19 giugno - Azerbaigian - Baku
3 luglio - Austria - Red Bull Ring
10 luglio - Gran Bretagna - Silverstone
24 luglio - Ungheria - Hungaroring
31 luglio - Germania - Hockenheim
28 agosto - Belgio - Spa-Francorchamps
4 settembre - Italia - Monza
18 settembre - Singapore - Marina Bay
2 ottobre - Malesia - Sepang
23 ottobre - Stati Uniti - Austin
30 ottobre - Messico - Città del Messico
13 novembre - Brasile - Interlagos
27 novembre - Abu Dhabi - Yas Marina

Prossimo articolo Formula 1
Mercedes: in telemetria si monitorano le singole parti di motore

Articolo precedente

Mercedes: in telemetria si monitorano le singole parti di motore

Prossimo Articolo

La FIA affida a Todt e Bernie il futuro della Formula 1

La FIA affida a Todt e Bernie il futuro della Formula 1
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Matteo Nugnes
Tipo di articolo Ultime notizie