Binotto: "Poter lottare non significa fare errori sciocchi"

Il team principal ancora una volta ci ha messo faccia dopo il contatto fra Vettel e Leclerc al giro 66 del GP del Brasile. Mattia è chiaro: "Non si tratta di multare o incolpare uno dei due piloti. Oggi erano liberi di giocarsi la posizione, ma sono deluso per la Ferrari. Ne parleremo con la dovuta calma".

Binotto: "Poter lottare non significa fare errori sciocchi"

Nei momenti peggiori Mattia Binotto ci mette sempre la faccia. Era accaduto nel sabato di Monte Carlo, quando un errore di valutazione aveva lasciato fermo ai box Charles Leclerc poi escluso dal turno Q1, ed è accaduto anche ieri a San Paolo.

Nel tradizionale incontro con i media della domenica sera, il team principal del Cavallino si è presentato da solo, orfano dei due piloti che un paio di ore prima avevano gettato la vento il bottino di tappa della rossa.

La Ferrari ha deciso di non far parlare Vettel e Leclerc, e a far luce su quanto è accaduto in pista ai due piloti della Scuderia è stato Binotto.

Le domande, e non sarebbe stato possibile diversamente, sono state tutte in merito al ‘fattaccio’ del 66esimo giro del Gran Premio del Brasile, un episodio che sarà uno spartiacque nel rapporto futuro tra Leclerc e Vettel.

Cosa ne pensi dell'incidente e quanto sei deluso?
“Non ho ancora esaminato l'incidente, e non voglio farlo oggi. Queste non sono situazioni che vanno giudicate a caldo, credo che si possa arrivare a conclusioni errate. Ho sentito entrambi i piloti, si incontreranno di nuovo per discutere su quanto è successo oggi, e ci sarà tempo per analizzare tutti i video e i dati a disposizione".

"Al di la di quello che sarà il giudizio, oggi l’aspetto più rilevante è che siamo delusi e dispiaciuti per la squadra, ed i piloti dovrebbero essere dispiaciuti per i disagi creati al team. È vero che è stato un incidente molto piccolo che ha avuto conseguenze ben maggiori, ma sono cose che non dovrebbero accadere”.

Ritieni che la colpa sia di un pilota in particolare? Come gestirai questa situazione?
“Non si tratta di multare o incolpare uno dei due piloti. Oggi erano liberi di giocarsi la posizione, li abbiamo lasciati correre poiché abbiamo già consolidato il secondo posto nella classifica Costruttori, e di fatto stavano solo lottando per la loro posizione nel campionato piloti. Ma essere liberi di confrontarsi non significa commettere errori sciocchi, specialmente tra i due compagni di squadra che corrono per la Ferrari. Per me oggi, è stata semplicemente un'azione sciocca”.

In passato la Ferrari era piuttosto severa nel vietare confronti tra i suoi piloti, mentre quest'anno abbiamo visto un approccio opposto. Sei pentito? Potresti rivedere questa politica?
“Non so cosa intendiate per ‘in passato’. Non voglio approfondire questo aspetto, ma quando nel corso di questa stagione abbiamo gestito i piloti dal muretto siamo stati criticati, ed oggi che li abbiamo lasciati liberi di correre probabilmente saremo criticati".

"C'è sempre una ragione dietro le decisioni che prendiamo, e credo che oggi sia stato giusto lasciarli correre, non ho dubbi in merito. Perché, come ho detto, ci eravamo già assicurati il ​​secondo posto nel campionato Costruttori”.

Credi che sia un bene per voi avere due piloti molto veloci o pensi che questa relazione potrà difficilmente andare avanti nel modo corretto nel 2020?
“Sono ancora convinto che sia un lusso avere due piloti di questa caratura, parliamo di ottimi piloti. Entrambi rappresentano un buon punto di riferimento reciproco, abbiamo visto quanto sono migliorati, e Seb nella seconda metà è stato sicuramente molto veloce. Quindi penso che nel complesso sia ancora un vantaggio per la squadra".

"Sotto certi aspetti è fortuna che questa situazione si sia verificata oggi, perché ci lascia il tempo di intervenire in vista del prossimo anno. Coglieremo l’occasione per chiarire come ci si dovrà comportare in futuro”.

 

Sebastian ha uno storico abbasta chiaro, non gli piace essere gestito. Ci sono i precedenti in Red Bull, ed anche recentemente in Russia ha ignorato gli ordini di squadra. Alla luce di quanto accaduto oggi, come interverrete?
“Non penso che si tratti di gestirlo, ma di riconoscere quali sono state le azioni non corrette e gli errori. Che tu sia un pilota o un ingegnere, qualunque cosa tu stia facendo, riconoscere gli errori è cruciale per andare avanti nel modo corretto, è solo così che si migliora".

