Lukyanuk: "Corro con la Mitsubishi perché non si vince stando seduti a casa"

Alexey Lukyanuk al Rally Liepāja non sarà al via con la Fiesta R5, ma con la Mitsubishi Lancer Evolution X per risparmiare denaro e continuare a crescere come pilota.

Lukyanuk: "Corro con la Mitsubishi perché non si vince stando seduti a casa"
Carica lettore audio

Alexey Lukyanuk cambia vettura per il Rally Liepāja, nono round del FIA European Rally Championship.

Il principale rivale di Kajetan Kajetanowicz nella corsa al titolo ERC ha scelto di correre in lettonia con una Mitsubishi Lancer Evolution X, vettura di Classe ERC2 con la quale trionfò all'auto24 Rally Estonia del 2015.

Il russo ha deciso di lasciare momentaneamente il volante della Ford Fiesta R5 per risparmiare denaro in vista della prossima stagione, ma questo passo indietro non lo spaventa, anzi: è più motivato che mai a proseguire la sua crescita come pilota per poi lottare per grandi traguardi in futuro.

"Per noi era molto importante correre in Lettonia e sono convinto che anche con quest'auto possiamo ottenere bei risultati - ha detto Lukyanuk - Quest'anno abbiamo passato momenti difficili, ma non è stando seduti a casa che si vincono trofei".

Il nativo di San Pietroburgo resta comunque in corsa per il titolo piloti, seppur con chance molto ridotte. Questo però non lo scoraggia, sapendo che con la sua Mitsubishi potrà ugualmente essere protagonista del weekend.

Lukyanuk sarà quindi uno dei favoriti per la vittoria in Classe ERC2, dove però dovrà vedersela con Wojciech Chuchała, Giacomo Scattolon e Tibor Érdi Jr.

Inoltre avremo in gara anche i temibili concorrenti locali, come ad esempio Jānis Vorobjovs e Māris Neikšāns (che corre per la prima volta in veste di pilota e non di navigatore). Occhio anche all'estone Siim Plangi, sempre velocissimo e secondo nel 2015.

condivisioni
commenti
Sirmacis: "La pressione di correre in casa mi dà motivazioni, voglio vincere!"
Articolo precedente

Sirmacis: "La pressione di correre in casa mi dà motivazioni, voglio vincere!"

Prossimo Articolo

Kajetanowicz: "Ho una grande responsabilità sulle spalle, ma resto umile nell'approccio"

Kajetanowicz: "Ho una grande responsabilità sulle spalle, ma resto umile nell'approccio"
Carica commenti