"Ciò che sarà importante per entrambi i nostri piloti sarà capire cosa è successo, non nel caldo, ma quando saranno insieme a Maranello, e mi aspetto che siano loro a riconoscere gli errori, non io a doverli spiegare”.

Leggi anche:

C’è il precedente del Gran Premio di Russia, la confusione nelle qualifiche di Monza e l’episodio di oggi. Descriveresti la relazione tra i vostri due piloti come un rapporto corretto?
“Quanto si vede dall’esterno è molto differente dalla realtà che viviamo nel team. È vero che a Monza si è verificata una situazione non facile da gestire, hanno dovuto chiarirsi e lo hanno fatto parlandosi molto apertamente faccia a faccia".

"Lo stesso è accaduto dopo la Russia, e credo che partendo da inizio stagione, quando Charles e Sebastian non si conoscevano, si sia costruito tra i due un buon rapporto. Ma ovviamente quanto accaduto oggi non è d’aiuto, anche se allo stesso tempo non è neanche un dramma. Questo episodio può diventare un’opportunità in vista del prossimo anno, e la sfrutteremo”.

Dopo i momenti molto caldi verificatisi in Mercedes nel 2016 (tra Hamilton e Rosberg) Wolff ha fissato regole e un codice di comportamento. Farete lo stesso?
Non so cosa abbia fatto Toto, non voglio giudicare e non sono interessato. Ma certamente dovremo chiarire all’interno della squadra cosa è sciocco e cosa no, così come i limiti delle azioni. Gli incidenti accadono, ma quando sei lasciato libero di combattere bisogna capire quanto si può rischiare così come quando non bisogna farlo. È una linea sottile, ed oggi è stata oltrepassata in modo inutile”.

Dopo le prime valutazioni sull’episodio incriminato, i vostri due piloti si accusano a vicenda?
“Ci siamo parlati e li ho ascoltati perché la ragione principale per cui li ho visti è stato perché io avevo qualosa da dire loro. Mi piacerebbe vederli porre delle scuse sincere alla squadra".

In questo weekend avete confermato il ritmo ‘normale’. Avere capito cosa non ha funzionato ad Austin e credi che siate riusciti a mettere a tacere tutti coloro che hanno accusato la Ferrari di barare?
“La performance vista oggi in gara mi ha ricordato il Gran Premio del Messico. Manca ancora qualcosa sul fronte del passo in gara, ma Sebastian non ha avuto problemi ad occupare la terza posizione, così come era in cassaforte la quarta piazza di Charles. Quella di Austin per noi è stata una brutta gara ma, ripeto, non sappiamo ancora con precisione cosa sia successo”.

Avreste potuto fare qualcosa per impedire il contatto tra Seb e Charles?
“C'è sempre qualcosa che si può fare meglio, ma oggi gli errori sono stati commessi dai piloti. Cosa avremmo potuto fare meglio come squadra? Dovremo fare luce su tutti e fare in modo che non accada più”.

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
1/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
2/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
3/12

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

La monoposto incidentata di Sebastian Vettel, Ferrari SF90
La monoposto incidentata di Sebastian Vettel, Ferrari SF90
4/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

La monoposto incidentata di Sebastian Vettel, Ferrari SF90
La monoposto incidentata di Sebastian Vettel, Ferrari SF90
5/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

La monoposto incidentata di Sebastian Vettel, Ferrari SF90
La monoposto incidentata di Sebastian Vettel, Ferrari SF90
6/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

La monoposto incidentata di Charles Leclerc, Ferrari SF90
La monoposto incidentata di Charles Leclerc, Ferrari SF90
7/12

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, durante la conferenza stampa
Sebastian Vettel, Ferrari, durante la conferenza stampa
8/12

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
9/12

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
10/12

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari
Charles Leclerc, Ferrari
11/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari parla ai media
Sebastian Vettel, Ferrari parla ai media
12/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Gasly: "Ho pregato che il motore Honda mi potesse dare tutto"
Articolo precedente

Gasly: "Ho pregato che il motore Honda mi potesse dare tutto"

Prossimo Articolo

Giovinazzi: "Il quinto posto? Grazie a una grande strategia"

Giovinazzi: "Il quinto posto? Grazie a una grande strategia"
Carica commenti
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021